Neunau – S/T (Parachute, 2016)

Il 12” d’esordio di Neunau è il punto d’arrivo d’un lungo percorso di studio (ma si potrebbe dire di vita) del camuno Sergio Maggioni (già Hot Gossip), tornato nella sua terra d’origine dopo anni trascorsi sull’asse Milano-Berlino. In Val Camonica ha riannodato i fili con un passato che va ben oltre la sua età anagrafica e ha realizzato un lavoro che proietta nel presente una cultura millenaria, evidenziando senza forzature la continuità fra ritmi antichi e nuovi. Tutto parte da un’antica forgia di Bienno (BS): ogni suono dell’officina, dallo scorrere dell’acqua che ne è il motore al battere dei martelli e del maglio, è stata registrato e immagazzinato per poi essere combinato nello studio di registrazione con sensibilità moderna ma senza tradire lo spirito originale delle fonti sonore (qui trovate un interessante dietro le quinte). Il risultato è questo 12” di quattro brani, un saggio esauriente ma che lascia solo intravedere le potenzialità di un simile progetto. In Neunau e Mapas, i due pezzi del primo lato – il più minimale -, i ritmi del lavoro manuale prendono la forma di una techno a tratti veramente tribale dove ritmi e suoni metallici si sovrappongono quasi a voler indurre uno stato di trance. Quella che ci parla in questi brani è la voce di un tempo non lineare ma ciclico dove i picchiettii degli antichi camuni che colpiscono la pietra per incidervi immagini sacrali sfuma nel suono nelle forge che per secoli hanno animato l’economia della valle e oggi diventa musica che fa del passato una dimensione vitale del presente. Il secondo lato mette in luce un altro aspetto di Neunau, mi verrebbe da dire quello più musicale: Enes Au sfoggia qualcosa che parrebbe essere un synth (e davvero, anche processando le frequenze, mi chiedo cosa si possa trovare in una fucina che suoni in questo modo) e si fa amare con le sue atmosfere quasi dance anni ’80, mentre Teniau è il brano più d’ascolto del disco, musica contemporanea priva di ritmi che potrebbe venire felicemente riarrangiata con fiati ed archi, ma che, ancora una volta, non so dirvi da cosa sia prodotta; un’esperienza davvero straniante, un po’ come tutto il disco d’altra parte. Figlio di un concept forte, direi anche importante, Neunau ha il grosso merito di non sacrificare la musica all’idea: il suono gode di una propria autonomia e anzi dona allo studio etnografico che sottende all’operazione una dimensione emotiva fondamentale per la sua comprensione. Il terreno è fertile: attendiamo con curiosità e fiducia le prossime mosse.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Holy Hole – Plan Z (Autoprodotto, 2012)

Dalla Toscana, via Berlino, arriva questo EP degli Holy Hole: chitarre loopate e processate fino a sciogliersi in un ambient…

18 Dec 2012 Reviews

Read more

Obelyskkh - White Lightnin' (Exile on Mainstream, 2012)

Super crautissimo doom tossico e polveroso direttamente dalla Germania per questi figli bastardi di Dave Wyndorf e di tutta la…

17 Dec 2012 Reviews

Read more

Koji Asano – August Is Fall (Solstice, 2013)

Autoprodursi i dischi nel 2013 è ormai quasi consuetudine per molti, ma nel 1995, quando Koji Asano pubblica il suo…

10 Jul 2013 Reviews

Read more

Jason Noble Benefit Show – 06/02/10 Interzona (Verona)

Da quando a Jason Noble, polistrumentista in forze a gruppi quali Rodan, Rachel's e Shipping News è stato diagnosticato un…

15 Feb 2010 Live

Read more

Au – Both Lights (Leaf, 2012)

Un magma musicale assurdo permea il lavoro di questi ay-yoo, progetto di Luke Wyland e Dana Valakta da Portland. …

01 Jun 2012 Reviews

Read more

Catlong - My Cocaine (Autoprodotto, 2008)

Tornano i cinque fantasy rockers lombardi Catlong. Questa volta con una ballad sbilenca e ubriaca, ma come al solito…

03 Apr 2008 Reviews

Read more

Reflue - A collective Dream (Shyrec, 2006)

Superpop anglofono di quello in stile Homesleep di poco tempo fa tanto per intenderci, ora la Homesleep ha fatto scuola?…

16 Oct 2006 Reviews

Read more

Adamennon & Luciano Lamanna – Iris (Souterraine, 2017)

Esordiscono insieme l’etichetta napoletana Souterraine e la collaborazione fra Adamennon e Luciano Lamanna che su questo 12” mettono in comune…

11 Oct 2017 Reviews

Read more

Maria Jikuuuuuuuuu – Level 7 (Spettro, 2012)

Dietro al nome d'arte di Maria Jikuuuuuuuuu si nasconde, chi l'avrebbe mai detto, Maria Jiku, ma il numero della vocale…

30 Oct 2012 Reviews

Read more

Elastic Society - Be Strong (Minus Habens, 2012)

Altro enfant terrible, Alberto Dati quanto il suo boss  Ivan Iusco torna sulla lunga distanza sotto l'incarnazione Elastic Society a…

08 Nov 2012 Reviews

Read more

All Leather - When I Grow Up, I Wanna Fuck…

L'ironia ed il cattivo gusto ricordano qualcuno?...che poi sarà così ironico essendo Justin Locust gay? E il fatto che lo…

30 May 2010 Reviews

Read more

Taras Bul’ba – Amur (Wallace/Lizard, 2012)

Dopo la buona impressione che avevano fatto su queste pagine con Secrets Chimiques nel 2008, torna il trio milanese dei…

26 Nov 2012 Reviews

Read more

Bobby Soul E Les Gastones - 28/06/09 (Nervi - GE)

Non sarebbe nostra intenzione dare spazio ai deliri del bieco Radu Kakarath: i suoi folli progetti, chi ci segue…

07 Sep 2009 Live

Read more

Giorgio Ricci - Insanity (Laverna, 2012)

Giorgio Ricci, per chi di voi non lo sapesse, è un ex Templebeat, gruppo in forza alla Submission e che…

17 May 2012 Reviews

Read more

German Army – Animals Remember Human (Arte Tetra/Crash Symbols, 2020)

Nonostante le oltre 80 uscite i German Army  non erano mai comparsi sulle nostre pagine; a sopperire alla mancanza ci…

10 Apr 2020 Reviews

Read more

Music For Eleven Instruments - At The Moonshine Park With…

Leggiadro indie-pop orchestrale di chiaro respiro europeo, molto gradevole ed accattivante come la maggior parte delle produzioni siciliane indipendenti e…

14 Dec 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top