WOW – Falene (Maple Death, 2021)

Gli WOW, dacché li conosco e li ascolto, sono stati sempre portatori di due principi, stile ed eleganza. Progetto che in 6 anni è riuscito a cesellare delle piccole perle pop anni ’60, sempre più intense, luminose, lisce. Dopo l’esordio con Rock Duro (che mi manca, me tapino) il trittico Amore, Millanta Tamanta Come La Notte (rispettivamente 2014, 2016 e 2019) li hanno elevati al top della gamma nel loro campo, quello delle icone pop trasportate 60 anni nel futuro a causa di un guasto spazio-temporale. Con il nuovo Falene, 10″ LP e cassetta in uscita per la sempre attenta Maple Death Records torniamo in quel mondo sudicio fumoso ed elegante, Anticoda è l’attacco, frequenze e ronzii che vanno e vengono, fiati, flauti che sibilano di una Cina desolata e fredda, come un Eastern fuori stagione, a lanciare una tensione che non si scioglie sostenuta dall’Onde Martenot di Julie Normal. Falene, forse una delle loro canzoni più belle, insieme a partirai (a detta di Jonathan Clancy, boss dell’etichetta, musicista e persona di ottimo gusto) è avvolgente, calda ed ipnotica, con una China salmodiante e dinoccolata, per 9 minuti che sembrano una discesa agli inferi di un night club dal quale non si uscirà mai. Il pathos è palpabile, il sax di Gianlorenzo Nardi a lanciare strali che vibrano e scaldano il cuore, un finale che rimane e nasce, trasformandosi in una Coda che trasuda condensa e zanzare fino a spegnersi quesi le fosse stata levata la spina. Tropicantesimo malmena trasfigurando una Occhi di serpente riducendola a brandelli lacrimevoli e ritmati fino a farne rimanere solo un cuore pulsante tra i cinguettii degli uccellini, gli scarichi dell’acqua e di una città che se ne va, lasciando le spoglia in balìa degli elementi. Chiude Partirai, pezzo perfettamente pop nella forma scollacciata e nella voce di Leo Non, tra fiati che si fanno la guerra e corpi sudati che si urtano e si strusciano. Musica che fa sangue, letteralmente, un giro dopo l’altro, tra sesso e morte.
Una graditissima conferma, un’eterna sorpresa…wow!

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Vs. Antelope – S/T (Arctic Rodeo, 2011)

Escono per la tedesca Artic Rodeo (recorz) i VSA, così come al gruppo piace chiamarsi. La label di Amburgo…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

Tsigoti – Private Poverty Speaks To The People Of The…

Perchè parlare oggi di un disco uscito nel 2009? Semplicemente per due motivi: da Sodapop non era ancora passato e…

10 Jul 2012 Reviews

Read more

Wolf Eyes + Ghédalia Tazartès/Nico Vascellari – 23/05/12 Triennale (Milano)

Per la serata dedicata all'etichetta VON all'interno della rassegna Open, questa sera alla triennale ci sono i Wolf Eyes, reduci…

15 Jun 2012 Live

Read more

Shana Falana - In The Light (Autoprodotto, 2012)

Questi Shana Falana (chissà se conoscono anche Don Lurio?) sono un duo di Brooklyn dedito ad uno shoegaze misto a…

21 Jan 2013 Reviews

Read more

Sparkle In Grey - Two sing too swing (Grey Sparkle…

Un album lungo vent’anni. Questo è per me il sunto dell’ultima fatica degli Sparkle In Grey che sono tornati con questo…

04 Nov 2021 Reviews

Read more

Belp - Hippopotamus (SVS/Schamoni Music, 2018)

Il tedesco Sebastian Schnitzenbaumer è attivo dal 2013 con il monicker Belp e produce musica elettronica principalmente per la sua…

19 Jun 2018 Reviews

Read more

Amen Ra - Mass V (Neurot, 2012)

La paura è quella di accendere una luce, di veder filtrare un raggio di sole, di imbattersi in un'incandescenza che…

18 Feb 2013 Reviews

Read more

Haymaker - Let Them Rot 7" (A389, 2014)

Tornano a registrare gli Haymaker, dopo anni di silenzio: i componenti nel frattempo sono/erano impegnati nelle loro altre band (tra…

30 Jan 2014 Reviews

Read more

MojaSfera - Equilibrio Infranto (Autoprodotto, 2008)

A volte è davvero difficile. L'incomprensione, la poca disposizione all'analisi e spesso una buona dose di convinzioni dure a morire.…

17 Nov 2008 Reviews

Read more

Temple Of Deimos - Work To Be Done (Go Down,…

Praticamente una cover band dei migliori Queen Of The Stone Age. E potrei anche fermarmi qui. La band genovese dei…

05 Mar 2015 Reviews

Read more

Konakon – Ousia (Os Tres Amigos, 2017)

Il ritorno di Konakon, progetto del parmigiano Matteo Berghenti (Lady Vallens e Second Family Records) segna un deciso cambio di…

09 Oct 2017 Reviews

Read more

Opus Dei - S/T (Lucifer Rising/Self, 2010)

"L''Opus Dei, fondata nel 1928, è una Prelatura personale della Chiesa Cattolica. La sua missione consiste nel diffondere il…

15 Jun 2010 Reviews

Read more

Mother Of Mud - Fall Guy (Autoprodotto, 2013)

Elegante esordio meneghino dai suoni nettamente early nineties. Per i Mother Of Mud è un po' come se il mondo…

05 Jun 2013 Reviews

Read more

Daniel Lercher - Missa Brevis (Chmafu Nocords, 2015)

Continuano le uscite interessati dell'austriaca Chmafu, questa volta si tratta del disco di Daniel Lercher Missa Brevis, tratto da una…

05 Sep 2016 Reviews

Read more

AA.VV. - Damn! Freistil Samplerin #3 (Chmafu, 2013)

Arriva al terzo capitolo la compilation in collaborazione fra la Chmafu Records e il giornale Freistil che raccoglie i contributi,…

26 May 2014 Reviews

Read more

I Love UFO - Wish (Record Makers, 2006)

Francesi. Potenti. Assolutamente obliqui ed imprevedibili. Colmi di quel sound che Monster Magnet ed affini anticiparono (!) nei primi…

27 Apr 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top