The Haarp Machine – Disclosure (Sumerian, 2012)

Una doverosa premessa: non sono assolutamente un esperto di technical death metal, o di progressive metal, quindi non ho masticato proprio pane per i miei denti durante l’ascolto di Disclosure degli Haarp Machine, che invece bazzicano proprio quei lidi. Mi perdonerete, quindi, se non mi dliungherò nel citare influenze o gruppi di riferimento, rimanendo più distaccato nell’analizzare il disco, poco più di mezzora, che esce per Sumerian. La copertina agghiacciante e kitsch va di pari passo con la musica: una sorta di death metal (per la voce, in grande parte gutturale) tecnico e ostentato, con risacche progressive, soprattutto nella scelta del gruppo di inserire parti più rilassate e variegate in un tessuto iperdinamico e aggressivo. Una scelta che se da un lato permette di smorzare il forte assalto cieco della musica, con dei momenti di interludio decisamente più leggeri, dall’altro ci pone di fronte all’eterno quesito: una band che mette tra gli ingredienti cento cose diverse, alcune in palese contrasto tra di loro, è una pioneristica sperimentatrice, oppure una forzata macedonia che appare indigesta ancora prima di arrivare nella nostra bocca? Un sospetto, il secondo, che può sovvenire più di una volta: l’alternanza tra growl, screaming e voce pulita, le chitarre e i ritmi intricati intervallati da eteree melodie, sprazzi mediorientali e strumentazioni più leggere (tastiere, sitar, koto) creano un Moloch arruffatto e pretenzioso. Tuttavia il mestiere c’è e se siete fanatici dei tecnicismi e delle “sbrodolate” in tema “hard and heavy” potrete gustarne a profusione. Paragonata alla pletora di band che negli ultimi anni hanno visto affibbiarsi l’etichetta di deathcore la band inglese dice anche la sua: il mastermind Abdullah Al Mu’min non si accontenta di assomigliare a tanti altri gruppi e fa della sua ambizione la molla per infilare un mondo intero dentro il disco, mescolato allo sfinimento, col rischio, come detto, di nauseare più che attrarre. Se amate il genere accomadetevi pure in platea, io torno ad ascoltarmi del garage-punk.

nota: brano in streaming non contenuto nel disco recensito

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Laika Nello Spazio - Dalla Provincia (Overdub, 2019)

Rabbioso trio proveniente dall'hinterland milanese e attivo fin dal 2016. Salta subito all'orecchio la presenza di due bassi che inevitabilmente…

11 Oct 2019 Reviews

Read more

Cursive + Green Like July - 19/05/12 Twiggy Club…

'I sogni son desideri di felicitààà...' e con un maggio che pare - oggettivamente dal punto di vista meteo e…

08 Jun 2012 Live

Read more

L'Inverno Della Civetta - S/T (DreaminGorilla/Greenfog/Taxi Driver, 2014)

L'Inverno Della Civetta è il primo documento che testimonia la collaborazione tra tutti quegli artisti che da anni orbitano intorno…

28 Apr 2014 Reviews

Read more

Chaos Physique – The Science Of Chaotic Solutions (Jestrai, 2009)

Il nuovo progetto di Amaury Cambuzat, a suo tempo negli Ulan Bator, condiviso con Diego Vinciarelli e Pier Mecca, si…

21 Oct 2009 Reviews

Read more

Corrado Altieri – Less (Azoth, 2019)

Con Less Corrado Altieri dismette i panni brutali del terrorista sonoro celato sotto il nome di Uncodified per esplorare territori…

01 Oct 2019 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 17 (12/02/15)

Per la puntata numero diciassette della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano in trasmissione Stefano Santabarbara…

16 Feb 2015 Podcasts

Read more

RPWL - World Through My Eyes (SPV/InsideOut, 2005)

Pur continuando a turbinare nel girone progressivo scatologico, stavolta, ammetto di esser incappato in qualcosa di interessante ed anche prezioso.…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

The Lavender Flu - Heavy Air (Holy Mountain, 2016)

Mentre i mitici Sic Alps ci hanno lasciato da un po' di tempo a bocca asciutta, a compensare la perdita…

08 Mar 2017 Reviews

Read more

Le Singe Blanc - Strak! (Magdalena/Keben, 2006)

In questo disco la scimmia bianca (questa la taduzione del mome Le Singe Blanc) sembra davvero "stracca", che esattamente come in…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

2010 - il disorientamento fagocita il mondo

2010, e il disorientamento fagocita il mondo. Tanto vale sguazzarci dentro. Cosa ho ascoltato quest'anno? Che cosa ho ascoltato più…

08 Nov 2010 Articles

Read more

Mondongo - Transparent Skin (Megaplomb, 2011)

Degna accoppiata di Megaplomb che assieme al ritorno dei Calomito fa uscire questi Mondongo, un gruppo nuovo solo nel nome…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

John Tilbury / Keith Rowe / Kjell Bjørgeengen - Sissel…

Sissel è il resoconto di un concerto tenutosi nel 2016 al Moving Sound di Stavanger in Norvegia, un ex supermarket…

02 Jun 2018 Reviews

Read more

Nytt Land – 14/09/2019 VII Midgard Viking Folk Fest (Viadana…

Sono insolite connessioni culturali quelle che portano, in questa notte di luna piena e rossa, i siberiani Nytt Land (quattro…

17 Sep 2019 Live

Read more

Hobocombo – Moondog Mask (Trovarobato/Tannen, 2013)

La maschera di Moondog si intitola la seconda fatica degli Hobocombo, ma quello che si sente nelle nove tracce di…

13 Nov 2013 Reviews

Read more

Psychofagist W/Napalmed – Songs Of Faint And Distortion (Fobofile, 2013)

Un occhio al cuore ed un occhio alla testa. I mangiatori di psiche non hanno mai perso di vista il…

29 Apr 2013 Reviews

Read more

Father Murphy - Orsanti They Call Them (Yerevan Tapes, 2013)

Per la gioia di tutti gli aficionados del loro personalissimo culto tornano i Father Murphy: dopo Anyway Your Children Will…

04 Jun 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top