Konakon – Ars magna (Vacancy, 2015)

Matteo Berghenti l’abbiamo incontrato nei Lady Vallens, duo di Parma che divide con un membro dei Lourdes Rebels; in Konakon invece il suo partner è il computer e dico sul serio, perché alla macchina viene lasciato un discreto spazio creativo. È questo un progetto che si avventura nei territori della musica autogenerata, una zona liminare al contempo affascinante e inquietante dove la composizione si confonde con la programmazione e l’improvvisazione con la casualità. Se siete cresciuti guardando Terminator l’idea di lasciare questa libertà alle macchine vi farà correre qualche brivido sulla schiena ma in realtà esse hanno facoltà di muoversi solo entro ben determinati limiti, stabiliti dai parametri impostati dal musicista/programmatore che si preoccupa altresì di creare gli strumenti virtuali dei quali il computer potrà servirsi. Può sembrare complicato – tecnicamente probabilmente lo è – ma il risultato ha più a che fare con l’accettazione della casualità e la curiosità per il prodotto che non con il maniacale controllo volto al raggiungimento di un preordinato obiettivo, attitudine che verrebbe naturale associare alla musica elettronica. Ammetto che se non avessi conosciuto le premesse avrei tranquillamente scambiato questo disco per un prodotto totalmente umano e la cosa può essere letta sia come un pregio – se vedete di buon occhio l’intelligenza artificiale che pareggia la nostra – che come un difetto – se la cosa vi sembra ne confermi la superfluità; quel che è certo è che le premesse hanno cambiato le carte in tavola facendomi ascoltare con orecchio diverso, direi più indagatore. Il compito non è inizialmente facile: il brano che dà il titolo all’intero lavoro è un monolite di quasi 40 minuti ben poco monolitico in realtà, passando senza soluzione di continuità da veloci parti ritmate a distese di droni, da complessi battiti free a cascate di noise granulare, fra elettronica contemporanea e suggestioni industriali. Qui il computer ha creato, attraverso gli strumenti virtuali, il tappeto di microsuoni (onde sonore, stridiii, glitch) sul quale il musicista ha appoggiato la sua composizione di moog, campionamenti e field recordings. Diversi mmomenti sono felici, ma la brevità delle sequenze rende l’ascolto piuttosto impegnativo. Più lineari e per questo più adatti a far cogliere l’ida che anima il progetto i due brani successivi (che comunque sfiorano entrambi il quarto d’ora). Piano Loop, poetico e molto riuscito, è appunto un loop di pianoforte che ad ogni giro perde qualche nota e a cui si aggiungono, a mo’ di compensazione, rumori (fischi, noise, droni) che a tratti rischiano di sommergere la musica; il più delle volte comunque si limitano a disturbarla, non senza una certa grazia che difficilmente si attribuirebbe a una fredda macchina. Binaural è il brano concettualmente più sperimentale, che parte da un sistema con sinusoidi a frequenze leggermente differenti tra loro per generare dei poliritmi inizialmente ben distinti e via via sempre più serrati e indistinguibili dai droni che si agitano sullo sfondo, fino a giungere a fondersi con loro: è qui che il sistema di programmazione (per la cronaca il Max/MSP) rivela forse la sua funzione più peculiare e difficilmente replicabile. Non è facile dare un giudizio su un simile lavoro e francamente fatico anche ad avere un’opinione. Questa è musica autenticamente di ricerca, dove l’ascolto non può dissociarsi da tutta una serie di riflessioni che vanno al di là della questione dei genere o stile e finiscono per toccare il nostro rapporto con la tecnologia. Konakon è comunque già oltre: le risposte le ha trovate e cavalcando la tigre è passato alla pratica.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mulo Muto & Black/Lava – Worlds Corroding Under Xenomorphs’ Ejaculations…

Dal confine italo-svizzero - ideale punto d’incontro fra le due entità che collaborano in questo progetto – allo spazio profondo…

31 Mar 2022 Reviews

Read more

Quasiviri – Super Human (Wallace/Bloody Sound Fuctory/Fallo/HYSM?/Morte/Megaplomb/To Loose La Track,…

Il ritorno in pista, con una serie di nuove uscite, di un’etichetta storica (ma fortunatamente non ancora da storicizzare) come…

02 Apr 2014 Reviews

Read more

Tsigoti - Read Between The Lines... Think Outside (Post-Consumer, 2013)

L'urgenza creativa, in un gruppo come gli Tsigoti, non traspare solo dallo stile musicale, ma anche dalla frequenza delle uscite:…

18 Apr 2013 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.5

Arriva la primavera, ma non è tutta rose e fiori. Abilmente occultata tra innocenti melodie e apparentemente inoffensive canzoni pop,…

28 Feb 2010 Podcasts

Read more

WOW - Falene (Maple Death, 2021)

Gli WOW, dacché li conosco e li ascolto, sono stati sempre portatori di due principi, stile ed eleganza. Progetto che…

16 Jan 2022 Reviews

Read more

Hheva/Shiver - Troubled Sleep (Diazepam, 2012)

Cassetta split tra il combo maltese Hheva e Shiver aka Mauro Sciaccaluga, che lascia il lato A agli ospiti facendo…

30 May 2013 Reviews

Read more

Glorytellers + Guapo - 26/09/08 Interzona (Verona)

L'abbinamento era parso anomalo fin dall'inizio: i paladini della nuova ondata prog coi reduci della più fertile stagione dell'indie, l'elettricità…

27 Sep 2008 Live

Read more

Resurrecturis - Non Voglio Morire (Copro, 2009)

Speriamo che dopo una ventennale gavetta, con questo elegante digipack i Resurrecturis riescano ad rendersi visibili ai livelli che…

11 Mar 2010 Reviews

Read more

Francesco Meirino - Beyond Repair (Sincope, 2014)

Lo spagnolo Francesco Meirino, di stanza a Losanna, ha danni abbandonato il suo vecchio moincker Phroq per portare avanti a…

07 May 2015 Reviews

Read more

Appleyard College - Look at Me (Cold Current, 2007)

Tanto per cominciare, parlando di nuove "indie che crescono" direi che la Cold Current per gusto, eterogenia e fegato si…

20 Jun 2007 Reviews

Read more

9cento9 - Land3 - Lletor (Chew-Z, 2007)

Se 9cento9 ai più resta un nome nuovo ad onor del vero Marco Milanesio, il titolare di questo progetto, è…

30 Dec 2007 Reviews

Read more

Luther Blissett – S/T (Eclectic Polpo, 2010)

Attivo dal 2006 e arrivato ora al disco d’esordio, il quintetto bolognese dei Luther Blissett (ma perché chiamarsi come il…

16 Jan 2011 Reviews

Read more

Perseo Miranda - Light And Darkness (Autoprodotto, 2007)

Ancora una volta la Superba Genova riserva il meglio. Il mago Perseo Miranda sforna con questo nuovo lavoro un fresco e frizzante…

30 Jun 2007 Reviews

Read more

Barnacles - Air Skin Digger (ADN, 2018)

Torna Matteo Uggeri con la sua creatura Barnacles, che al secondo disco sulla lunga distanza cresce e mette a fuoco…

24 May 2018 Reviews

Read more

Iron Molar – DIYCD (Fucking Clinica, 2010)

Non è facile stare al passo con tutte le uscite del duo Iron Molar: fra album, split e nastri, se…

19 Sep 2010 Reviews

Read more

The Haunting Green – Natural Extinctions (Hypnotic Dirge, 2019)

Al primo incontro con The Haunting Green, era l’epoca del single club della Final Muzik, il duo di Pordenone ci…

21 May 2019 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top