Marta De Pascalis – Anzar (Tapeworm, 2016)

Il secondo lavoro della musicista italo-berlinese, stavolta pubblicato su nastro dall’inglese Tapeworm, è racchiuso in una copertina in bianco e nero opera anni ’70 del padre dell’artista: una creatura chimerica, esotica e forse minacciosa che ben si addice a fare da guardiana alla musica contenuta. La ricerca di Marta De Pascalis continua all’insegna dell’improvvisazione con sintetizzatori, echi a nastro ed effetti dal sapore e talvolta dalla forma retrò (chiari i riferimento al suono germanico degli anni d’oro e a certa ripetitività minimaliste) ma che sa talvolta aprirsi verso altri orizzonti. Anzar è un flusso di coscienza in due movimenti che evocano ciascuno atmosfere e sensazioni diverse. Sul primo lato il brano eponimo induce al trasporto con ripetitive linee melodiche che si avvinghiano a spirale e reminiscenze classiche anche se di tanto in tanto, specie verso la fine, qualche suono ruvido denuncia senza timidezza la natura elettronico-analogica degli strumenti utilizzati e l’attitudine orgogliosamente artigianale della De Pascalis: un viaggio coinvolgente senza troppo discostarsi dai modelli di riferimento. Emerso, sulla faccia opposta, è più ostico ma anche maggiormente intrigante: ci si perde meno ma si segue con maggior interesse perché le soluzioni adottate sono spesso poco convenzionali; dopo un illusorio intro alla Popol Vuh assistiamo a un succedersi di scenari che mutano – non senza spigoli – spinti da synth pulsanti che incrociano disturbi quasi glitch, suoni giustapposti capaci di mettere in crisi l’equilibrio, costruzioni che occhieggiano alla free form. Rispetto al precedente Quitratue questo Anzar sembra imboccare un percorso più coraggioso che sviluppa le felici intuizioni che avevamo apprezzato sulla compilation Burnt Circuits KeptUnder My Bed all’insegna di un suono denso ed elaborato, krauto ma senza scordare un certo calore latino. La strada ci sembra quella giusta.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Vakki Plakkula - Babirussa Capibara (Le Arti Malandrine, 2009)

Altro cd ed altro supergruppo e porca troia piccoli musicofili del cazzo, non uso supergruppo a casaccio, mentre vi tenete…

06 Jun 2009 Reviews

Read more

The Spook Of The Thirteenth Lock - S/T (Transduction, 2008)

Nonostante sforni dischi postrock interessanti e abbia collegamenti con un paio di band Giapponesi, la Transduction non è una etichetta…

02 Jun 2008 Reviews

Read more

2000 - 2010: non è successo niente?

Ultimamente imperversa l'irritante campagna mediatica che accompagna l'uscita dell'ultimo libercolo del signor Simon Reynolds. Un critico, che nella musica di…

08 Oct 2011 Articles

Read more

Experimental Dental School / Eniac - Split CD (The Company…

Personalmente parlando, separando qualsivoglia più o meno lontano interesse nel propinare gli Experimental Dental School come grande imprescindibile band al…

16 Aug 2006 Reviews

Read more

Nautha - Tutti I Colori Del Buio (Hellbones, 2019)

Album volutamente inciso in presa diretta senza magheggi di  post produzione o correzioni varie. Insomma tutto come una volta  per…

09 Oct 2020 Reviews

Read more

D.B.P.I.T. / Xxena – Alien Symbiosis (Deserted Factory, 2008)

Per chi non si ricordasse D.B.P.I.T. sta per Der Bekannte Post-Industrielle Trompeter che al secolo è Flavio Rivabella, quest'ultimo oltre…

29 Nov 2008 Reviews

Read more

Ronin – Fenice (Audioglobe/Tannen, 2012)

Riprende la saga dei Ronin, senza un cambio vero e proprio, ma con un lavorio incessante verso uno stile che…

21 Mar 2012 Reviews

Read more

The Great Nostalgic – Hope We Live Like We Promised…

Derivativi certo lo sono, ma direi che il nome è già una dichiarazione di intenti, quindi da parte mia nessun…

02 Jun 2011 Reviews

Read more

Iron Molar - Sounds For An Awesome Suspension (The Fucking…

Dall'hardcore più o meno evoluto al noise più sfrigolante il passo non è certo breve, ma da tempo la strada…

24 Sep 2008 Reviews

Read more

Boslide – Questa È Una Moda Di Pazzi (Death First!,…

Ecco, io vi avevo avvertiti ma voi non mi avete dato ascolto; li avete sottovalutati e ora i Boslide sono…

05 Mar 2018 Reviews

Read more

Adriàn Juarez & Zenlu - Random Trip (Chew-Z, 2008)

Proprio di recente comprando un vecchio Nurse With Wound sono ritornato per la miliardesima volta a pensare quanto cazzo fosse…

24 Apr 2008 Reviews

Read more

Larva 108 - 99.09 Inside The Stones (Greytone, 2010)

Dopo dieci anni di registrazioni Greytone pubblica una raccolta di Larva, al secolo Guido Bisagni, dando l'opportunità di ascoltare pezzi…

09 Feb 2011 Reviews

Read more

Maurizio Abate – A Way To Nowhere (Boring Machines/Black Sweat,…

Membro del collettivo Eternal Zio e collaboratore dei più svariati musicisti (Jooklo Duo, Kawabata Makoto degli Acid Mothers Temple, BeMyDelay…)…

05 Jun 2014 Reviews

Read more

Quasi per caso... in Islanda

Lassù è un po' come trovarsi ai confini del mondo: te ne accorgi dal paesaggio, lo senti dal vento artico,…

27 Sep 2006 Articles

Read more

A Sphere Of Simple Green - With An Oblique Glance…

Gli A Sphere Of Simple Green sono un trio formato da Adriano Orrù al contrabbasso, Silvia Corda al piano preparato…

05 Feb 2018 Reviews

Read more

Passe Montage - Oh My Satan (African Tape/Ruminance, 2009)

African Tape + Ruminance = math, post, free-rock? Ma certo che sì, la soluzione più semplice a volte è la…

15 Apr 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top