Talibam!/Jealousy Party – Phonometak Series #5 (Phonometak/Wallace, 2008)

Continua inesorabile la serie di vinili marcati Soundmetak/Wallace; la collana solitamente mette insieme nomi conosciuti esteri e nostrani, vecchie glorie e nuovi purosangue, ad esempio Damo Suzuky, Zu, Mat Gustafson, Paolo Angeli, Iceburn. Questa volta è toccata a Talibam! e agli italianissimi Jealousy Party ed il matrimonio convoglia una coppia di caratteri diversi ma che si sposano bene sulle facce di un vinile: anche se diversa, di materia free si tratta comunque. Partiamo dagli americanissimi Talibam! Che vantano il super batterista degli Storm And Stress e che fino ad ora pur piacendomi non mi hanno ancora conquistato. Mantenendo fede a ciò che si dice di loro fanno un casino infernale e differentemente da dischi come Ordination Of The Globetrotting Conscripts, in cui quando vogliono essere lineari lo sono, in questo caso stanno nel loro, quindi se li conoscete per tastiera suonata stile Harbie Hancock in trip cocainico su batteria modello Storm And Stress in anfetamina, “no te preocupe!!” Non rimarrete a bocca asciutta. In realtà capisco benissimo l’emozione del live, poi immagino che con i loro tour estensivi facciano un gran casino in mood decisamente ammiccante, ma su disco restano sempre un buon gruppo che a parte varie attualizzazioni del suono, rimane pesantemente ancorato agli anni ‘70 in modo forse un po’ sterile nel loro stile hard-kraut/hard-psichedelica o somigliante a Beefeheart in ipercinesi. Ribadisco che si tratta di un bel gruppo, ci mancherebbe anche, ma su disco mi sembra sempre che arrivino fino ad un certo punto. Altro discorso per i Jealousy Party che fra folate free, raddrizzamenti per rimanere in carreggiata, ironia e parodie fracassone fanno venire in mente dei fuoriusciti Skin Graft in combutta con una formazione hard-free-jazz-punk (se scrivo altre tre o quattro di queste definizioni demenziali qualcuno mi regala un peluches a forma di Gorilla… Biscuits, ovviamente!). Avete un po’ di dimestichezza con i materiali Burp? Se la risposta è sì, le sonorità non dovrebbero essere un sorpresa: fra il serio ed il faceto si presenta un polpettone globale no-jazz in cui Andreini, Nicotina, WJ Meatball, Gelli (ahimè… non Licio), Gallio, Caprara, Bartolini, Pogo, Ricci fanno di tutto per togliere il tappeto da sotto i piedi di chi ascolta, o più semplicemente cercano di prendersi la vostra parte di coperta. Così punk-jazz in rock e caciara a mano armata, fracasso da festa per ritardati mentali e “vamos a matar los gringos!” goliardico e frescone, da buoni toscani mantengono un certo spirito, in questo senso direi che sono gli eredi avant degli I Refuse It (… e sti cazzi!). Se il jazz ed il rock non sono morti c’è chi li sta uccidendo a colpi di mestolone, ribollita e panzanella e bene che fa, maremma maiala!

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Autoblastingdog - HermesLyre (Autoprodrodotto, 2010)

Non male davvero l'esordio di questi quattro giovanotti sperduti nei monti amiatini. La forza d'urto è notevole e, nonostante…

28 Aug 2010 Reviews

Read more

Neubau - Rymdmyr (Digital Nonine, 2008)

Nuova etichetta di elettronica da Berlino, per quanto di "elettronica" si tratti il termine tutto sommato va relativamente stretto alla…

08 Jun 2008 Reviews

Read more

Matmos - The Marriage Of True Minds (Thrill Jockey, 2013)

Tornano dopo cinque anni i Matmos con un un nuovo disco che è incentrato su esperimenti telepatici effettuati dal duo…

15 Mar 2013 Reviews

Read more

Splintered Man - S/T (Slow Release, 2014)

Gli Splintered Man sono Simon Kobayashi e Alex Carter, il primo dei due è attivo con gli Smallgang, su Damnably:…

29 Apr 2015 Reviews

Read more

Artifact Shore/Linedotstar - Landscape Removal (Interferenceshift, 2006)

Split abbastanza interessante e che da una parte presenta Artifact Shore di cui abbiamo recensito altro materiale da pochissimo e…

21 Apr 2008 Reviews

Read more

Von Tesla - Raised By Clear Acid (Boring Machines,…

Von Tesla ovvero il nuovo progetto di Marco Giotto (già col moniker mondano e festaiolo di Be Invisible Now!), con…

21 Jan 2014 Reviews

Read more

Clara Clara - AA (SK, 2008)

A parte una evidente e malcelata passione per la lettera A, allitterata e ripetuta all'eccesso tra nome del gruppo e…

14 Sep 2008 Reviews

Read more

Father Murphy - 19/12/08 Morya (Cellatica - BS)

Mancando pochi giorni al Natale sta a Father Murphy fare gli auguri di buone feste al pubblico intervenuto al Morya…

29 Dec 2008 Live

Read more

Tindersticks - Across Six Leap Years (City Slang, 2013)

Sono da sempre un grande fan della band di Nottingham, capace, a mio avviso, di regalare dischi di assoluto prestigio…

06 Feb 2014 Reviews

Read more

Uzi & Ari - It Is Freezing Out (Own, 2006)

Il "non-plus-ultra" (pronunciato alla Colle Der Fomento) del pop eccolo qui racchiuso in questo Uzi & Ari, mi sembrava strano…

27 Dec 2006 Reviews

Read more

Clock DVA – 18/10/2014 Interzona (Verona)

Dopo la data saltata all’ultimo momento la scorsa primavera, finalmente si concretizza la possibilità di vedere i Clock DVA all’Interzona,…

24 Oct 2014 Live

Read more

Martino Nencioni - Then (51Beats, 2014)

La definizione di "dance intelligente" ha sempre un po' lasciato il tempo che trova, alla fine esiste solo musica che…

06 Jun 2014 Reviews

Read more

Broken Spindles - Fulfilled/Complete (Saddle Creek Europe, 2004)

Non è che uno prende, fa un disco solista e da cover band dei Cure si scopre essere un Tim…

12 Sep 2006 Reviews

Read more

Philippe Petit – Multicoloured Shadows (Aagoo, 2015)

Philippe Petit è sempre lui, multiforme - per quanto la cosa possa sembrare un ossimoro – e prolifico: per quanto…

18 Jan 2016 Reviews

Read more

Hilde Marie Holsen - Lazuli (Hubro, 2018)

L’ispirazione del nuovo disco di Hilde Marie Holsen proviene dai minerali chimici utilizzati per creare i pigmenti usati nella pittura,…

20 Jun 2018 Reviews

Read more

Il buio ai margini di Drive-In: il ritorno degli '80s…

"Siamo arrivati così ai tanto vituperati Eighties, per l'inevitabile "revival" dei quali bisognerà forse attendere il giro di boa del…

07 Aug 2006 Articles

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top