Ojra & Kiritchenko – A Tangle Of Makosha (Nexsound, 2010)

Ho visto che di recente qualcuno ha finalmente dato spazio ad un ottimo musicista come Kyriakides, ne sono felice, sia per il fatto che se lo merita che per il fatto che conferma la cara e vecchia regola che un buon musicista che oltre a suonare gestisce anche un'etichetta, o prima o dopo riesce ad ottenere attenzione. L'ultima affermazione ha un sapore scontato, lo so, il fatto è che se per certi musicisti/label owner l'attenzione ricevuta è spesso spropositata rispetto alla loro qualità di musicisti, Kiritchenko è invece il classico esempio di gran qualità.
Per quanto molti di voi non lo conoscano si tratta di un nome piuttosto affermato nel giro elettronico, ambient ed elettronico-sperimentale, e questa volta è tornato con una collaborazione inedita, rischiosa ma più che riuscita. Gli Ojra sono un gruppo di musica tradizionale Ucraina e le canzoni eseguite sono canzoni tradizionali di quella terra, Andrey invece come sempre si trova dietro ad un computer e credo che abbia avuto mano nell'assemblaggio finale. Il risultato è fantastico: nenie dell'est cantate in lingua tradizionale, rivestite con un abito da folk-tronica super fine, field-recording e nulla lasciato al caso tanto che gli arrangiamenti sono fatti a quattro mani dal boss della Nexsound e da Yurko Yefremov. La scelta dei pezzi è andata su quelli che presumo essere i meno depressivi del repertorio tradizionale, o comunque resta che nonostante una malinconia tutta est-europea il lavoro non scade mai nel depressivo, anzi, fa pensare ad una serie di belle ninne nanne cantate da una bella mamushka con i pomini rossi. Come avrete capito la voce fa da spirito guida, ma quello che le gira intorno e sotto è questa strana mistura di suoni tradizionali, field recordings ed effetti elettronici ultra light che pur ammodernando e dando un sapore abbastanza particolare al tutto non scadono mai nel kitsch. A Tangle Of Makosha riesce in una delle cose più difficili per uno sperimentatore, ovvero cimentarsi con la tradizione e rimodernarla senza per questo riuscire a stravolgerla in modo discutibile. Per quanto avessi già sentito tentavi del genere e per di più buoni, questo si tratta di uno dei migliori che abbia ascoltato da parecchio tempo a questa parte.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gli Illuminati - Prendi La Chitarra E Prega (Hitbit, 2008)

Il fervore religioso è tale che è difficile discernere serietà da parodia, ma è inevitabile porsi il quesito. Questa…

28 Dec 2008 Reviews

Read more

Drink To Me – Brazil (Unhip, 2010)

Brazil, secondo album del trio eporediese, segna un’evoluzione netta rispetto al precedente Don’t Panic Go Organic. Abbandonate quasi completamente le…

10 Mar 2010 Reviews

Read more

Ulan Bator - 09/04/10 Tipo 00 (Brescia)

Nei sotterranei del centro storico di Brescia stasera toccai ai francesi (ma da tempo italiani d'adozione) Ulan Bator, ancora una volta in…

03 Apr 2010 Live

Read more

Joshua – Choices (Arctic Rodeo, 2011)

Forse a qualcuno, (a differenza del precedente nome dei labelmates Vs. Antilope) il nome Joshua dirà ancora qualcosa. Band minore…

03 Sep 2011 Reviews

Read more

Neptune - Gong Lake (Table Of Elements, 2008)

Attivi addirittura dal 1994, i Neptune si dice stupiscano  per le loro performance dal vivo. Se, come me, non li…

20 Mar 2009 Reviews

Read more

Cafeteria Dance Fever - Danceology (Hovercraft, 2012)

Garage quasi tipo Cramps. Suoni sporchissimi che in confronto il tradizionale Lo-fi è una roba passata sotto l'engineering di Brian…

14 Jun 2012 Reviews

Read more

Henrik Munkeby Nørstebø / Daniel Lercher / Julie Rokseth -…

Elettroacustica pregevole e non scontata quella di Off The Coast, nuova uscita del duo formato dal trombonista norvegese Henrik Munkeby…

04 Jun 2019 Reviews

Read more

Zanatta/Moretti – Discorsi Votati All’Utilità Pubblica (Madcap Collective/Boring Machines, 2009)

Sbarcano nel mondo dell'editoria la Madcap Collective e la Boring Machines con una storia in tre parti: la prima, che…

31 Dec 2009 Reviews

Read more

Simon Grab & Francesco Giudici - [No] Surrender (LP OUS,…

Surrender è uno scontro. Uno scontro presuppone sempre una resistenza. Uno scontro presuppone due forze almeno che cozzino, combattano…

11 May 2022 Reviews

Read more

16 Barre / Watch The Dog - Li Ho Visti…

Il problema principale di un certo di tipo di hip hop è la più completa e totale autoreferenzialità, benché…

11 Dec 2009 Reviews

Read more

Kenta Kamiyama - Side Effects (Stochastic Resonance, 2018)

In genere non amo riportare stralci dei comunicati stampa, soprattutto quando pretendono di inquadrare, non di rado banalizzandolo, quanto ci…

04 May 2018 Reviews

Read more

A volte ritornano, i Peggio Punx di nuovo tra noi!

Ritornano i peggiori ragazzi con la più incontenibile foma d'energia mai uscita dal piemonte. I Peggio Punx per l'appunto. Il…

03 Mar 2012 Interviews

Read more

Luca Sigurtà – Grunge (Silken Tofu, 2017)

Se questo disco di Luca Sigurtà sia una svolta verso nuovi orizzonti, l’inizio di un percorso parallelo o un episodio…

28 Feb 2018 Reviews

Read more

Myra Lee - 2 (Rejuvenation/La Machoire, 2007)

Sono fermamente convinto che il revival anni novanta, di cui tra poco sicuramente vedremo le prime avvisaglie, sarà molto più…

17 Aug 2007 Reviews

Read more

Nicola Ratti - 220 Tones (Die Schachtel, 2011)

Immagino che già il nome di Nicola Ratti vi dica qualcosa, ma per i più distratti giova ricordare che si…

06 Jun 2011 Reviews

Read more

Eremite - All Things Merge Into One (Taxi Driver, 2014)

Questo è l'album che i Mastodon hanno perso per strada: seguendo infatti un filo cronologico ascensionale avrebbe dovuto seguire Leviathan…

11 Nov 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top