Konakon – Ars magna (Vacancy, 2015)

Matteo Berghenti l’abbiamo incontrato nei Lady Vallens, duo di Parma che divide con un membro dei Lourdes Rebels; in Konakon invece il suo partner è il computer e dico sul serio, perché alla macchina viene lasciato un discreto spazio creativo. È questo un progetto che si avventura nei territori della musica autogenerata, una zona liminare al contempo affascinante e inquietante dove la composizione si confonde con la programmazione e l’improvvisazione con la casualità. Se siete cresciuti guardando Terminator l’idea di lasciare questa libertà alle macchine vi farà correre qualche brivido sulla schiena ma in realtà esse hanno facoltà di muoversi solo entro ben determinati limiti, stabiliti dai parametri impostati dal musicista/programmatore che si preoccupa altresì di creare gli strumenti virtuali dei quali il computer potrà servirsi. Può sembrare complicato – tecnicamente probabilmente lo è – ma il risultato ha più a che fare con l’accettazione della casualità e la curiosità per il prodotto che non con il maniacale controllo volto al raggiungimento di un preordinato obiettivo, attitudine che verrebbe naturale associare alla musica elettronica. Ammetto che se non avessi conosciuto le premesse avrei tranquillamente scambiato questo disco per un prodotto totalmente umano e la cosa può essere letta sia come un pregio – se vedete di buon occhio l’intelligenza artificiale che pareggia la nostra – che come un difetto – se la cosa vi sembra ne confermi la superfluità; quel che è certo è che le premesse hanno cambiato le carte in tavola facendomi ascoltare con orecchio diverso, direi più indagatore. Il compito non è inizialmente facile: il brano che dà il titolo all’intero lavoro è un monolite di quasi 40 minuti ben poco monolitico in realtà, passando senza soluzione di continuità da veloci parti ritmate a distese di droni, da complessi battiti free a cascate di noise granulare, fra elettronica contemporanea e suggestioni industriali. Qui il computer ha creato, attraverso gli strumenti virtuali, il tappeto di microsuoni (onde sonore, stridiii, glitch) sul quale il musicista ha appoggiato la sua composizione di moog, campionamenti e field recordings. Diversi mmomenti sono felici, ma la brevità delle sequenze rende l’ascolto piuttosto impegnativo. Più lineari e per questo più adatti a far cogliere l’ida che anima il progetto i due brani successivi (che comunque sfiorano entrambi il quarto d’ora). Piano Loop, poetico e molto riuscito, è appunto un loop di pianoforte che ad ogni giro perde qualche nota e a cui si aggiungono, a mo’ di compensazione, rumori (fischi, noise, droni) che a tratti rischiano di sommergere la musica; il più delle volte comunque si limitano a disturbarla, non senza una certa grazia che difficilmente si attribuirebbe a una fredda macchina. Binaural è il brano concettualmente più sperimentale, che parte da un sistema con sinusoidi a frequenze leggermente differenti tra loro per generare dei poliritmi inizialmente ben distinti e via via sempre più serrati e indistinguibili dai droni che si agitano sullo sfondo, fino a giungere a fondersi con loro: è qui che il sistema di programmazione (per la cronaca il Max/MSP) rivela forse la sua funzione più peculiare e difficilmente replicabile. Non è facile dare un giudizio su un simile lavoro e francamente fatico anche ad avere un’opinione. Questa è musica autenticamente di ricerca, dove l’ascolto non può dissociarsi da tutta una serie di riflessioni che vanno al di là della questione dei genere o stile e finiscono per toccare il nostro rapporto con la tecnologia. Konakon è comunque già oltre: le risposte le ha trovate e cavalcando la tigre è passato alla pratica.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Hoch/Tief - S/T (Arctic Rodeo, 2011)

E' da vent'anni ormai che la band di Stoccarda calca il palco dell'indie rock: non è stata una proprio una…

22 Aug 2011 Reviews

Read more

Get The People - S/T (Ruminance, 2006)

C’è gente che vive un drammi indicibili quando in fase post-adolescenziale vede crollare miserabilmente il proprio eroe e purtroppo è…

26 Feb 2007 Reviews

Read more

The Great Saunites – Brown (Neon Paralleli/Hypershape e altre, 2018)

The Great Saunites chiude la trilogia dei colori aggiungendo al nero e al verde il marrone e l’effetto è assolutamente…

26 Apr 2018 Reviews

Read more

Tatsuya Nakatani & Shane Parish - Interactivity (Cuneiform, 2020)

Secondo disco collaborativo tra il percussionista avant Tatsuya Nakatani e il chitarrista Shane Parish degli Ahleuchatistas. Un lavoro che si…

27 May 2020 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra – Necroide (La Tempesta/Wallace/Tannen, 2015)

Per il sesto album i Bachi Da Pietra abbandonano i giochi di parole numerici - che da Tarlo Terzo ci…

28 Sep 2015 Reviews

Read more

The Orange Man Theory - Satan Told Me I’m Right…

Trovo estremamente irritante che su Metal Archives (la Treccani metal on line) non ci sia traccia della band capitolina…

24 Jun 2010 Reviews

Read more

Rosolina Mar/Trumans Water - Split (Robotradio, 2007)

La Robotradio grazie ad un parto gemellare, oltre a Lucertolas, regala un nuovo capitolo della sua personale serie che unisce…

19 Dec 2007 Reviews

Read more

Pussy - Pussy Plays (Akarma, 2004)

Era il lontano 1969. Praticamente io stavo per nascere o – almeno – essere concepito. E usciva questo disco, che…

22 Jul 2006 Reviews

Read more

Altieri/Balestrazzi/Becuzzi – In Memoriam Of J.G. Ballard (Old Europa Cafè,…

Altieri, Balestrazzi e Becuzzi tributano il maestro della letteratura inglese a tre anni dalla scomparsa e lo fanno tornando sul…

03 Dec 2012 Reviews

Read more

Body/Head + Jooklo Duo – 20/10/12 Interzona (Verona)

Archiviata (almeno credo...) l'avventura dei Sonic Youth, Kim Gordon riprende a frequentare i palchi in compagnia di Bill Nace e…

07 Nov 2012 Live

Read more

The Tall Ships – On Tariffs And Discovery (Minority, 2011)

That's only post-rock, but I like it. Ecco cosa ho pensato qualche minuto dopo aver iniziato ad ascoltare On Tariffs…

04 Apr 2011 Reviews

Read more

Sunn o))) + The Secret - 01/10/11 Fillmore (Cortemaggiore –…

Stephen O'Malley, a parere di chi scrive, è sempre stato più un ottimo manager che non un musicista: capace di…

21 Oct 2011 Live

Read more

The Swans + Xiu Xiu – 23/03/13 Interzona (Verona)

E venne il giorno, anzi, la notte degli Swans, inevitabilmente fredda e piovosa nonostante la primavera già ufficialmente iniziata da…

29 Mar 2013 Live

Read more

Lule Kaine - Radiations From Futurist Furniture (Chew-Z, 2008)

Ricordavo di aver già sentito qualcosa di questi Lule Kaine anche se non ricordo esattamente cosa e dove, ma questo…

03 Apr 2008 Reviews

Read more

Mike Cooper - Tropical Gothic (Discrepant, 2018)

Nomen omen, titolo che rispecchia a pieno le intenzioni di Mike Cooper nella stesura di Tropical Gothic. Un lavoro che…

16 Oct 2018 Reviews

Read more

Les Man Avec Les Lunettes - Qui Cherche Trouve (MyHoney,…

Dopo Lumière Electrique, Fabio Benni sfoga tutta la sua passione per l'indie pop (dall'epoca C86 fino alle nuove scoperte scandinave,…

26 Sep 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top