Larsen Lombriki – Free From Deceit Or Cunnings (Snowdonia, 2005)

Vivere nelle grotte, negli anfratti del terreno, in buie spelonche dove anche il più esile dei suoni viene amplificato. Il paradiso dell'appassionato di field recordings, le gocce d'acqua che costruiscono un naturale, lento e persistente beat, ma senza mai uscire allo scoperto, nel riconoscibile. Tutti i suoni sono filtrati dall'infinito numero di rimbalzi che le onde fanno sulle pareti delle stanze. Il riverbero. Autenticamente autenticante, fonte di realtà e corporeità dei suoni che prendono forma nel cervello non suonando fittizi e senza corpo.
I Suicide avevano tanto riverbero, il surf, anche quello di David Thomas, aveva tanto riverbero, i Sun City Girls avevano tanto riverbero. I Larsen Lombriki hanno il riverbero. Il disco vive dell'autenticità di una musica popolata da personaggi scomodi, tra i sopra citati per le atmosfere, il Tom Waits più malato, un qualcosa dei Residents tutto condito da interventi di sax malati e suoni più o meno industrialmente trattati. L'incedere dei pezzi, con i bassi ossessivamente malmenati, è piuttosto intenso; le voci paiono arrivare da altre stanze, sempre il gioco del riverbero. Le chitarre e gli interventi sonori più urticanti sottolineano bene le urgenze dei rimandi, un concentrato degli ultimi vent'anni, evidenti in brani come Ballad Of The Bleeding Man e Time For Love, dove un sospetto "uuuh" sul cambio sottolinea ancora la filiazione nuovaiorchese di organo e campione in sottofondo. Un disco che stupisce, per completezza, per importanza e per bellezza, perchè no. Ti conquista e non gli ci vuole neanche troppo. Osare per credere, non credo che questo disco possa essere interessante solo per amanti del genere. Anche graficamente rimane una delle migliori produzioni Snowdoniane. Non ci resta che portare un grosso amplificatore, piazzarlo nella caverna di camera nostra e goderci questi suoni naturalmente trattati con immenso piacere.

http://www.larsenlombriki.it
http://www.snowdonia.it

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mortification To The Flesh - Le Trésor Maudit (Final…

La Final Muzik inaugura una nuova collana significativamente intitolata Eighties che si propone di rimettere in circolazione titoli di quel…

26 Jan 2012 Reviews

Read more

Boris Hegenbart And 19 Artists - Instrumentarium (God/Staubgold/Monotype, 2012)

Boris Hegenbart ha all'attivo un bel numero di dischi e collaborazioni, infatti è attivo sin dal 1996 e da sempre…

16 Jan 2013 Reviews

Read more

Ronin – 14/02/10 Arci Dallò (Castiglione Delle Stiviere – MN)

Per pochi gruppi, credo, il suonare dal vivo è necessario come per i Ronin. Necessario per testare e sviluppare i…

26 Feb 2010 Live

Read more

Sebi Tramontana - Unfolding To be You (LP/CD We Insist!…

Il trombone è uno strumento dannatamente materico. Sbuffi, grugniti, strilli, roba selvatica e di pancia, di sudore e di forza.…

06 Jun 2022 Reviews

Read more

Flying Disk - Circling Further Down (Taxi Driver/Rude/Tadca, 2015)

Dinamico e giovane trio follemente innamorato di Jesus Lizard e primi Therapy?: e questa come presentazione del lavoro già potrebbe…

28 Mar 2015 Reviews

Read more

Gay Beast - Second Wave (Skin Graft, 2009)

Partiamo dai Devo. La loro Timing X, da Duty Now For The Future, è ripresa per intero dai Gay Beast…

16 Oct 2009 Reviews

Read more

BIP - The Autumn EP (Tafuzzy, 2009)

Mini album di esordio a nome BIP, collettivo non ben definito prima noto col nome Bancali In Pietra, all'insegna di…

13 Mar 2010 Reviews

Read more

Anne-James Chaton + Andy Moor – Heretics: Tout Ce Que…

Di Andy Moor, storico chitarrista degli Ex, mi è sempre piaciuto il suo saper essere tremendamente efficace nelle collaborazioni, la…

23 Jun 2018 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra – Insect Tracks (Wallace/Boring Machines/Bronson, 2010)

Tempo di disco dal vivo per i Bachi Da Pietra dopo tre album in quattro anni e un'attenzione crescente da…

22 Jun 2010 Reviews

Read more

Massimo Falascone - Works 05-007-2008 (Setola Di Maiale, 2008)

Questo cd di Massimo Falascone mi è arrivato proprio insieme ad un vagonata di materiali della Creative Sources, ed è…

14 Oct 2008 Reviews

Read more

Wound/Keziah Mason – Split Tape (Teen Action, 2016)

La perseveranza, quella di stampo prettamente diabolico, è certamente l’elemento che più caratterizza il progetto Wound di Massimo Onza (anche…

24 Feb 2017 Reviews

Read more

Paolo Cantù/Xabier Iriondo – Phonometak Series #10 (Phonometak/Wallace, 2012)

Decima uscita e capolinea per la serie in 10” di Wallace Records e Phonometak. Per il commiato le due anime…

21 Sep 2012 Reviews

Read more

The Way Of Purity - Crosscore (Aural Music, 2010)

A dispetto della puerile presentazione da cospiratori e sovvertitori dell'ordine mondiale, alla fin fine, questi The Way Of Purity…

11 Jul 2010 Reviews

Read more

Tender Trap - Ten Songs About Girls (Fortuna POP!, 2012)

Parte la prima traccia - che, manco a farlo apposta si intitola Train From King's Cross Station- ed è subito…

19 Feb 2013 Reviews

Read more

A Sphere Of Simple Green - With An Oblique Glance…

Gli A Sphere Of Simple Green sono un trio formato da Adriano Orrù al contrabbasso, Silvia Corda al piano preparato…

05 Feb 2018 Reviews

Read more

MU (Gian Luigi Diana, Jimmy Johnsen) – S/T (Setola Di…

UIl terremoto, lo tsunami e il conseguente incidente nucleare di Fukushima devono aver colpito l'immaginazione di molti musicisti, se, dopo…

28 Nov 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top