Rotadefero – Discodefero 7” (Zen Hex, 2017)

Cristiano D’innocenti e Tommaso Garavini erano, un eone fa, batteria e voce dei romani Concrete, un gruppo che definire hardcore – per quanto quello fosse l’ambito entro cui si muoveva – è estremamente riduttivo. A legare quell’esperienza a questa nuova avventura rimane il nome (Rotadefero, insieme al metallo della morte, era uno dei tormentoni della band romana) e un suono percussivo e metallico che negli ultimi tempi il gruppo praticava dal vivo maltrattando bidoni e fusti di birra; nient’altro ed è giusto così: si va oltre, non solo dal punto di vista musicale. Rotadefero è un progetto complesso che si espande su vari piani e con vari media: un 7” one-side in metallo che si nega come supporto audio (sconsiglio vivamente di appoggiarvi una puntina) ma sottolinea l’importanza dei materiali, due brani (Nord e Sud) scaricabili grazie al codice accluso, due video dei suddetti pezzi che mettono in scena corpi e spazi, una confezione dalla complessa concezione (tutta da decifrare nelle forme e nelle parole), delle esibizioni dal vivo già leggendarie di cui qua non diremo ma con le quali prima o poi dovremo fare i conti. Il suono della Rotadefero è inevitabilmente stridente e metallico, sa di lastre e barre, ruggine e strumenti da carpentiere ma pur non rappresentando nulla di nuovo in assoluto (padri nobili sono identificabili nel decadentismo industriale dei Test Dept. e nell’esoterismo ritmico di Z’Ev) evidenzia un’urgenza che non conosce mode né età abbinata alla capacità di mettere in luce sfumature non sono così scontate, vista la materia. Nord è un’esplorazione, per mezzo del suono, di moderne rovine industriali: al di là del bellissimo video – coi due musicisti-insetti cronenberghiani che suonano letteralmente il luogo – è proprio la musica a parlarci, misurando lo spazio col suo risuonare e saggiando le qualità fisiche dei materiali. La sostanza è quella propria della musica concreta e dell’industrial ma la forma ha un che di classico con un interludio anche piuttosto lirico (parole e addirittura cinguettii!) che solo a tratti ci fa intuire quello che ci attende in un prosieguo dove le colate di rumore resuscita lo spirito titanico dell’edificio prima che delle campane festose dissolvano la magia (o la stregoneria) come avviene per il sabba demoniaco in Una Notte Sul Monte Calvo di Musorgskij. Sud è più lineare, inizia col metallo graffiato, penetrato da trapani e frustato da catene e si conclude in un tripudio di percussioni tribali degne di oscure tribù post-atomiche; nel video, girato in un bosco e continuamente sfregiato da sfuggenti fotogrammi, la strega di Blair incontra Tetsuo e col sacrificio dei fusti-tamburi gettati del vuoto tutto sembra concludersi. Non è così, il gioco di richiami è continuo e se il suono allude all’impossibile supporto audio, le parole recitate in Nord, due testi pronunciati in contemporanea, ci conducono alla copertina: qui le parole vengono riportate ma ancora mischiate cosicché è necessario separarle per poterle comprendere. Operazione più complessa è comunque, una volta dispiegato il cartoncino che avvolge il 7”, ricomporre i frammenti di frasi riportati all’interno, dato che ogni lembo della copertina ne porterà con sé una parte: suono, tempo e realtà sono concetti che tornano continuamente. Infine, se nel richiudere il tutto non seguirete perfettamente a ritroso le operazioni, vi accorgerete che i due pentagoni intrecciati sul fronte assumeranno altre forme, diverse ma forse logiche. C’è sicuramente anche altro, ma nulla che si possa affrontare in poche battute o trovare facilmente, senza dedicare il tempo dovuto. Sta a ciascuno cercare il proprio percorso e fare le proprie scoperte nello spazio compreso fra il Nord e il Sud: la Rotadefero continua a girare.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AA.VV. - L'Antologia Funk, Dagli Anni 70 Ad Oggi (Cramps,…

Ernesto de Pascale ed il prode Bobby Soul assemblano questa doppia raccolta su Cramps con trentatre tracce per altrettanti artisti:…

14 Jun 2010 Reviews

Read more

Little Black Dress - Dunes EP (Idol, 2013)

Gli EP sono creature strane. Benedetti se si deve parlare di qualcosa che è mediocre, terribilmente dolorosi se si tratta…

02 Aug 2013 Reviews

Read more

Le Singe Blanc - Strak! (Magdalena/Keben, 2006)

In questo disco la scimmia bianca (questa la taduzione del mome Le Singe Blanc) sembra davvero "stracca", che esattamente come in…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

La Teiera Di Russell - NMR (DreaminGorilla/Scatti Vorticosi/Vollmer/Tanto di Cappello,…

Un fitto tessuto di parole mutuate da situazioni non musicali, questo l'intro - e l'outro - di NMR, primo lavoro…

30 Dec 2015 Reviews

Read more

Uomoman - Digital Kind Of Guy (Wallace/Blackbug/Il Verso Del Cinghiale/Villa…

Se i Quasiviri fossero un gruppo sul viale del tramonto anziché gli autori di un’opera maiuscola come Super Human, non…

22 May 2015 Reviews

Read more

Mabinuori Kayode Idowu - Fela Kuti. Lotta Continua! (Stampa Alternativa/Nuovi…

Come spesso accade in Italia, ci piace alterare i titoli originali dei film come quelli dei libri con nuovi significati…

31 Oct 2007 Articles

Read more

Humcrush - Enter Humcrush (Shhpuma, 2017)

A sei anni di distanza da HA!, collaborazione con la singer e improvvisatrice Sidsel Endresen, il duo Humcrush pubbica il…

23 Apr 2018 Reviews

Read more

Owen Tromans - Hope Is A Magnet (Sacred Geometry, 2007)

La bella copertina bianco celeste raffigura un flipper con un magnete, il titolo è all'insegna dell'ottimismo, così come i…

13 Jun 2008 Reviews

Read more

Adriàn Juarez & Zenlu - Random Trip (Chew-Z, 2008)

Proprio di recente comprando un vecchio Nurse With Wound sono ritornato per la miliardesima volta a pensare quanto cazzo fosse…

24 Apr 2008 Reviews

Read more

Ffatso - Mano Nera (Setola Di Maiale, 2009)

Un nuovo disco targato Setola Di Maiale in ambito più marcatamente jazzistico: l’amore di Stefano Giust per il genere ed…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

Robert Lepenik - Postepeno (God/Entr'acte, 2012)

Robert Lepenik è un musicista austriaco attivo da parecchio tempo in diversi ambiti: partendo dal suonare la chitarra nel gruppo…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Walter Schreifels - an open letter to the scene (Arctic…

Spero che il nome non vi sia nuovo, perchè per gente che ha bazzicato nel circuito hardcore o che ha…

06 Jul 2010 Reviews

Read more

Julia Ensemble – S/T (Altrove, 2011)

Pianoforte, chitarra, batteria e contrabbasso, questo il nucleo sonoro centrale dei Julia Ensemble, a cui si aggiungono una pletora di…

11 May 2012 Reviews

Read more

Kinit Her - The Poet & The Blue Flower (Avant!,…

Una sorta di avvicinamento (super) uomo/natura, testa fra le nuvole, seduto su vette altissime e purissime: questa la copertina (opera…

18 Oct 2013 Reviews

Read more

Gli Putridissimi/Luther Blissett – Split (FromScratch/Hysm/Ashame/Eclectic Polpo/Charity Press, 2012)

Cassetta in limitatissima edizione, novanta copie appena, per cui conviene sbrigarsi, inventarsi un modo per contattare i gruppi coinvolti e…

29 Nov 2012 Reviews

Read more

Remora – Derivative (Gear Of Sand, 2009)

Nome dietro cui si nasconde il solo Brian John Mitchell (boss della Silber Records) con la sua chitarra e i suoi…

21 Nov 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top