Logoplasm & Punck – Drunk Upon The Holy Mountain (Setola Di Maiale, 2008)

Se Enrico Ruggeri "è stato punk prima di te" i Logoplasm e Punck sono stati field-recording prima di parecchia gente, i primi hanno gestito un'etichetta misconosciuta di importanza capitale per l’evoluzione di certi generi in Italia, la S'agita (oggi reincarnata nella Kosmik Elk Mind http://kosmikelkmind.110mb.com/), e Punck gestisce la net-label Contrl+Alt+Canc. Oltre alle label, messi insieme annoverano una corposa discografia fra cd e cdr stampati per label italiane ed estere fra lo sconosciuto e l'etichetta di culto. Questo disco a traccia unica accasato su Setola Di Maiale a differenza di altre collaborazioni unisce le caratteristiche salienti di entrambi, il che significa per chi non li avesse mai sentiti che da una base di field-recording (ripuliti ma lasciati molto al naturale) vanno sovrapponendosi e esondando mugugnii, drones sibili elettronici e gorgoglii di cui è difficile intuire se si tratti di suoni lavorati o di arrangiamenti fatti con il laptop. Il fatto che molte field-recordings non siano state lavorate credo sia dovuto alla scelta conscia di molti "vecchi" del genere nel considerarli alla strega di diario sonoro, in pratica un'istantanea sonora che pietrifica un momento nell'ambra come le mosche giunte fino a noi da ere geologiche remote. La traccia unica prende il via dalle field-recordings ma nello scorrere dei minuti si ammorbidisce lasciando molto spazio alla melodia man mano che ci si avvicina al cuore del pezzo. Certo le melodie non sono certo solari e l'effetto è quello di un bombardone narcotico com'è giusto che sia un disco del genere, ma resta che oltre ad essere molto ben disegnata si sviluppa in modo paziente, da un certo punto di vista ciò ricorda che Zanni, Lovreglio ed Ippoliti sono più "old school dei Growing Concern, lo sai, ancora più di un film con Rocco e Selen!" (come cantava qualcuno). Il fatto è che in realtà un taglio di tipo tradizionale nella forma del disco c'è davvero, ma più per lo sviluppo che per i suoni che sono tutto fuorchè datati. Gran bel lavoro, gli estimatori di entrambi non rimarranno delusi.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Audrey - The Fierce And The Longing (Tenderversion, 2008)

Le Audrey sono un gruppo femminile scandinavo e The Fierce And The Longing è il loro secondo disco; non avendole…

10 May 2008 Reviews

Read more

Hum Of Gnats – Purge The Weevil From Yer Midst…

Cerca in tutti i modi, il pescarese Ezio Piermattei, di occultare le proprie tracce, presentandosi ad ogni appuntamento discografico con…

21 Dec 2011 Reviews

Read more

Debeli Precjednik - Through The Eyes Of The Innocent (Moonlee,…

Torna l'iperproduttiva Monnlee con questo emotivo manipolo che sembra cresciuto sulle rampe di Fullerton anziché su quelle della Croazia,…

07 Jan 2008 Reviews

Read more

Fanciulli Goom - #1 (51Beats, 2014)

L'etichetta 51Beats produce da qualche anno dischi elettronici di diversi sottogeneri: c'è il disco più giocoso/scanzonato, quello danzereccio e quello…

09 Apr 2014 Reviews

Read more

Kinetix/Pylone - Sonology (Sound On Probation, 2010)

L'etichetta francese Sound On Probation è il mezzo che il musicista elettronico Laurent Perrier usa per pubblicare in completa autonomia…

04 Nov 2010 Reviews

Read more

[mumble]³ - Blank (Brlog, 2011)

Tornano i torinesi Mumble Mumble Mumble, stabilizzatisi come terzetto dopo la prova in parziale duo dello scorso anno. Se allora…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

Nekrasov/Humiliation – Split CD (New Scream Industry, 2009)

Con un po' di ritardo, ma anche questo CD viene dagli antipodi portato a mano dal nostro boss, mi appresto…

18 Jan 2011 Reviews

Read more

Phoenix Bodies - Too Much Informations (Shove/Init, 2007)

Altro pezzo della tornata di uscite nuove della Shove con il botto, giusto per farmi ancora rodere il fegato di non…

05 Aug 2007 Reviews

Read more

L'Océan - Primio (GP2, 2016)

L' Ocèan non è esattamente una band nel senso convenzionale del termine quanto un gruppo di improvvisazione nato nel 2006…

30 Jan 2017 Reviews

Read more

Mangia Margot - Maddalena, Maria (Autoprodotto, 2009)

Mi rendo conto che ormai buona parte dei gruppi in circolazione sono costituti da due elementi, con la batteria abbinata…

03 Dec 2009 Reviews

Read more

The Child Of A Creek - Quiet Swamps (Ruralfaune, 2014)

Il secondo album di The Child Of A Creek a uscire nel giro di poche settimane si innesta sul solco…

08 Jan 2015 Reviews

Read more

The Death Of A Party - The Rise And Fall…

Mi sa che ci siamo dimenticati delle chitarre. Diciamocelo pure, dopo la scorpacciata math e del post-rock Kinsell-iano da queste…

10 Nov 2007 Reviews

Read more

DsorDNE - Grafio Ricerca 010 (Asbestos Digit, 2018)

Torna un monicker storico della scena industriale italiana, DisorDNE, dietro al quale prendono forma le visioni sperimentali di Marco Milanesio.…

24 Jul 2018 Reviews

Read more

Satantango - Dice Not Included (Wallace, 2007)

A distanza di un bel po' di tempo ritornano a farsi vivi su Wallace gli eredi spirituali e "materiali" dei…

29 Dec 2007 Reviews

Read more

Person L - The Positives (Arctic Rodeo, 2009)

L'instancabile etichetta di Amburgo anche questa volta non manca il colpo, anzi espandendo le vedute e il carattere del…

21 Dec 2009 Reviews

Read more

Adamennon/Null - Split (Autoprodotto, 2010)

Si dividono un split (su CD e cassetta) i due oscuri progetti Adamennon e Null. Del primo avete fatto la…

19 Oct 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top