Fungi From Yuggoth/Liturgia Maleficarum – Split tape (Diazepam, 2015)

Talvolta le conferme sono inutili, nondimeno averle fa piacere: è questo il caso, per quanto parlare di piacere potrebbe sembrare inopportuno, vista la proposta musicale non propriamente accomodante dei due gruppi coinvolti. La conferma che questa cassetta ci dà è che la Diazepam offre il meglio di sé quando indaga i luoghi più reconditi dell’anima e a dircelo chiaramente (o oscuramente?) sono il progetto genovese Fungi From Yuggoth e Liturgia Maleficarum, misterioso duo padano, ma apolide nello spirito.
Per quanto banale possa essere tirare ancora in ballo Lovecraft la cosa è tuttavia inevitabile: non tanto perché, come già avevamo avuto modo di notare, i FFY traggono il nome da una sua raccolta poetica, quanto perché i due gruppi dimostrano di saper tradurre in musica lo spirito del cupo scrittore americano, cogliendone lo spirito senza lasciarsi andare al mero calligrafismo, al pari di John Carpenter in alcuni suoi film (penso in particolare a Il Signore del Male e Il Seme Della Follia). Può sembrare paradossale, ma, delle due facciate, la maggiormente liturgica è quella a nome Fungi From Yuggoth, dove salmodii cavernosi, gelide ventate di synth e battiti lentissimi sembrano echeggiare sotto le volte di una cattedrale riconsacrata a qualche oscuro culto. Dark ambient sì, ma non privo di sfumature: da questo sfondo fosco emergono ad esempio passaggi più riflessivi e malinconici, come nella seconda parte di III (dopo che la prima era maggiormente orientata alla rumorosità industrial) o i feedback tesissimi, le percussioni tribali e le voci scarnificate di V, una specie di black metal terminale e selvaggio che sigilla il lato. Sull’altro i Liturgia Maleficarum ci accolgono in modo apparentemente più tradizionale, ma il loro doom con chitarra trapanaorecchie di matrice noise e grida dal profondo è portato a tali livelli di sofferenza da trasfigurarsi completamente, arrivando, poco oltre la metà, a dissolversi prima nell’ambient organistico e spettrale di Mater Abominationum, Ante Te Genuflecto, dove i Popol Vuh di In den Gärten Pharaos cozzano coi primi Mayhem e poi nell’autismo elettro-vintage e demoniaco di In All His Fathomless Glory, He Appears. La conclusiva In Perpetua Obscuritas Iacebo, tutta organo e urla, non sarebbe stata male nel finale incendiario di Inferno di Dario Argento e chiude degnamente un saggio di malessere vero, che nulla ha da spartire col disagio un tanto al chilo oggi così di moda. “Spesso il male di vivere ho ascoltato”, si potrebbe dire parafrasando il poeta. E questa volta non è Lovecraft.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Holy Palms – Jungle Judge (Arte Tetra, 2016)

Che Pavel Eremeev sia un matto tamarro o un geniale alchimista è difficile da stabilire e certo non basteranno le…

08 Feb 2017 Reviews

Read more

oRSo - Ask Your Neighbor (Contraphonic, 2008)

"Molta della musica che ascolto oggi mi delude in maniera sorprendente perché è così dannatamente noiosa. Manca completamente di... bè,…

17 Sep 2008 Reviews

Read more

Grizzly Imploded – Threatening Fragments From Four Boulders (Sincope, 2014)

Non è facile star al passo con le uscite dei Grizzly Imploded e delle loro varie filiazioni, specie per chi,…

04 Jun 2015 Reviews

Read more

Kotha – Black Animal Hex (Hate Mail, 2017)

Cresce in fretta Kotha, la mostruosa creatura di Daniele Santagiuliana, e - dopo aver pagato tributo ai maestri nel primo…

02 Feb 2018 Reviews

Read more

Steven Blush - American Punk Hardcore (Shake, 2007)

In attesa di vedere finalmente il film, ecco American Hardcore traduzione di un libro di Steven Blush che rischia di…

24 Apr 2007 Reviews

Read more

Moka - Hopi (Mokadelic Dream, 2006)

I romani Moka sono in giro dal 2000, dopo un EP, svariate compilation e un album, si fanno notare con…

12 May 2007 Reviews

Read more

Mara Carlyle - The Lovely (Accidental, 2004)

C'è un punto in Punch Drunk Love, Ubriaco d'Amore di Paul Thomas Anderson, dove, nel turbinio di violenza, reazioni inconsulte,…

14 Sep 2006 Reviews

Read more

The Verge Of Ruin – Learn To Love Solitude (Setola…

Si presenta con un titolo bellissimo l’esordio di The Verge Of Ruin - duo che mette insieme le esperienze di…

14 Mar 2018 Reviews

Read more

Jesse Krakow - World Without Nachos (Eh?, 2008)

Non so se vi ricordate della Eh?, ad ogni modo si tratta di una costola di quella che un volta…

10 Sep 2009 Reviews

Read more

Ubik - Circadian Rythms, Sleep Disorder (Farmacia901, 2012)

E' sorprendente che quando meno te lo aspetti esca sempre qualche disco capace di sorprenderti per gusto, qualità e fatto…

04 Oct 2012 Reviews

Read more

Shuteye Unison - Our Future Selves (Park And Records, 2010)

Lasciando perdere il brutto video del pezzo di punta Be Kimball (se proprio lo volete vedere ecco qui), la…

31 Jan 2011 Reviews

Read more

Jim Capaldi - Poor Boy Blue (SPV, 2004)

Con questo album Jim Capaldi (un nome che sembra uscito da "I Soprano" ma che in realtà negli USA è…

05 Sep 2006 Reviews

Read more

Ufomammut - Eve (Supernaturalcat, 2010)

Fa piacere sentire che i più famosi stoner di Tortona non si siano scoraggiati alle soglie del quinto album, ma…

01 Jun 2010 Reviews

Read more

Nils Rostad – Ujamat/Harmony Hammond (Solar Ipse, 2013)

Più che una ristampa quella che ci propone la Solar Ipse è l’edizione CD dei due più recenti album di…

28 Feb 2014 Reviews

Read more

Harvestman - In A Dark Tongue (Neurot, 2009)

Continua, lontano dal pantano in cui si sono ormai arenate le carriere di Neurosis e Tribes Of Neurot, il percorso…

30 Jun 2009 Reviews

Read more

Strongly Imploded - Why Use A Proxy? (Ikuisus, 2009)

Per quanto non ci sia alcuna specifica all’interno del cd se non delle sigle, guardando sulla loro pagina myspace ho…

23 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top