since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Attilio Novellino/Drekka/Simon Balestrazzi/Ennio Mazzon – Quadrature (Under My Bed, 2017)

Si raffina con gli anni il concetto di compilation, da sempre un tipo di uscita caro ad Under My Bed: l’etichetta di Stefano Santabarbara (My Dear Killer) questa volta “si limita” a quattro (lunghi) brani per quattro musicisti, scegliendo come autori degli autentici pezzi da novanta (nella mia personale classifica e spero anche nella vostra), tirando così fuori dal cilindro una cassetta davvero notevole. Si inizia con Attilio Novellino che con chitarre ed elettronica compone un pezzo bilanciato tra crescendo e momenti più dilatati: ci trovo echi di shoegaze e del postrock più emotivo, ma tutto elaborato con il suo stile personale che non può non coinvolgere chi ascolta con i suoi paesaggi sonori velati di malinconia. A chiudere il lato A c’è Drekka che con una frase di piano e qualche field recordings ci regala una decina di minuti di lenta e superlativa disperazione: fare così bene con così poco materiale a disposizione è la classica cosa che sembra semplice ma… non lo è. Di Simon Balestrazzi si parla spesso su queste pagine date le sue frequenti pubblicazioni con cui arricchisce una tanto interessante quanto ormai sterminata discografia: il brano con cui si presenta qui non tradisce le attese ondeggiando lento e ipnotico tra alte frequenze, folate di droni e suoni vari, una perfetta colonna sonora notturna per nulla rassicurante. Il finale è lasciato al momento più rumoroso del lotto con Ennio Mazzon alle prese con suoni di synth misti a fischi e ronzii per una vera epifania sonora, ipnotica e coinvolgente, pezzo davvero catartico: quando parte anche la ritmica è travolgente al limite della trance. Tre quarti d’ora di musica di assoluta qualità, quattro nomi diversi tra loro ma che in qualche modo si amalgamano magicamente in una delle uscite che mi hanno più entusiasmato nell’ultimo periodo: grafica e serigrafia accattivanti nonché l’edizione limitata rendono come al solito il tutto ancor più intrigante per i feticisti del formato fisico.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

Back to top