since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Drowning In Wood – S/T (Scissor Tail, 2015)

Vincenzo De Luce (Zero Centigrade) e Sergio Albano (Grizzly Imploded, Monte Ossa) si incontrano in un territorio lontano da quelli abitualmente frequentati (anche se alcune strutture memori dell’elettronica e certe spigolosità noise si sentono); hanno con loro due chitarre (elettrica e acustica), una tromba, dell’elettronica e un bel po’ di buone idee. Il risultato è il nastro di Drowning In Wood: musica strumentale scura e affascinante, che rifugge le troppo facili catalogazioni.
Se cercate qualcosa di realmente psichedelico, senza comunicati stampa piacioni ma col suono che parla da sé, capace di portarvi in luoghi remoti e di disorientarvi, ma allo stesso tempo farvi sentire radici che affondano ben oltre il vostro punto di partenza, questo è il disco che fa per voi. Dovrete superare l’ostico inizio di Somewhere Not Here, con le chitarre maltrattate che tengono a bada il rumore, ma sarete premiati da una musica senza tempo, che fra melodie fratturate, storture espressioniste e rumore analogico, potrà ricordarvi le cose migliori del Coletti solista. E si va via così, fra corde pizzicate ed elettronica ruvida e profondamente umana, fino ad arrivare al centro del bosco, dove si affonda nel dittico Above The Field/Never The Same, capolavoro che si colloca fra lo Steve Von Till solista e il suo alter ego Harvestman: folk minimale e severo attraversato da un vento elettronico che porta con sé spiriti antichi, chissà se benevoli… Un’emozione così intensa non può che mette in secondo  piano i tredici minuti che mancano alla fine, ma è comunque un congedo di gran livello, che segna il prevalere del rumore e il ritorno alla realtà. Quella di Drowning In Wood è musica intagliata nel legno col cuore e le mani, fatta di strutture esili ma salde, ruvida e senza fronzoli eppure profondamente umana, che comunica qualcosa di sospeso, un senso di dramma inesprimibile che attraversa tutto il disco.
Il disco è disponibile il formato digitale essendo esaurita la tiratura di 42 cassette: un lavoro del genere meriterebbe tuttavia una ristampa e nuova visibilità.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top