The Haarp Machine – Disclosure (Sumerian, 2012)

Una doverosa premessa: non sono assolutamente un esperto di technical death metal, o di progressive metal, quindi non ho masticato proprio pane per i miei denti durante l’ascolto di Disclosure degli Haarp Machine, che invece bazzicano proprio quei lidi. Mi perdonerete, quindi, se non mi dliungherò nel citare influenze o gruppi di riferimento, rimanendo più distaccato nell’analizzare il disco, poco più di mezzora, che esce per Sumerian. La copertina agghiacciante e kitsch va di pari passo con la musica: una sorta di death metal (per la voce, in grande parte gutturale) tecnico e ostentato, con risacche progressive, soprattutto nella scelta del gruppo di inserire parti più rilassate e variegate in un tessuto iperdinamico e aggressivo. Una scelta che se da un lato permette di smorzare il forte assalto cieco della musica, con dei momenti di interludio decisamente più leggeri, dall’altro ci pone di fronte all’eterno quesito: una band che mette tra gli ingredienti cento cose diverse, alcune in palese contrasto tra di loro, è una pioneristica sperimentatrice, oppure una forzata macedonia che appare indigesta ancora prima di arrivare nella nostra bocca? Un sospetto, il secondo, che può sovvenire più di una volta: l’alternanza tra growl, screaming e voce pulita, le chitarre e i ritmi intricati intervallati da eteree melodie, sprazzi mediorientali e strumentazioni più leggere (tastiere, sitar, koto) creano un Moloch arruffatto e pretenzioso. Tuttavia il mestiere c’è e se siete fanatici dei tecnicismi e delle “sbrodolate” in tema “hard and heavy” potrete gustarne a profusione. Paragonata alla pletora di band che negli ultimi anni hanno visto affibbiarsi l’etichetta di deathcore la band inglese dice anche la sua: il mastermind Abdullah Al Mu’min non si accontenta di assomigliare a tanti altri gruppi e fa della sua ambizione la molla per infilare un mondo intero dentro il disco, mescolato allo sfinimento, col rischio, come detto, di nauseare più che attrarre. Se amate il genere accomadetevi pure in platea, io torno ad ascoltarmi del garage-punk.

nota: brano in streaming non contenuto nel disco recensito

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Putan Club – 10/04/10 Le Tits (Brescia)

A un solo giorno di distanza da Amaury Cambuzat coi suoi Ulan Bator anche il cugino Francois (già Gran Teatro…

08 Apr 2010 Live

Read more

Il Buio - S/T EP (Hate Recording Studio, 2010)

Cinque ragazzi dalla provincia di Vicenza pubblicano cinque canzoni per il loro esordio a nome Il Buio: il nome del…

25 Sep 2010 Reviews

Read more

Kailash - S/T (Trazeroeuno, 2006)

Scintillante e stiloso Death iper-tecnico per i Kailash, giovani virgulti nostrani. La scuola del mai abbastanza compianto Chuck Schuldiner ha giustamente generato…

28 Apr 2007 Reviews

Read more

AA.VV. - The Toysound Of Earsugar (Earsugar Jukebox, 2005)

Come si evince da alcuni miei scritti, che sicuramente non passeranno alla storia, sono un drogato di 7". Ma, nella…

10 Jan 2007 Reviews

Read more

Spraydog - Karate Summer Camp (Ferric Mordant, 2007)

Nostalgici amanti dell'indierock anni '90 fatevi sotto... questo disco fa per voi. Gli Spraydog sono rimasti ancora quello che erano…

25 Dec 2007 Reviews

Read more

Barnacles - The Evening News (Arell, 2017)

Esordio sulla breve distanza per la nuova creatura di Matteo Uggeri, che come Barnacles pubblica su Arell (nel bel formato…

03 May 2017 Reviews

Read more

Rollerball - Two Feathers (Wallace, 2009)

Ecco qui il "solito" disco dei Rollerball che è come dire il solito disco dei Portishead o dei Tortoise, infatti…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Replace The Battery - Daily Birthday (In The Bottle, 2010)

Non male, l’esordio di questo quintetto padovano che risponde al nome di Repalce the Battery. Però. Citano Explosion In The…

26 Jan 2011 Reviews

Read more

Sincabeza - Edit Sur Passage Avant Fin Ou Montée D'Instrument…

La Distile continua a rigurgitare rock e post-rock a profusione ed i "senza testa" non sgarrano dalla linea editoriale della…

09 Mar 2007 Reviews

Read more

Plunkett - 14 Days (Autoprodotto, 2006)

Lascia perdere le tue “10 ragazze per me”. Piuttosto, 14 giorni ti posson bastare? Ne mancano proprio 14 alla fine…

16 Dec 2006 Reviews

Read more

Mombu – Zombi (Subsound, 2012)

Non si tratta del nuovo lavoro dei Mombu, bensì dell'edizione vinilica (con accluso CD) dell'album dello scorso anno, opportunamente rivisto…

15 Nov 2012 Reviews

Read more

Black Mountain - Wilderness Heart (Jagjaguar, 2010)

Spinto da un grande sforzo pubblicitario arriva il terzo disco dei rcanadesi Black Mountain, ormai consolidati come uno dei più…

14 Oct 2010 Reviews

Read more

Io, Monade Stanca – The Impossible Story Of Bubu (Africantape,…

Il primo scoglio da superare è il nome, più adatto a un romanzo di Susanna Tamaro che non a un…

29 Oct 2009 Reviews

Read more

Io Monade Stanca - In The Thermi Table (Canalese Noise,…

La provincia di Cuneo riserva sempre qualche bella sorpresa alle mie orecchie. Gli Io Monade Stanca propongono un rock storto…

13 Apr 2009 Reviews

Read more

Larsen Lombriki - Free From Deceit Or Cunnings (Snowdonia, 2005)

Vivere nelle grotte, negli anfratti del terreno, in buie spelonche dove anche il più esile dei suoni viene amplificato. Il…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Strongly Imploded - Why Use A Proxy? (Ikuisus, 2009)

Per quanto non ci sia alcuna specifica all’interno del cd se non delle sigle, guardando sulla loro pagina myspace ho…

23 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top