Thembi Soddell – Love Song (Room40, 2018)

Già dal breve trailer di presentazione si può percepire tutta l’inquietudine delle nuove composizioni di Thembi Soddell. Richiamandosi ad un immaginario esorcistico, il video mostra l’inquadratura stretta su una bocca che rigurgita una treccia di capelli, immagini che hanno la forza di inquadrare efficacemente il concetto che sottende le cinque tracce del disco. Cercare di gestire con fatica un male interiore, spesso caoticamente contraddittorio.
Love Song, come afferma la stessa autrice, è un titolo che usa l’umorismo nero per parlare di relazioni sentimentali, concentrandosi su quella zona liminare dove queste diventano subdole forme di abuso psicologico, con tutto il disordine mentale che ne consegue. Argomento trasposto con efficacia attraverso il suono, o, sarebbe meglio dire, sfogato col suono. Infatti l’approccio della Soddell è volutamente provocatorio e punta a colpire direttamente la percezione nuda dell’ascoltatore, trasmettendo ansia e turbamento, nel tentativo di stabilire un rapporto dialettico-emozionale crudo.
Muovendosi tra sound design, field recordings e nervi scoperti, la sound artist australiana compone tracce densamente oscure e abissali, feroci nelle loro esplosioni di volume, utilizzando come uno degli strumenti principali le manipolazioni della voce della sperimentatrice Alice Hui-Sheng Chang, alla quale è stato espressamente richiesto di vocalizzare il collasso percettivo. Il risultato è affascinante e ansiogeno, e riesce a descrivere in modo volutamente frammentario e con cura del dettaglio contesti emotivi complessi, dove passione, paura, tensione, quiete, desiderio, rabbia e stasi si sovrappongo confusamente in momenti carichi di tensione emotiva. Climax cupi e intensamente eccessivi, bruschi collassi e implosioni, tagli improvvisi e silenzi che diventano peso riflessivo, particolari disturbanti e continui cambi di profondità traghettano in un percorso accidentato verso lo smarrimento e l’alterazione. Un lavoro complessivamente riuscito e claustrofobicamente interessante.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Offlaga Disco Pax + Apash 2012 - 18/01/13 Circolone (Legnano…

E quindi si inaugura l'anno nuovo con un live dal sapore un pò - almeno per me - antico. Offlaga…

08 Feb 2013 Live

Read more

Melampus - Hexagon Garden (Riff/Sangue Disken/Old Bicycle, 2015)

Il terzo disco dei Melampus pecca nell'artwork: pulito, essenziale, ben fatto, chiaro. Tutto perfettamente in regola, se non fosse che…

30 Apr 2015 Reviews

Read more

Chris Pitsiokos - un nuovo nome da tenere a mente

Chris Pitsiokos è una personalità molto interessante del nuovo sottobosco avant jazz new yorkese, approfondisce le possibilità del sassofono alto praticando…

09 Aug 2018 Articles

Read more

Quai Du Noise - Echo Sounder (Edison Box, 2015)

Il lavoro del duo bolognese di recentissima formazione - nella più che succinta biografia si dicono nati nel 2014 -…

14 Oct 2015 Reviews

Read more

Toilet Door n.1 - Avanti Savoia!

In questo clima di libertaria apertura mentale anche Andrea Ferraris, Marco Giorcelli e Emiliano Grigis indagano per capire se…

29 Mar 2010 Podcasts

Read more

Catlong - Out Of Control (Autoprodotto, 2007)

E’ bello, davvero bello, edulcorarsi tanto per il passo coi tempi che cavalcano oggi i gruppi nostrani, per poi essere…

02 Jun 2007 Reviews

Read more

The Letter Yellow - Walking Down The Streets (Autoprodotto, 2013)

E' una bella cover dove campeggiano cerchi concentrici colorati come lo spettro della luce ad introdurmi nel mondo dei Letter…

30 Oct 2013 Reviews

Read more

AA. VV. – Safe In Their Alabaster Chambers (Under My…

La serie Murmured Poetry è un interessante progetto della Under My Bed che affida a tre gruppi una poesia, chiedendo…

04 Feb 2014 Reviews

Read more

Tender Trap - Ten Songs About Girls (Fortuna POP!, 2012)

Parte la prima traccia - che, manco a farlo apposta si intitola Train From King's Cross Station- ed è subito…

19 Feb 2013 Reviews

Read more

Genghis Tron + Behold... The Arctopus - 14/11/08 Vicolo Stretto…

Il programma per il venerdì sera, fino a metà settimana, era quella di andare a Brescia a curiosare il concerto…

25 Nov 2008 Live

Read more

Shinkei - Binaural Beats (Koyuki, 2007)

Anno nuovo, vita nuova e nuove etichette, diciamo pure che questa copre un campo stranamente poco calcato nel Bel Paese.…

03 Jan 2008 Reviews

Read more

Marc Urselli ovvero il fonico di John Zorn, Laurie Anderson,…

Negli ultimi anni è apparso con sempre maggiore evidenza quanto sia importane il ruolo del fonico per la riuscita di…

28 Mar 2009 Interviews

Read more

Bilk - This Bilk Is Radioactive (Moonlee, 2006)

Un gruppo croato il cui disco è uscito nel 2006 su sodapop? Sono in effetti due anni che mi zampetto…

20 Feb 2008 Reviews

Read more

Luther Blissett – Bloody Sound (Bloody Sound Fucktory/Eclectic Polpo/Brigadisco et…

Secondo lavoro per la interessante formazione bolognese dei Luther Blissett che ritorna dopo qualche rimaneggiamento tra le sue fila: perso…

18 Oct 2011 Reviews

Read more

Plaster – Platforms (Kvitnu, 2011)

Vi ricordate di Kaeba? Io sì, si trattava di un esordio in ambito elettronico di un ragazzo piuttosto giovane, l'avevo…

09 Feb 2012 Reviews

Read more

Jodis – Secret House (Hydrahead, 2009)

Diamo il bentornato a James Plotkin; era dai tempi dell'abisso lovecraftiano di Chaos Is My Name dei Khlyst che non…

31 Dec 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top