Get The People – S/T (Ruminance, 2006)

C’è gente che vive un drammi indicibili quando in fase post-adolescenziale vede crollare miserabilmente il proprio eroe e purtroppo è toccato anche a me, nonostante la mia sindrome di Peter Pan non dia alcun segno di cedimento. Credetemi, vedere Kevin Shea che suona in un gruppo "appena passabile" come i Get The People non è una bella cosa, posto che confido che il nostro free-batterista si rialzi quanto prima, non mi fidavo quando mi dicevano che erano un gruppo trascurabile ed invece era vero. Il problema non è il genere, il fatto è che suonano "banalmente indie rock" e nonostante suono e tecnica, se non avessero "i nomi" potrebbero confondersi con mille gruppi simili. Qualche stortura e folata improvvisativa non cambiano comunque l’essenza di un disco che ricorda dei Modest Mouse senza Modest Mouse, degli Storm And Stress che decidono per il pop con scarso successo, aggiungerei anche dei Pavement che si perdono in canzoni banali (che per l'appunto i Pavement non facevano). Sound americano a tutto tondo e grafica che segue a ruota, tutto ben fatto e credo che nel caso voi siate degli indomiti "indie rockers" magari il disco vi farà impazzire, tanto come posso immaginare che dal vivo abbiano anche il loro bel tiro, ma questo vi può bastare?. Adoravo gli Storm and Stress anche nel loro secondo disco più "melodico" ma si trattava di ben altra forgia purtroppo. Forse è stupido aspettarsi qualcosa al di sopra della media vedendo dei musicisti del genere, ma è anche lecito, poi pure vero che a quanto pare Shea dev'essere uno che suonerebbe anche con un gruppo Crust se gli venisse domandato. Un pezzo sembra addirittura la cover di Knockin' On Heavens Door e la cosa drammatica è che mi disgusta persino l’originale, figuriamoci la replica, un’altra traccia sembra elettroacustica degna di Gino Robair e Scott Rosemberg…ma scusate: in un disco del genere un pezzo elettroacustico che minchia mi rappresenta? Eppure cd come questo ti fanno anche capire che per fortuna il livello medio dei gruppi made in Usa si abbassa vertiginosamente, che in Europa è pieno di roba simile fatta con molto più gusto e che tutto sommato se la gente non si facesse influenzare dalle cazzate che legge sui giornali o su internet (come quelle che sto scrivendo io), dischi del genere non verrebbero neppure stampati, il mondo sarebbe più pulito, non ci sarebbe più libertà di parola e finalmente ritorneremmo ai bei tempi in cui la Stasi dava al pueblo un po' di quella sana censura "democrazia" dell'Est.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bachi Da Pietra – Necroide (La Tempesta/Wallace/Tannen, 2015)

Per il sesto album i Bachi Da Pietra abbandonano i giochi di parole numerici - che da Tarlo Terzo ci…

28 Sep 2015 Reviews

Read more

Sonic Youth - Simon Werner A Disparu (SYR, 2011)

Come abitudine da qualche anno a questa parte i Sonic Youth, parallelamente alla loro discografia diciamo "ufficiale" e su major,…

07 Apr 2011 Reviews

Read more

STROMBOLI - Exiles (digital ep, Depths, 2021)

Facendo qualche calcolo sono più di 10 anni che in qualche modo ascolto le opere di Nico Pasquini, prima coi…

30 Dec 2021 Reviews

Read more

Gli Putridissimi/Luther Blissett – Split (FromScratch/Hysm/Ashame/Eclectic Polpo/Charity Press, 2012)

Cassetta in limitatissima edizione, novanta copie appena, per cui conviene sbrigarsi, inventarsi un modo per contattare i gruppi coinvolti e…

29 Nov 2012 Reviews

Read more

Ada-Nuki - S/T (Whosbrain, 2008)

Ada-Nuki propone una formula che potrebbe ormai dirsi classica e consolidata, il duo basso e batteria, arricchendola di voce, effetti…

17 Dec 2008 Reviews

Read more

The Star Pillow - Fattore Ambientale (Autoprodotto, 2012)

The Star Pillow è il duo formato da Paolo Monti e Federico Gerini a base di suggestioni cinematiche e sognanti…

18 Dec 2012 Reviews

Read more

Johnny Mox - Obstinate Sermons (Woodworm/Audioglobe, 2014)

Ci sono voluti due anni al reverendo Johnny Mox per dare fare uscire il nuovo disco, ma sono stati anni…

22 Jan 2015 Reviews

Read more

Battles - Mirrored (Warp, 2007)

Il concept del gioco di specchi che campeggiano dalla copertina alle foto promozionali, dal video di Atlas al poster interno,…

21 May 2007 Reviews

Read more

Crash Trio - Live At Crash (Setola Di Maiale, 2010)

Questo è un super trio amici miei, nel caso non conosceste gli altri due compagni di viaggio di Stefano Giust…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Cris X: l'eminenza grigia dei Lendormin prende il largo in…

Neanche troppi anni fa c'erano i Lendormin: a me era capitato di incontrarli nella serie P.O. Box della Wallace con…

24 Nov 2012 Interviews

Read more

Susi Brescia - Tu Mi Dai Il Male (Nutrimenti, 2007)

Ho letto di questo libro su D di Repubblica un sabato mattina durante la colazione, e l'argomento mi ha subito…

29 Mar 2007 Reviews

Read more

Konstrukt & Keiji Haino - A Philosophy Warping, Little By…

L’ensemble free-impro turco Konstrukt, dopo aver condiviso dischi e performance con artisti importanti della scena improv internazionale, invita a collaborare…

01 Sep 2018 Reviews

Read more

Evil Purpose – Normal Life (Spina Bifida, 2010)

La metà più fisica del suono degli Iron Molar la ritroviamo nell'opera di Jacopo Manelli, alias Van Malora, alias Evil…

04 Sep 2010 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni / Daniele Frati / Luca Pissavini - Consulting…

Non mi è ben chiaro se le otto tracce che troviamo in questo CD della consultazione all’oracolo rappresentino i quesiti…

18 Nov 2014 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Contemplations and other Instrumentals from the Valley…

Diciamocela tutta, basterebbe il titolo. Socchiudi gli occhi, un refolo di vento ed è tutto lì. Ma in realtà c’è molto…

09 May 2022 Reviews

Read more

Ocean Music

O del perdersi e ritrovarsi quando passano le glaciazioni e le ere si consumano come noccioline al circo. Era il…

13 Jun 2010 Articles

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top