Radio Birdman – Zeno Beach (Crying Sun, 2006)

L’uomo uccello della radio (velo pietoso sulla traduzione italiana di un nome che in inglese è semplicemente fenomenale; e vi risparmio la genesi) vola ancora. Anno 1981 d.C.: esce il loro secondo e ultimo album in studio (non terremo conto di ep, live, live in studio, raccolte e bootleg vari che sono stati pubblicati a pioggia nel corso degli anni a seguire). Ben 25 anni dopo – non prima di averci regalato un tour di reunion in grande stile – gli arzilli anzianotti australiani (diciamo che siamo sui 50, come media di età) pubblicano un album in studio e non si accontentano di aver scritto nuovi pezzi. No.
Se lo autoproducono e finanziano interamente loro stessi. “Così non dobbiamo niente a nessuno” dicono nel sito della band. Rispetto… specialmente da parte mia, che all’idea di autoprodurmi un disco adesso (e di anni ne ho una quindicina-ventina in meno dei Radio Birdman, direi) mi colgono con virulenza i sintomi della peste bubbonica, del cimurro e dell’aviaria. Ma, alla fine dei conti, a parte tutta la pur suggestiva coreografia, come caspita è questo dischetto (uscito, fortunatamente, anche in versione vinilica per gli old fashioned coglions come me)?
È… bello. Certo, mi si permetta di dire che Radio appears resta la vetta della band, ma per dio… sono passati 25 anni e ci si potevano aspettare cose infinitamente peggiori. Invece lo spirito Birdman c’è. È vivo. Scalcia e ti guarda storto, minaccioso. E gli hit potenziali non si fanno certo rincrescere: come la scura “Found dead”, la super Sixties (molto paisley e poppeggiante: sembra di sentire i Dream Syndicate in una jam coi Died Pretty) “Die like April”, la nervosa “If you say please” o la title track più sul versante fun\surf. L’estate impazza, lo squallore dell’Italia vacanziera incombe… ma uscite come questa rendono il tutto più sopportabile. Trovatelo e – se siete tecnologici – piazzatevelo anche nel lettore mp3. Vi garantisco che è un’esperienza ascoltarlo in un pomeriggio assolato, camminando nella città boccheggiante.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Ka Mate Ka Ora - Violence (White Birch, 2012)

Terzo lavoro per i Pistoiesi Ka Mate Ka Ora, già trattati su questo sito con le due prove precedenti. Con…

21 Feb 2013 Reviews

Read more

[mumble]³ - Blank (Brlog, 2011)

Tornano i torinesi Mumble Mumble Mumble, stabilizzatisi come terzetto dopo la prova in parziale duo dello scorso anno. Se allora…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

AA.VV. - Play To BN Chora. Judgement (L.A.F. Org./Jeringas 5cc,…

Disco con racconto accluso, questo Play To BN Chora. Judgement è stato parte della colonna sonora per una mostra-installazione, e…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Mombu - S/T (Subsound, 2011)

Mombu: 1/3 degli Zu più 1/3 dei Neo. Oppure 2/3 degli Udus. Più semplicemente, poiché le frazioni matematiche in questo…

25 Mar 2011 Reviews

Read more

Sunn o))) + The Secret - 01/10/11 Fillmore (Cortemaggiore –…

Stephen O'Malley, a parere di chi scrive, è sempre stato più un ottimo manager che non un musicista: capace di…

21 Oct 2011 Live

Read more

Barn Burning - Werner Ghost Truck (Tarnished, 2007)

Barn Burning è il titolo di un racconto di Faulkner: se conoscete questo scrittore e date una occhiata al campo…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Sprinzi - Ohh Ohh (Alice/Fooltribe, 2007)

Gli Sprinzi hanno un non so che di speciale: in circolazione da un po' (dieci anni circa), sono il classico…

05 Nov 2007 Reviews

Read more

Shiver - Born To Lose (Diazepam, 2011)

Dietro a Shiver c'è Mauro Sciaccaluga, che oltre a suonare in Ur, Stalker e Downright, da un paio di anni…

05 Dec 2011 Reviews

Read more

Wallace Fest – 26/01/13 CSA Baraonda (Segrate – MI)

Era un po' che non capitava un evento di questo tipo e cominciavamo a temere che la tradizione della Wallace…

15 Feb 2013 Live

Read more

Arbdesastr - S/T (Marsiglia, 2007)

Segnali di gelo assoluto (C3), atmosfere placide, punteggiate da glockenspiel (Sky And Space You) aprono il nuovo mini album degli…

05 Jan 2008 Reviews

Read more

Nicolas J. Roncea - Eight (Part One), (Autoprodotto, 2014)

Abbiamo già avuto modo di conoscere ed apprezzare Nicolas J. Roncea in quanto membro degli eccellenti Io Monade Stanca e…

29 Jul 2014 Reviews

Read more

AA.VV. – The Show Must Go Home, Season 2 (GRCC/Ozky/Spettro/Gatto…

Arriva anche quest'anno la compilation rappresentativa della rassegna di concerti gastro-musicali organizzati in quel di Roma da D.B.P.I.T. e Xeena.…

18 Jul 2012 Reviews

Read more

Spiritus N - Age (Luce Sia, 2020)

Delicatissima dark-ambient minimale per Luce Sia che, incurante a crisi sanitarie e ambientali, continua a sfornare materiale di primissima qualità.…

14 Apr 2020 Reviews

Read more

JeanVasBrûler - Firmament Pentagramme (XcRoCs, 2009)

Firmament Pentagramme si presenta sotto forma di cd 3" e da quello che mi pare di capire dovrebbe essere un…

29 Jul 2009 Reviews

Read more

Myra Lee - 2 (Rejuvenation/La Machoire, 2007)

Sono fermamente convinto che il revival anni novanta, di cui tra poco sicuramente vedremo le prime avvisaglie, sarà molto più…

17 Aug 2007 Reviews

Read more

Stefano De Ponti: ascoltare è vedere

Stefano De Ponti, milanese, classe 1980, lo abbiamo conosciuto grazie al bellissimo album Like Lamps On By Day, uscito lo…

19 Dec 2014 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top