The Magik Way – Il Rinato (My Kingdom, 2020)

Sono probabilmente un caso unico gli alessandrini The Magik Way, fazione fuoriuscita dallo storico ensemble metal dei Mortuary Drape per dar forma a un’entità non facilmente inquadrabile, sia dal punto di vista della forma che dei contenuti. Attivo dal 1996 al ’99 e nuovamente dal 2012, il terzetto rielabora liberamente forme rock, tradizione cantautorale e pesantezza metal – incredibilmente ottenuta senza mai nemmeno sfiorare il pedale del distorsore – generando  una musica pulsante e dinamica, che trova nella forma-canzone, interpretata con discreta libertà, una struttura che ne esalta la forza anziché tarparne le ali. Occasionalmente fanno capolino riferimenti noti – il Ferretti più terrigno, il Capossela meno circense – ma il cammino procede sempre lungo traiettorie affatto personali, portandoci in territori inesplorati: è inevitabile sia così, perché ciò di cui Il Rinato tratta è qualcosa che ben difficilmente una musica convenzionale potrebbe veicolare. Il disco – diviso nelle sezioni Ossigeno, Calore, Giorno  e Coagulo, Rosso, Scuro – si presta a molteplici letture, delle quali il processo alchemico è, paradossalmente, solo quella più evidente: il racconto di una caduta, il ritorno a uno stato primordiale, il manifestarsi dell’hybris, la presenza del sacro immanente, sono alcuni dei temi che si intrecciano in un’opera complessa, scevra di ogni manicheismo e, al contrario, pienamente consapevole della coesistenza, nelle cose, di opposti non assoluti. Capita così che nella prima sezione domini la luce solare, ma intaccata dall’evocazione di incubi notturni e moti discendenti, mentre le immagini ctonie e scure della seconda parte sono squarciate da lame luminose e colate laviche. Non bastasse questo, il lavoro è disseminato di parole-chiave ricorrenti, semanticamente affini o associabili,  che schiudono sempre nuovi significati: sono riferimenti alla luce nelle sue varie manifestazioni, alla terra come principio e fine – utero e tomba – alla circolarità dell’esistenza, a creature mitiche e simboliche. Non fosse per questa evidente complessità, che pone l’ascoltatore davanti a una scelta non negoziabile – prendere o lasciare – Il Rinato sarebbe un disco assai fruibile, costellato com’è di momenti esaltanti che vanno dalle coreografabili Cometa Sole, Le Vampe e La Giaculatoria Del Doppio – ma parliamo di danze spigolose che disegnano nello spazio forme ancora una vola da decifrare – alle filastrocche stregonesche di Euforia Del Sangue e Il Sacro Dolore (con un tocco di lucida follia alla maniera del primo Teatro Satanico) per giungere, attraverso diversi altri brani riusciti, all’apoteosi di La Processione, dove litanie e balli circolari si incontrano ed hanno fine. Ma non è la fine. Un disco complesso come questo, classico eppure modernissimo nella sua essenzialità sonora, attuale ma potentemente contrario al tempo presente, non è concepito per dare risposte definitive ma per condurre l’ascoltatore interessato a un’immersione e a una ricerca incessanti: “seguire la propria cometa rinunciando a sé, nella certezza, un giorno non lontano, di ritrovarsi ancora”.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Elks - S/T (The Great Outdoors, 2008)

Dopo un mini tour di cinque date in terra d'Albione e uno split, i modenesi Three in One Gentleman…

06 Jan 2009 Reviews

Read more

Zu & Eugene S. Robinson - The Left Hand Path…

Questo malevolo patto non è fatto per creare simpatie o mettere di buon umore, ma piuttosto per immmergerci dentro un…

28 Nov 2014 Reviews

Read more

Strongly Imploded - Why Use A Proxy? (Ikuisus, 2009)

Per quanto non ci sia alcuna specifica all’interno del cd se non delle sigle, guardando sulla loro pagina myspace ho…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

Green Fog Festival - 16/09/06 Festa dell'Unità (Genova)

"Genova crescerà, crescerà, crescerà". Iniziamo citando le parole di Davide dei Meganoidi alla fine della serata per testimoniare che, per…

17 Sep 2006 Live

Read more

Bobby Soul And Blind Bonobos - Dodici Lanterne (CNI, 2017)

Riecco Bobby Soul l'inesaurubile oracolo genovese o il Mario Biondi de noartri: sempre più sprofondato nelle radici della Superba e…

06 Dec 2017 Reviews

Read more

Orchestra Esteh – Abacinabradhydrakonirvm, Rebirth Of A Dead Volcano (L'Arca…

Inquieta un po’ ascoltare questa musica, con questo sottotitolo (col chilometrico titolo nemmeno mi cimento), dopo aver letto solo qualche…

13 Jan 2017 Reviews

Read more

Daedelus + Eliot Lipp - 14/07/06 Ortosonico (Giussago - PV)

Odio fare la figura del tonno. Ma con l'allegra furgonata mossasi da Genova per raggiungere le impervie interpoderali dell'oltrepò pavese…

16 Aug 2006 Live

Read more

Zero23 - Boogie Desert (Song For A Post-Apocalyptic Western) (Manyfeetunder,…

I 23RedAnts tornano temporaneamente un duo solo per unirsi prontamente in terzetto con Giuseppe Fantini/Zerogroove che porta in dote una…

31 Jul 2017 Reviews

Read more

X-Mary - X-Mary Al Circo (Coproduzione, 2007)

Tornano i nostri eroi da San Colombano Al Lambro e ci regalano un viaggio al circo, a Fatima e in…

29 Mar 2008 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Ugo (Autoprodotto, 2013)

Nonostante l'opera d'esordio, col titolo Atto I, desse ad intendere una volontà di proseguire, mi ero fatto l'idea della Lucifer…

30 Jul 2013 Reviews

Read more

Airportman - Letters (Lizard, 2008)

E’ da un po’ che ho questo disco per le mani, e arrivo a scriverne con un grande ritardo. Letters…

06 Feb 2009 Reviews

Read more

Acid Mothers Temple & Melting Paraiso UFO - Interstellar Guru…

Ma quant’è bello essere hippie? Insomma uno può prendere una di queste belle patatone anti-anoressiche in pieno stile Settanta, metterla…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Prague - The Great Dark Nothingness (Under My Bed, Eaten…

La pluridecennale carriera di Alessandro Viccaro giunge con questo album sul bagniasciuga deserto di Jesus & Mary Chain abbandonandosi ad…

15 Feb 2016 Reviews

Read more

Plunkett - 14 Days (Autoprodotto, 2006)

Lascia perdere le tue “10 ragazze per me”. Piuttosto, 14 giorni ti posson bastare? Ne mancano proprio 14 alla fine…

16 Dec 2006 Reviews

Read more

Deafheaven - Sunbather (Deathwish, 2013)

Incensati da stampa e webzine un po' ovunque, i californiani Deafheaven pur non inventando nulla sembrano e vogliono mettere d'accordo…

22 Nov 2013 Reviews

Read more

Daniele Santagiuliana – Jeremiad (Looney-Tick, 2014)

Da queste parti Daniele Santagiuliana l’abbiamo ascoltato per la prima volta sui dischi del duo Deison & Mingle: esoterico in…

22 Jul 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top