Grizzly Imploded – Steel From Your Brow (Metzger Therapie, 2016)

Arriva a materializzarsi su vinile il suono dei Grizzly Imploded a due anni dalla cassetta su Sincope di cui vi parlammo a suo tempo e dal CD-R Autonomia che invece ci siamo persi ma che sarà il caso di recuperare. Per ora però c’è questo Steel From Your Brow che conferma quanto già sapevamo e innesta qualche elemento nuovo e inatteso. In un genere dove non sempre è facile distinguere fra le proposte valide e i semplici fomentatori di gazzarra un brano come Shells Speak Aloud sgombera subito il campo: è musica improvvisata di quella che non si improvvisa ma nasce dalla pratica e dalla volontà di mettersi in gioco di continuo; a un inizio incerto e disturbato segue un crescendo che si trasforma in un’equilibrata tenzone dove si perdono i comuni rapporti fra le forze in gioco (ricordiamolo, due chitarre e una batteria), tutti fanno ritmo e tutti fanno… melodia. Se dovessi identificare un elemento che rende riconoscibile il suono dei partenopei indicherei proprio questa salutare assenza di gerarchie fra gli strumenti. La sorpresa è che nei due pezzi successivi i fattori in gioco sono quattro: arriva la voce, che a memoria non credo sia mai stata della partita. Nella sorniona e sottilmente spigolosa Flowed Out Of The Cyclones Waking To Lightning Jolts fa i vocalizzi di Gaelle Cavalieri fanno appena capolino, ma in Full Of Flames sono l’elemento caratterizzante (opera stavolta del chitarrista Sergio Albano): il brano è forse il meno rock del disco, prossimo alla concrete music, con la voce da bluesman sbronzo che ogni tanto emerge dal rumore (per darvi una vaga idea, pensate ai Madrigali Magri che icontrano gli Starfuckers). Poi il pezzo si fa più teso, diventa quasi uno scontro al rallentatore e anche la voce sale di tono, trasformandosi in un lamento che svetta in un finale disastroso ed epico. Visto il risultato particolarissimo – il cantato viene ad essere un anomalo elemento d’ordine – è una strada che meriterebbe di essere battuta. Sì è così arrivata alla fine del lato; sull’altro troviamo una Surrounded By Dark Poplars che prima avanza a fatica e poi sferraglia che è un piacere e una Livid Shadows That Blind The Pawns rilassata e minimale dove grande spazio ha la batteria mentre le chitarre sono impegnate nel produrre microsuoni e sfregamenti, finchè i battiti che occupano sempre più lo spazio e le corde insistenti che stridono e dronano rendono più tesa l’atmosfera e conducono il disco alla fine. Nello strano universo parallelo dove i Grizzly Imploded sono un normale gruppo rock questa sarebbe la loro ballata sbancaclassifica, ma in questa dimensione, ho già avuto occasione di dirlo ma mi ripeto volentieri, il trio partenopeo suona probabilmente l’unico rock’n’roll possibile oggi, di sicuro l’unico che abbia senso.

Tagged under: , , ,

1 Comment

  1. Pingback: “Steel From Your Brow” reviewed on Sodapop | Grizzly Imploded

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Micah P. Hinson – 16/07/10 Verona Folk Festival (Bovolone -…

Nel cartellone di quello che è certamente il festival peggio pubblicizzato della storia si poteva scorgere, fra i nomi della…

12 Jun 2010 Live

Read more

Andrea Senatore - Vulkan (Minus Habens, 2014)

Avevamo lasciato il talentuoso compositore oltre un anno fa all'interno della preziosa collaborazione con Giovanni Sollima (sempre su Minus Habens).…

08 Jul 2014 Reviews

Read more

Rotadefero – Discodefero 7” (Zen Hex, 2017)

Cristiano D’innocenti e Tommaso Garavini erano, un eone fa, batteria e voce dei romani Concrete, un gruppo che definire hardcore…

28 Apr 2017 Reviews

Read more

Fabio Perletta - Field: Atom(s) Entropy (Farmacia901, 2013)

Fabio Perletta ha imparato dai grandi nomi come Taylor Dupree, Lawrence English e Steve Roden ad essere leggero come una…

21 Oct 2013 Reviews

Read more

Hazardous Waste - Double Penetration (Autoprodotto, 2013)

Ancora loro. Dopo lo sfacelo a tutta velocità del Coche Boogalero dopo solo pochi minuti ritornano gli Hazardous Waste con…

28 May 2013 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni / Luca Pissavini - Duna Lacera (Bunch, 2013)

Bunch records è l'etichetta che Luca Pissavini ha creato per pubblicare la sua musica e Duna Lacera è il disco…

23 Oct 2014 Reviews

Read more

Newtone 2060 - Shot (Fratto9 Under The Sky, 2011)

Sono innamorato di questo disco fin dalla prima traccia che avevo ascoltato in rete: non sapevo neppure di chi si…

16 Aug 2011 Reviews

Read more

The Lavender Flu - Heavy Air (Holy Mountain, 2016)

Mentre i mitici Sic Alps ci hanno lasciato da un po' di tempo a bocca asciutta, a compensare la perdita…

08 Mar 2017 Reviews

Read more

Electric President - S/T (Morr Music, 2006)

Piccoli mostricciattoli crescono. Dopo le Ian Fays ti rendi conto che ci sono dischi che, passato un entusiasmo iniziale, si…

09 Oct 2006 Reviews

Read more

Volcano! - Paperwork (Leaf, 2008)

Per un gruppo come i Volcano! è difficile aspettarsi certezze. Dopo aver mescolato tutte le carte dei generi, senza mai…

23 Sep 2008 Reviews

Read more

qqqØqqq / Kaosmos - Sins and Destiny Revelations Under…

Nasce grazie all’inedito triangolo Francia-Italia-Turchia questo Sins And Destiny Revelations Under A Buried Sun, dove i qqqØqqq da Treviso incontrano…

15 Jul 2020 Reviews

Read more

Absinthe (Provisoire) - Alejandra (Distile, 2006)

C’era una volta il rock noise francese e a quanto pare c’è ancora e tutto sommato verrebbe da dire anche:…

15 Dec 2006 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 33 (11/06/15)

Puntata numero trentatre della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo in un episodio dedicato ai loro chitarristi…

14 Jun 2015 Podcasts

Read more

Nuno Moita/Matteo Uggeri - Bathala (Old Bicycle, 2013)

Provate a prendere il vostro registratore digitale o a cassette o minidisk che sia, e andare in giro a registrare…

07 Apr 2014 Reviews

Read more

Atomic Papas - The Invisible Man (Hellbones, 2020)

Rockabilly di ampio respiro quello proposto dal terzetto toscano che, benché di recente fondazione, dimostra un rilassato e disinvolto affiatamento…

27 Oct 2020 Reviews

Read more

Mob - Polygon (Quatermain, 2007)

Quando mi capita di immergermi in ben due dischi provenienti dallo stesso sottobosco, mi viene da domandarmi subito quale sia…

18 Nov 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top