WOW – Falene (Maple Death, 2021)

Gli WOW, dacché li conosco e li ascolto, sono stati sempre portatori di due principi, stile ed eleganza. Progetto che in 6 anni è riuscito a cesellare delle piccole perle pop anni ’60, sempre più intense, luminose, lisce. Dopo l’esordio con Rock Duro (che mi manca, me tapino) il trittico Amore, Millanta Tamanta Come La Notte (rispettivamente 2014, 2016 e 2019) li hanno elevati al top della gamma nel loro campo, quello delle icone pop trasportate 60 anni nel futuro a causa di un guasto spazio-temporale. Con il nuovo Falene, 10″ LP e cassetta in uscita per la sempre attenta Maple Death Records torniamo in quel mondo sudicio fumoso ed elegante, Anticoda è l’attacco, frequenze e ronzii che vanno e vengono, fiati, flauti che sibilano di una Cina desolata e fredda, come un Eastern fuori stagione, a lanciare una tensione che non si scioglie sostenuta dall’Onde Martenot di Julie Normal. Falene, forse una delle loro canzoni più belle, insieme a partirai (a detta di Jonathan Clancy, boss dell’etichetta, musicista e persona di ottimo gusto) è avvolgente, calda ed ipnotica, con una China salmodiante e dinoccolata, per 9 minuti che sembrano una discesa agli inferi di un night club dal quale non si uscirà mai. Il pathos è palpabile, il sax di Gianlorenzo Nardi a lanciare strali che vibrano e scaldano il cuore, un finale che rimane e nasce, trasformandosi in una Coda che trasuda condensa e zanzare fino a spegnersi quesi le fosse stata levata la spina. Tropicantesimo malmena trasfigurando una Occhi di serpente riducendola a brandelli lacrimevoli e ritmati fino a farne rimanere solo un cuore pulsante tra i cinguettii degli uccellini, gli scarichi dell’acqua e di una città che se ne va, lasciando le spoglia in balìa degli elementi. Chiude Partirai, pezzo perfettamente pop nella forma scollacciata e nella voce di Leo Non, tra fiati che si fanno la guerra e corpi sudati che si urtano e si strusciano. Musica che fa sangue, letteralmente, un giro dopo l’altro, tra sesso e morte.
Una graditissima conferma, un’eterna sorpresa…wow!

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Passo Uno - Tartuff (Trazeroeouno, 2009)

Per coincidenza astrale o per semplice combinazione pare che in Italia questo sia l'anno del postrock come colonna sonora: tra…

03 Sep 2009 Reviews

Read more

Marcus Fjellstrom - Epilogue M EP (Rev Laboratories/Aagoo, 2013)

Marcus Fjellstrom è un musicista elettronico qui al suo quinto disco: il background contemporaneo e da colonna sonora si sente…

26 Jul 2013 Reviews

Read more

Il Babau e I Maledetti Cretini – Il Cuore Rivelatore…

Secondo fonodramma della trilogia dedicata dichiaratamente ad Edgar Allan Poe che la band meneghina sviluppa anche stavolta attraverso un booklet…

10 Feb 2017 Reviews

Read more

Demetra Sine Die - A Quiet Land Of Fear (Black…

Strano, ma molto interessante melange sonoro quello proposto dai genovesi Demetra Sine Die dove le contaminazioni virali si affastellano le…

02 Jan 2014 Reviews

Read more

Adamennon/Null - Split (Autoprodotto, 2010)

Si dividono un split (su CD e cassetta) i due oscuri progetti Adamennon e Null. Del primo avete fatto la…

19 Oct 2010 Reviews

Read more

Rosàrio - And The Storm Surges (In The Bottle Records…

Drammatico stoner fanta-apocalittico quello dei veneti Rosàrio capace di evocare volumi liquidi e mutaforma come in una vecchia pellicola sci-fi.…

23 Jan 2017 Reviews

Read more

Sanlupo - For Chorus, Cello & Electronics – 17/11/12 Ex…

Capita spesso che si organizzino eventi in ambienti insoliti, dando così la possibilità di restituire questi luoghi al pubblico, di…

30 Nov 2012 Live

Read more

Hypershape Records. Una chiacchiera..

Hypershape è un’etichetta discografica italiana, gestita al momento da Michele Basso e Giorgio Salmoiraghi. I due (ovviamente) loschi figuri non…

20 Mar 2022 Interviews

Read more

The Sinai Divers - Elders (A Lot Of Brians, 2012)

Philippe Henchoz, cantante e chitarrista dei Ventura, negli anni ha registrato canzoni in solitudine tenendole per sé, salvo poi decidere…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

Ubik - Anything You Don't See Will Come Back To…

Marco Bonini è un chitarrista jazz con esperienze in ambito improvvisativo (ad esempio lo potete ascoltare negli Acre o nei…

20 Sep 2017 Reviews

Read more

Protestant - Judgments (Shove, 2010)

I Protestant mi sono piaciuti a partire dal nome, ma sebbene l'abbiano preso in prestito da uno dei migliori album…

08 Apr 2011 Reviews

Read more

Bemydelay – To The Other Side (Boring Machines, 2011)

Ascoltando la prima volta il disco di Bemydelay (al secolo Marcella Riccardi, già Franklin Delano e Blake/E/E/E) mi sono trovato…

09 Apr 2011 Reviews

Read more

Silent Carnival - S/T (Old Bycicle/Viceversa, 2014)

Altro che gli immigrati, sono gli svizzeri a rubarci i lavoro! Nella fattispecie il lavoro del discografico, dato che l’esordio…

26 Feb 2015 Reviews

Read more

Rainbow Lorikeet - Fractures (Debacle, 2012)

Rainbow Lorikeet, monicker di Nicolò Tescari, esordisce pubblicando sull'americana Debacle di Seattle il disco Fractures. Anche se in un'epoca di…

26 Jul 2012 Reviews

Read more

Stefano Ferrian - Amphetamine (dE-NOIZE, 2011)

Un esordio? Non esattamente, visto che si tratta sì del primo disco solista di Stefano Ferrian, ma stiamo comunque parlando…

15 May 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - L'Antologia Funk, Dagli Anni 70 Ad Oggi (Cramps,…

Ernesto de Pascale ed il prode Bobby Soul assemblano questa doppia raccolta su Cramps con trentatre tracce per altrettanti artisti:…

14 Jun 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top