Trio Banana – Arthur Dent EP (Bubca, 2013)

La prima volta in cui mi sono imbattuto nel Trio Banana è stato poco più di un anno fa. Erano venuti a suonare in una bettolaccia genovese – che tra le altre cose ora è uno dei posti più alla moda della città – davanti a un pubblico di quattro bifolchi, fra cui il sottoscritto. I “Banani” paladini del garage lo-fi registrato non solo col culo, ma anche nel cesso, suonano come se qualcuno stesse cercando di scorticarli vivi. Urlano e pestano sugli strumenti come dei ferrai incazzati. Il tutto con un barlume di melodia ossessiva e lancinante, che piano piano ti entra dentro il cervello. Una formula brevettata da molti disperati prima di loro, che puntualmente torna anche in quest’ultimo Arthur Dent EP. Il CDr, che porta il marchio della romana Bubca Records – gente fuori di melone che dedica compilation alla merda e Pazuzu – conta tre brani di blues marcio, distorto, sporco e macchiato di sugo alla matriciana, che sembrano suonare anche più dissonanti e spigolosi rispetto ai lavori passati. Il dischetto in questione sa di roba fotocopiata, chitarre scordate e ignoranza in abbondanza. Il primo pezzo, I Can Find The Way In The Sky, assomiglia al garage cosmico di alcuni gruppi kraut – la dedica dell’EP al protagonista di Guida Galattica Per Autostoppisti potrebbe non essere un caso – rock dallo spazio, insomma, anche se suonato senza il benché minimo talento musicale. Un lamento continuo che sfocia nella più “classica” Cactus, una sorta b-side di un live registrato male e su cassetta degli Stooges, periodo eroina pesante. Le parole sono impossibili da distinguere e si fondono sui piatti della batteria. Chiude il terzetto delle meraviglie In My Life, una “ballad” punk ansiogena e malata, dal retrogusto desertico. Insomma un altro dischetto tutto da consumare e riascoltare senza sosta, sempre che amiate il genere. Se invece siete più i tipi da registrazioni leccate con i coretti al posto giusto, allora, potreste avere un attacco di panico, se vi capitasse di imbattervi in questi tre fusi di testa della Capitale. Il Trio Banana è pronto a vomitare sulle vostre scarpe alla moda.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Midnight Faces - Fornication (Autoprodotto, 2013)

Dicono di loro di sentirsi come Tom Petty che incontra i Cure. Mi fanno sempre sorridere questi tipi di affermazioni:…

25 Oct 2013 Reviews

Read more

The Eagle Twin Ascend the Iceburn: intervista a Gentry Densley

Dopo aver ripercorso la carriera di Gentry Densley dagli esordi (Iceburn) ai nostri giorni (Ascend e Eagle Twin) nell'articolo monografico,…

07 Mar 2012 Interviews

Read more

Speedy Peones – Karel Thole (Shyrec, 2010)

Finalmente un dischetto estivo come si deve, di quelli capaci di ricordarti che, aldilà di afa e lavoro, ci sono…

17 Jun 2010 Reviews

Read more

7 Training Days – Finale/Forward EP (Autoprodotto, 2012)

Merita almeno una segnalazione questo breve EP dei frusinati 7 Training Days, di cui già avevamo avuto modo di parlare…

10 Dec 2012 Reviews

Read more

Tindersticks - Ypres (Lucky Dog/City Slang, 2014)

Non sorprende affatto vedere i Tindersticks, rinomata band inglese di "pop orchestrale da cameretta", alle prese con un lavoro musicale…

05 Dec 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 25 (16/04/15)

Puntata numero venticinque della terza stagione di The Sodapop Fizz, questa volta l'ospite di Emiliano e Stefano è Gianluca Becuzzi che porta…

20 Apr 2015 Podcasts

Read more

16 Barre / Watch The Dog - Li Ho Visti…

Il problema principale di un certo di tipo di hip hop è la più completa e totale autoreferenzialità, benché…

11 Dec 2009 Reviews

Read more

Massimo De Mattia - Mikiri+3 (Setola Di Maiale, 2011)

Si tratta di un disco decisamente anomalo per il catalogo della Setola Di Maiale, non tanto per la grande fruibilità…

23 Sep 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - Guitars, An Anthology Of Experimental Solo Guitar Music…

Qualcuno dei più attempati la fuori ricorda quella mitica compilation intitolata Guitarrorists? Beh... si trattava di un doppio lp e…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

Punk 'n' Rai (prima parte)

Il punk? Musica paranoide e sgradevole. I punk? Una rimasticatura di James Dean e dei Teddy Boys. Così la Televisione…

21 Apr 2013 Articles

Read more

Giulio Aldinucci - Tarsia (Nomadic Kids Republic, 2012)

Il nuovo lavoro di Giulio Aldinucci esce per una etichetta giapponese e questo mi conferma l'idea che mi ero fatto…

13 Nov 2012 Reviews

Read more

Riul Doamnei - Apocryphal (Dead Sun, 2007)

Ci sono alcune caratteristiche nella musica di oggi assolutamente sorprendenti. Perché fino all’inizio degli anni novanta le band italiane di…

01 Jun 2007 Reviews

Read more

Makhno – Silo Thinking (Wallace/Neon Paralleli/Hysm?/Brigadisco, 2012)

Makhno (nome di un anarchico ucraino già usato per una collaborazione fra Nicola Guazzaloca e Francesco Guerri) è il moniker…

12 Oct 2012 Reviews

Read more

Kajsa Lindgren – WOMB (Hyperdelia, 2018)

Seconda uscita per l’etichetta berlinese Hyperdelia, WOMB, lavoro della sound artist Kajsa Lindgren, che partendo da una base di field…

01 Aug 2018 Reviews

Read more

Edible Woman - The Scum Album (Ame/Psychotica, 2007)

Come già detto per altri dischi anche per gli Edible Woman capacità degli strumentisti ed una buona produzione annullano completamente…

26 Apr 2007 Reviews

Read more

Drink To Me - Don’t Panic, Go Organic (Midfinger, 2008)

Esordio ufficiale per i canavesani Drink To Me, dopo una serie di cd-r per la personale etichetta Stuprobrucio. Meno naif…

27 Apr 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top