Whiting Tennis – Three Leaf Clover (Tarnished, 2007)

Non so se c'è qualcuno tra di voi che sia come me. Nel caso mi capirete e capirete questa recensione. Per gli altri, cercate di capirci, siamo iperattivi. La necessità di vedere progetti in piedi belli e finiti, cosa fatta capo ha, spesso mi porta sbrigativamente a pressare per chiudere i discorsi e le azioni senza eccessivi indugi.
Forse è una sorta di malsano collezionismo, quello delle cose fatte. Forse è solo una forma di amatorialità e dilettantismo. Forse è solo la paura di essere o diventare un puntiglioso e metodico maniaco ossessivo, di quelli che cercano di progettare le viti dei cessi nei piani urbanistici. Sia come sia, se ci credete, pare che questo disco dell'artista contemporaneo Whiting Tennis sia un demo.
Immagino la vita di un artista come fatta da grandi momenti di libertà e tanto, tanto, tempo libero. Perchè non metter su un gruppo allora? Viste alcune delle opere, assai materiche, del soggetto in questione e ascoltato questo disco, mi rendo conto che il giovane ha delle potenzialità espresse, assai prossime ai campi e all'agricoltura, se non altro come immaginario. Mi si diceva che in America cantautori come questi crescono sugli alberi. Un'accorta e minimale produzione rurale, i barn sullo sfondo, l'odore del legno. Oh, che dire, il disco c'è, le canzoni pure. Il vocino da Neil Young educato è impostato e arriva al limite del plagio su The Golden Spike e in Louisiana Donut Counter Man. Steel guitar a manetta su chitarre acustiche. Probabilmente avrebbe potuto impiegare meglio il tempo e lavorare di più per discostarsi dalle sue tradizioni, visto anche il suo spessore artistico. Quanto meno avrebbe dovuto riprendere questi brani e provare a decostruirli un po' in studio, come fa con le sue opere. Così come sono hanno la sufficienza, ma solo per il materiale in sè, non certo per la forma, così scontata. Harvest ha più di trent'anni: spero ardentemente che il folk americano continui a muoversi oltre e non vi si arrocchi più come mera giustificazione di compiutezza.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Kotha – Black Animal Hex (Hate Mail, 2017)

Cresce in fretta Kotha, la mostruosa creatura di Daniele Santagiuliana, e - dopo aver pagato tributo ai maestri nel primo…

02 Feb 2018 Reviews

Read more

The Great Saunites – Green (Hypershape/Toten Schwan, 2016)

Il duo The Great Saunites è simile a un elettrone che orbita intorno al nucleo che rappresenta la loro idea…

09 Jan 2017 Reviews

Read more

23RedAnts & Pablo Orza – Red Night (Setola Di Maiale,…

Il violoncello gode ultimamente, in campo avant, di grande considerazione, dalle composizioni neoclassiche di Julia Kent a quelle più cinematiche…

04 Apr 2016 Reviews

Read more

Nicola Guazzaloca/Tim Trevor Driscoe/Slizard Mezei – Underflow (Leo, 2011)

Dopo lo splendido debutto di One Hot Afternoon ritorna la coppia Nicola Guazzaloca - Tim Trevor Briscoe che per l'occasione…

17 Oct 2011 Reviews

Read more

Om + Lichens – 30/01/10 Interzona (Verona)

E venne il giorno degli Om. La notte anzi, umida e fredda, ma almeno non nevosa, cosa rara di questi…

02 Feb 2010 Live

Read more

La Route Du Rock - 14-16/08/08 (Saint Malo - FR)

Il programma del Villaggio Vacanze medio, secondo una ricerca francese, prevede un cartellone di eventi di qualità, un accesso pressocchè…

10 Sep 2008 Live

Read more

Fear - The Record (The End, 2012)

Se date da ripetere a memoria a un pappagallo i versi di Dante, siete sicuri che qualcosa di buono ne…

28 Feb 2013 Reviews

Read more

Gioventù Bruciata - S/T (Brigadisco, 2014)

I Gioventù Bruciata di Formia sono un calcio in culo ("col fischio o senza?") che torna a percuoterci le nostre…

02 Jul 2014 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi/Cria Cuervos - Azazel (Silentes, 2009)

Dopo la notizia dell'abbandono definitivo di Maurizio Bianchi alla "musica" (si fa per dire) in occasione del trentennale dai suoi…

23 Dec 2009 Reviews

Read more

Debeli Precjednik - Through The Eyes Of The Innocent (Moonlee,…

Torna l'iperproduttiva Monnlee con questo emotivo manipolo che sembra cresciuto sulle rampe di Fullerton anziché su quelle della Croazia,…

07 Jan 2008 Reviews

Read more

Mulo Muto & Black/Lava – Worlds Corroding Under Xenomorphs’ Ejaculations…

Dal confine italo-svizzero - ideale punto d’incontro fra le due entità che collaborano in questo progetto – allo spazio profondo…

31 Mar 2022 Reviews

Read more

The Days Are Blood – S/T (Autoprodotto, 2013)

Ci sono duo strumentali e duo strumentali. Fatto salvi quelli dediti all'improvvisazione radicale che in linea di massima, lo sapete,…

10 Apr 2013 Reviews

Read more

The Drift - Money Drawings (Temporary Residence, 2008)

Parlando di questi The Drift possiamo aprire su tutta una serie di considerazioni più o meno interessanti a seconda di…

12 Feb 2008 Reviews

Read more

Fog In The Shell - Private South (Paradigms, 2007)

Gruppo strano i Fog In The Shell, e strano sotto diversi punti di vista: il loro disco di esordio pur…

13 Mar 2009 Reviews

Read more

Six Minute War Madness – Full Fathom Six (Wallace/Santeria, 2010)

Solitamente non ci occupiamo di ristampe, ma se vale la pena fare un'eccezione, è per un disco come questo. Grazie…

26 Jan 2010 Reviews

Read more

Hermann Kopp + Lorenzo Abattoir – Psicopompo (4iB, 2015)

Hermann Kopp e Lorenzo Abattoir non si sono mai incontrati, magari non lo faranno neppure mai. Si incontra però la…

20 Jul 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top