Skull Defekts – Skull Defekts (Thrill Jockey, 2018)

Non saprei sinceramente rispondere alla domanda se questo sia o meno l’album più bello degli Skull Defekts e credo che sia anche fuorviante domandarselo. Infatti, dietro al moniker c’è un discorso realmente più complesso di un solo momento creativo, vista anche la notevole qualità della cospicua discografia del gruppo. E vuoi anche per le diverse forme espressive praticate nel tempo, nonché per la formazione cangiante che spesso si avvale di collaborazioni o in alcuni casi si restringe a duo, con i soli Joachim Nordwall e Henrik Rylander, nella stesura di un noise drone feroce nel suo minimalismo, mentre altre volte si allarga in una più classica dimensione noise rock, che negli ultimi anni ha visto in pianta stabile Daniel Higgs, singer degli indimenticabili Lungfish, ad arricchire l’intensità del combo svedese con il suo declamare sciamanico.
Al netto di tutto, l’elemento caratterizzante del loro percorso è stata la costante ricerca di un suono minimalista e reiterativo, una tensione continua verso la circolarità ipnotica partendo da idee semplici spinte con determinazione e un’attitudine irremovibile; attestandosi alla fine nel contesto di un post punk rumoroso, esangue eppure intenso, come nell’ottimo Dances In Dreams Of The Known Unknown.
Pratica perseguita anche in questo programmatico capitolo finale che chiude una significativa storia artistica, portando in sé la proficua ma drammatica contraddizione tra passione creativa e l’inevitabilità della sua distruzione. Un disco che gira convintamente attorno a ossessioni ripetitive, dove, rispetto ai precedenti, l’attenzione è focalizzata più sulla messa a punto della forma canzone che sul gusto dell’improvvisazione, loro marchio di fabbrica, che stavolta è trattenuto in favore un suono più composto e rifinito. Della famiglia mancano Higghs, che dona però una bella veste grafica alla raccolta, e il percussionista Jean-Louis Huhta, sostituito da Mariam Wallentin che aggiunge anche la sua affascinante vocalità.
Sono le tonalità corrosive a dare il via al percorso verso la fine, introducendo A Brief History Of Rhythm, Dub, Life + Death, dal titolo tanto predittivo quanto esplicativo, session strumentale di dub liofilizzato e rimpolpato da improvvisazioni tribali e rumorosi accenti penetranti. La successiva Clean Mind è post punk sostenuto ed essenziale, che gioca lapidariamente attorno un centrato quanto scarno giro di basso, mentre Dance ipnotizza col suo groove dritto e le sue armonizzazioni scure e lascive. Si continua con la jam di Slow Storm, una lenta sospensione percussiva con intarsi taglienti a vagare nel cupo vuoto onirico, mentre la voce della Wallentin si fa strumento fino a disperdersi nella nebbia. Powdered Faces, colpisce frontalmente con estenuanti incroci di chitarre sfasate, una danza scheletrica con un’incalzante cadenza vocale a muoversi in superficie. All Thoughts Thought è matematica minima che martella giocando sulla comparsa e scomparsa di dettagli marginali che acquistano di volta in volta significato, subito prima di A Message From The Skull Defekts, potente cavalcata strumentale che ci consegna un messaggio di seducente magnetismo. In fine, The Beauty of Creation and Destruction, il nome lo dice, indica l’ultima distanza da percorrere per arrivare al limite di tutto, tiro implacabile e un sapore drammatico che confessa tutta l’inevitabilità della situazione.
Non so dirvi se questo sia il miglior disco degli Skull Defekts, ma sicuramente è un tassello prezioso della loro discografia, altrettanto bello e convincente al pari dei loro momenti più alti, con il valore aggiunto del saper chiudere una storia con la cosa migliore che si possa fare nella consapevolezza di una fine inevitabile, sfiorandoci alla fine con la sua piccola verità. The beauty of destruction is this…

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Bowerbirds - Hymns For A Dark Horse (Dead Oceans,…

Che, da qualche parte, la quadratura del cerchio dovesse arrivare, era ovvio. Pacifico era che, per qualche folkster impazzito che…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Grey History - Lucifer Over Disneyland (Radical Matters, 2010)

La premiata ditta Gianluca Becuzzi - Fabio Orsi continua nella collaborazione, questa volta a nome Grey History e con iconografie…

10 Jul 2010 Reviews

Read more

Black Fluo - Billion Sands (Pulver Und Asche, 2014)

A scadenze temporali abbastanza regolari, sui 20 - 25 anni, ogni genere o sottogenere musicale viene ripreso, a volte attualizzato,…

27 Nov 2014 Reviews

Read more

?Alos - Matrice (Cheap Satanism, 2015)

Stefania Pedretti é l'unica figura femminile davvero interessante del panorama musicale indipendente nostrano. Su questo credo non ci siano dubbi.…

21 May 2015 Reviews

Read more

Andrea Senatore & Giovanni Sollima - De/Nucleo (Minus Habens, 2012)

Dopo Psychofagist vs Napalmed, proseguiamo con le scellerate collaborazioni, questa volta nei piani alti dell'empireo andando a scomodare addirittura Giovanni…

16 May 2013 Reviews

Read more

Makhno – The Third Season (Neon Paralleli/Wallace/Brigadisco/HYSM? e altri, 2015)

Dove eravamo rimasti? A Federico Ciappini che, su una base di chitarre distortissime, chiedeva due pistole, per “morire come il…

30 Jun 2015 Reviews

Read more

AA.VV. - Art Detox 2010 (Ethereal Open Network, 2011)

Disintossicarsi dall'arte: questo l'obiettivo del progetto Art Detox 2010, parte una catena di incontri e iniziative che si svolgono ogni…

22 Dec 2011 Reviews

Read more

Mingle – Static (Kvitnu, 2015)

Viaggia solo stavolta Andrea Gastaldello, in arte Mingle, dopo le ottime uscite in compagnia di Andrea Faccioli e Deison (ben…

09 Oct 2015 Reviews

Read more

Nole Plastique - Escaperhead (Nexsound, 2008)

Altra uscita per l'etichetta "pop" di Andrei Kiritchenko, la terza per essere precisi e la prima ad essere davvero interessante…

17 Jun 2008 Reviews

Read more

Francesco Giannico/Zac Nelson – Les Nomades Paysages (HYSM?/Lemming, 2013)

Zac Nelson lo avevamo conosciuto come eclettico musicista pop in un bel disco uscito su Second Family un paio di…

23 Jan 2014 Reviews

Read more

ӔLMĀ - The Beings Of Mind Are Not Of Clay…

Elena M. Rosa Lavita e Marco Valenti, una citazione di Lord Byron, un nastro, due lati per due parti di…

12 Jun 2022 Reviews

Read more

Deison - Magnetic Debris vol.1 & 2 (Dissipatio, 2022)

Il passato che ritorno non è, in genere, una buona cosa: fantasmi, storie che credevamo dimenticate o, quando va bene,…

24 Mar 2022 Reviews

Read more

Toshimaru Nakamura - Re-Verbed (No-Input Mixing Board 9) (Room40, 2018)

Toshimaru Nakamura è uno dei pionieri del no imput mixing, accanito nel sondare ed esplorare questa pratica facendola avanzare di…

06 Jul 2018 Reviews

Read more

AA.VV. - Sampler (Velak, 2010)

Questa compilation della Velak records mette assieme una serie di tracce elettroacustiche di musicisti che non avevo mai sentito prima,…

01 Aug 2011 Reviews

Read more

Buildings - Melt Cry Sleep (Double Plus Good/Cash Cow, 2012)

"Non male questo gruppo, solita roba eh, però fatta bene, roba anni '90". Se vivi nel 2012, hai passato la…

20 Nov 2012 Reviews

Read more

Loose - Dodge This (Autoprodotto, 2011)

Questo dischetto proveniente dalle marche è un autentico bombardiere carico di rock 'n' roll. Definitivamente e senza imbarazzo posso…

23 Dec 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top