Solkyri – Sad Boys Club (Bird’s Robe, 2015)

Non è bellissimo quando ti accorgi che non sapresti quale pezzo ti piace di più di un disco? Non capita proprio spesso, diciamocelo. C’è sempre quello che skippi volentieri, o che, quando inizia, ti ‘permette’ di fare una telefonata breve, andare in bagno, andare in cucina ad acchiappare cibo nello spazio di 3-5 minuti. Invece con Sad Boys Club ti tocca morire di fame. Di stipsi. Diventare asociale. Semplicemente non puoi far altro che ascoltare e prendere parte alla maestosità matematicamente perfetta di Yes, I’m Breathing o Sad Boys. Solkyri è un trio di Sydney – come gli Sleepmakeswaves, altra band piuttosto recente e piuttosto notevole per chi ama suoni di una certa area post-rock tendente al progressive direi -, sotto etichetta di Sydney che, giusto per dirne una, ha in catalogo i 65 Days Of Static. Se devo aggiungere altro…. I quattro possono annoverare al loro attivo un album e un ep precedenti a questo Sad Boys Club e un’intensissima e vivace vita live nei dieci anni giusti trascorsi dalla loro formazione.
Se vogliamo dare un’indicazione di riferimento, si potrebbe parlare di Explosions In The SkyTeam Solar -, soprattutto per i muri sonori improvvisi e quasi violenti e le distorsioni massicce che caratterizzano la decina di tracce, ma trovo che Solkyri sia un progetto che sia limitante accostare ad altri di simile indirizzo: spesso la matematicità si accompagna a una certa vena di suoni tendenti ad atmosfere emotivamente impegnative – come in questo album puo’ essere Odmoriti -, ma qui troviamo pezzi che risultano quasi spensierati. Sad Boys Club, in contrasto col titolo, propone pezzi esuberanti ‘positivi’ – Forrah -. Bel disco. Bella gente. Sono stati recentemente in tour in Europa. L’Italia non è stata calcolata. Speriamo che al prossimo giro, magari…

 

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Paperback Freud - All In A Day’s Work (Longfellow Deeds,…

In ogni caso fanno simpatia quegli artisti che propongono quanto di più fuori moda e dimenticato sia possibile farsi…

03 Jun 2010 Reviews

Read more

Words And Actions / Red Sector A – Final Muzik…

Al quarto appuntamento il singles club della Final Muzik conferma la formula vincente di accostare nomi noti ad altri (relativamente)…

12 Sep 2014 Reviews

Read more

Strongly Imploded - Why Use A Proxy? (Ikuisus, 2009)

Per quanto non ci sia alcuna specifica all’interno del cd se non delle sigle, guardando sulla loro pagina myspace ho…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

Mamuthones – S/T (Boring Machines, 2011)

Continua il cammino dei Mamuthones che da progetto del solo Alessio Gastaldello (ex Jennifer Gentle) diventa ora un vero gruppo…

05 Mar 2011 Reviews

Read more

Arkadia - Polvere Ep (Autoprodotto, 2007)

Non inganni la copertina alla Overkill, i bergamaschi Arkadia flirtano con la melodia quanto i vecchi Newyorkesi lo facevano…

30 Mar 2008 Reviews

Read more

Titor - Rock Is Back (Inri, 2012)

Tanto erano alte le aspettative per il nuovo Titor quanto gigantesca è stata la delusione nel notare che dei nove…

20 Jun 2012 Reviews

Read more

Roberto Dani - Lontano (Stella Nera, 2010)

Di recente un amico ha commentato che Stella Nera in un certo senso è un'etichetta musicale anarchica di estrazione ma…

01 Sep 2011 Reviews

Read more

Smart Cops - Per Proteggere E Servire (La Tempesta, 2011)

Inizia, continua e finisce tiratissimo Per Proteggere E Servire degli Smart Cops. Il quartetto, che nonostante i pochi anni di…

12 Feb 2011 Reviews

Read more

Hyperwulff - Volume 1: Erion Speaks (Martire / Death Crush…

Implacabile bordata post-hardcore per l'iperlupo che, a dispetto dell' impatto frontale, rivela non poche gemme "insospettabili" all' interno dei propri…

27 Jul 2015 Reviews

Read more

Father Murphy - Orsanti They Call Them (Yerevan Tapes, 2013)

Per la gioia di tutti gli aficionados del loro personalissimo culto tornano i Father Murphy: dopo Anyway Your Children Will…

04 Jun 2013 Reviews

Read more

AA.VV. - Brucia Imperia Brucia (Good Vibes, 2007)

Certamente per una buona causa. Chi vive all'estrema periferia dell'impero, emblematicamente gli abitanti di Imperia, non vuole esser dimenticato…

15 Jun 2008 Reviews

Read more

Folklezmer - Puppets Theater Show (Ultra Sound, 2011)

Un gruppo che mette in chiaro tutto a partire dal nome e quindi non perdiamoci troppo in introduzioni sterili e…

29 Jul 2011 Reviews

Read more

Anders Vestergaard & Finn Loxbo - Saint Erme (Gikt, 2019)

Continua la collaborazione tra il chitarrista svedese Finn Loxbo e il batterista danese Anders Vestergaard, che già con il precedente…

23 Aug 2019 Reviews

Read more

Pretty Flowers - EP (Bananaseat, 2005)

Che poi a me queste cose piacciono pure... indierock che tende al punkrock con singalong a manetta e con armonie…

09 Sep 2006 Reviews

Read more

J Mascis - Several Shades Of Why (Sub Pop, 2011)

Finalmente J Mascis si mette a nudo, non solo col nome, e quindi ci fermiamo un attimino prima di liquidare…

01 Mar 2011 Reviews

Read more

Evil Purpose – Normal Life (Spina Bifida, 2010)

La metà più fisica del suono degli Iron Molar la ritroviamo nell'opera di Jacopo Manelli, alias Van Malora, alias Evil…

04 Sep 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top