since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Enzo Rocco/Pablo Ledesma – Seis Episodios En Busca De Autor (Setola Di Maiale, 2010)

Enzo Rocco lo avevamo già visto qualche tempo fa in duo con Coxhill e l'impressione era che il chitarrista italiano avesse fatto alcune delle cose più interessanti che si sentivano su quel disco in compagnia del "grande vecchio". Ora lo ritroviamo in duo con questo sassofonista brasiliano, si tratta nuovamente di un live e di un'ottima registrazione, ma come è lecito aspettarsi cambiando gli elementi varia anche la somma delle parti. Se nel disco con Coxhill il gioco degli spazi era fatto con più calma e giocando leggermente di più sulle attese, in questo lavoro il duo italo brasiliano gioca a rincorrersi e lo fa così bene che invece che un botta e risposta si tratta di un percorso quasi simultaneo e questo direi che è frutto di un'ottima intesa.
Echi di Bailey nella chitarra di Rocco? Sì e no, per quanto per molti chitarristi avant jazz lui e Frith siano due presenze ingombranti con le quali confrontarsi, Rocco in un certo senso suona più jazzy ma comunque in un modo non troppo canonico. Anche per Pablo Ledesma si tratta di uno stile molto pulito e anche se da prendere con le molle credo che sia il principale responsabile per certi passaggi blues (per altro molto piacevoli) del lavoro. Altrove (La Voz) mi sembra di sentire echi jazz e sarà la suggestione della location sudamericana e del suo compagno di strada, ma certi passaggi di Rocco sembrano risentire di quel patrimonio, spesso sottovalutato, che è stato lasciato al jazz da certi chitarristi brasiliani. Non pensiate di trovarvi di fronte a morbidezze da Ragazza Di Ipanema, il tutto rimane su melodie sghembe e passaggi mediamente morbidi ma mai smaccatamente melodici. Le tracce che portano alla conclusione del disco sono quelle che forse daranno più filo da torcere a chi non è abituato a certi tipi di improvvisazione, ma dimostrano come i due riescano a mantenersi leggeri anche quando suonano in dissonanza. Bel lavoro.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top