Geometrie Variabili – The Breath (La Bél, 2013)

Ci sono musiche che hanno fama di essere difficili e cervellotiche, di richiedere all’ascoltatore preparazione e cultura e per questo la maggior parte del pubblico se ne tiene alla larga. Ci sono, tutti ne conoscerete almeno un paio di esemplari, musicisti e ascoltatori che di tutto ciò si compiacciono. Fortunatamente ci sono altri musicisti che questi steccati fanno di tutto per superarli, proponendo una musica che racconta, con un alfabeto magari insolito, storie semplici che richiedono solo lo sforzo di un  ascolto senza preconcetti. Lo so, anche una cosa così piccola è utopia e The Breath resterà l’ennesimo bellissimo disco sconosciuto, ma ciò non toglie nulla al suo valore e al piacere che sa procurare.
A disegnare queste Geometrie Variabili – nome non poteva essere più azzeccato – sono la chitarra elettrica di Elia Casu, il piano di Silvia Corda, il contrabbasso di Adriano Orrù e le percussioni di Antonio Pinna. Si ispirano, ci fanno sapere, a Steve Lacy (due pezzi del suo repertorio li troviamo in scaletta), facendo loro dall’idea del sassofonista di sviluppare un discorso partendo da elementi semplici, siano essi una melodia, una scala, un’atmosfera, un accordo. E “semplicità” è un po’ la parola d’ordine di un disco che non indugia mai in virtuosismi e usa il jazz come base su cui combinare con intelligenza gli altri ingredienti, siano passaggi di piano che rasentano la musica classica, come nella splendida Coastline o l’irruenza rock di Building Momentum, con la chitarra elettrica in evidenza, o i passaggi blues segnati dalle malinconiche melodie del contrabbasso suonato con l’archetto e le percussioni free che ora dettano i ritmi, ora si fanno esse stesse strumenti espressivi. Ma al di là delle distinzioni fra i generi, in questo caso ancora più inutili visto la libertà con coi i quattro musicisti se ne servono e li associano, creando sempre qualcosa di personale, quello che conta è la capacità che le composizioni hanno di parlare con immediatezza ai sentimenti, di evocare sensazioni e brevi narrazioni, attingendo a un patrimonio emozionale che trascende le competenze musicali dell’ascoltatore. Chiudete gli occhi e fatevi trasportare, non serve altro e non vi costa nulla perché il disco è scaricabile gratuitamente sul sito dell’etichetta. Dai, provate.


Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Audrey - The Fierce And The Longing (Tenderversion, 2008)

Le Audrey sono un gruppo femminile scandinavo e The Fierce And The Longing è il loro secondo disco; non avendole…

10 May 2008 Reviews

Read more

Hum Of Gnats – Purge The Weevil From Yer Midst…

Cerca in tutti i modi, il pescarese Ezio Piermattei, di occultare le proprie tracce, presentandosi ad ogni appuntamento discografico con…

21 Dec 2011 Reviews

Read more

Debeli Precjednik - Through The Eyes Of The Innocent (Moonlee,…

Torna l'iperproduttiva Monnlee con questo emotivo manipolo che sembra cresciuto sulle rampe di Fullerton anziché su quelle della Croazia,…

07 Jan 2008 Reviews

Read more

Fanciulli Goom - #1 (51Beats, 2014)

L'etichetta 51Beats produce da qualche anno dischi elettronici di diversi sottogeneri: c'è il disco più giocoso/scanzonato, quello danzereccio e quello…

09 Apr 2014 Reviews

Read more

Kinetix/Pylone - Sonology (Sound On Probation, 2010)

L'etichetta francese Sound On Probation è il mezzo che il musicista elettronico Laurent Perrier usa per pubblicare in completa autonomia…

04 Nov 2010 Reviews

Read more

[mumble]³ - Blank (Brlog, 2011)

Tornano i torinesi Mumble Mumble Mumble, stabilizzatisi come terzetto dopo la prova in parziale duo dello scorso anno. Se allora…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

Nekrasov/Humiliation – Split CD (New Scream Industry, 2009)

Con un po' di ritardo, ma anche questo CD viene dagli antipodi portato a mano dal nostro boss, mi appresto…

18 Jan 2011 Reviews

Read more

Phoenix Bodies - Too Much Informations (Shove/Init, 2007)

Altro pezzo della tornata di uscite nuove della Shove con il botto, giusto per farmi ancora rodere il fegato di non…

05 Aug 2007 Reviews

Read more

L'Océan - Primio (GP2, 2016)

L' Ocèan non è esattamente una band nel senso convenzionale del termine quanto un gruppo di improvvisazione nato nel 2006…

30 Jan 2017 Reviews

Read more

Mangia Margot - Maddalena, Maria (Autoprodotto, 2009)

Mi rendo conto che ormai buona parte dei gruppi in circolazione sono costituti da due elementi, con la batteria abbinata…

03 Dec 2009 Reviews

Read more

The Child Of A Creek - Quiet Swamps (Ruralfaune, 2014)

Il secondo album di The Child Of A Creek a uscire nel giro di poche settimane si innesta sul solco…

08 Jan 2015 Reviews

Read more

The Death Of A Party - The Rise And Fall…

Mi sa che ci siamo dimenticati delle chitarre. Diciamocelo pure, dopo la scorpacciata math e del post-rock Kinsell-iano da queste…

10 Nov 2007 Reviews

Read more

DsorDNE - Grafio Ricerca 010 (Asbestos Digit, 2018)

Torna un monicker storico della scena industriale italiana, DisorDNE, dietro al quale prendono forma le visioni sperimentali di Marco Milanesio.…

24 Jul 2018 Reviews

Read more

Satantango - Dice Not Included (Wallace, 2007)

A distanza di un bel po' di tempo ritornano a farsi vivi su Wallace gli eredi spirituali e "materiali" dei…

29 Dec 2007 Reviews

Read more

Person L - The Positives (Arctic Rodeo, 2009)

L'instancabile etichetta di Amburgo anche questa volta non manca il colpo, anzi espandendo le vedute e il carattere del…

21 Dec 2009 Reviews

Read more

Adamennon/Null - Split (Autoprodotto, 2010)

Si dividono un split (su CD e cassetta) i due oscuri progetti Adamennon e Null. Del primo avete fatto la…

19 Oct 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top