Laura Loriga – Vever (Ears&Eye 2022)

Di Laura Loriga avevo un bellissimo ricordo. La Maison Verte, datato 2016, mi sembrava l’unione quasi perfetta tra i tratti americani di certe cantautrici (potrei dire una Aimée Mann ma anche una Kristin Hersch) ed un popolare sentire europeo, creando un incrocio che lasciarvi presagire il meglio. Di tutto mi sarei aspettato tranne che di saperla su di un palco la medesima sera di Andrea Giommi e dei suoi (insieme a Nicola Lombardi) the Glass Key e di Charles Hayward. Spinto dal marchigiano entusiasmo (pusher musicale del quale mi fido ovviamente ad occhi chiusi) torno ad ad ascoltare Laura e la magia si ripete. Guida le fila di una pletora di strumenti suonati da un’eterogenea schiera di collaboratori pescato da entrambe le parti dell’oceano con piglio sicuro. Sceglie un’immagine di copertina meravigliosa, una casa dalle fattezze quasi disciolte, quasi a testimonianza di quanto sia successo in un tempo che, artisticamente parlando, è un’eternità. Laura ha un’espressività leggera, impalpabile, che sembra volo sopra i tappeti di fiati, organi e pelli che giocano sotto di lei. Le corde assicurano luci ed ombre al lavoro, e, ve lo assicuro, sembra di volare. Ascoltato di prima mattina Vever è quasi sacrale. Ci riporta ad una purezza ancestrale ed ad un idea di libertà nella forma canzone, che trova estro senza scomporsi. Scopro soltanto in un secondo istante che Il titolo, Vever, è una parola haitiana che nomina i disegni effettuati in alcuni rituali e che fungono da faro per gli spiriti. Questa idea di apertura e di passaggio si esprime in ogni pezzo, quasi che siano frutti di cui nutrirsi per comprenderne l’essenza. L’impianto vocale e sonoro è molto classico ma la libertà con la quale viene interpretato riscalda gli ambienti, quasi come se da un’ambientazione Hollywoodiana venissimo catapultati in una colorata comune isolana. Vever si chiude con The Sun Rises Where It Rises, titolo programmatico per una chiosa stupefacente. Laura chanteuse su un piano che pare suonato da Hal Willner, attorno l’ennesima alba colorata e speziata. Notevole, per la prossima uscita consiglierei ancora più grandeur, fino a riempire gli impianti di calore e di suono in un’intima baldoria.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Senyawa – Alkisah (Artetetra/Communion, 2021)

Per celebrale l'inizio del secondo decennio di attività, il duo indonesiano dei Senyawa dà vita a un progetto ambizioso appaltando,…

19 Mar 2021 Reviews

Read more

The Dirty Projectors - Rise Above (Dead Oceans, 2007)

Six Pack, Gimmie Gimmie Gimmie, Rise Above, Thirsty And Miserable, Police Story e così via, eh si, i titoli che…

18 Jan 2008 Reviews

Read more

Rollerball - Two Feathers (Wallace, 2009)

Ecco qui il "solito" disco dei Rollerball che è come dire il solito disco dei Portishead o dei Tortoise, infatti…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Ivan Iusco: Minus Habens o Homo Superior?

Questo è uno di quei personaggi che ho cercato di odiare con tutto me stesso, anima e corpo. Mi ha…

19 Nov 2011 Interviews

Read more

Rogue State - Poetry Is Not For Me (Shove/Green Records,…

Dall'algida provincia alessandrina ritornano quattro "brutte ghigne" arcinote a chi bazzica da un po' l'ambiente indie. Vi lascio immaginare infatti…

02 Mar 2016 Reviews

Read more

Yama-Akago - Wheel Of Fortune (Sottomondo, 2008)

Alla faccia di chi pensa che anche nel bel pese non ci siano etichette con un fegato spaventoso un’altra uscita…

28 Sep 2008 Reviews

Read more

Ronin – 14/02/10 Arci Dallò (Castiglione Delle Stiviere – MN)

Per pochi gruppi, credo, il suonare dal vivo è necessario come per i Ronin. Necessario per testare e sviluppare i…

26 Feb 2010 Live

Read more

Three Days Of Struggle - 22-24/04/11 Codalunga (Vittorio Veneto -…

Three Days Of Struggle, un nome che a qualcuno evocherà ricordi di gioventù: Two Days Of Struggle, Padova, il giro…

11 Apr 2011 Live

Read more

Pixies - 05/06/10 Piazza Castello (Ferrara)

Io ci provo, ardentemente, a ricacciare i cattivi pensieri e l'evidente e incipiente vecchiaia, ma il mondo non mi aiuta.…

22 May 2010 Live

Read more

F:A.R./ODRZ/Mulo Muto – 28/10/2017 Spazio Ligera (Milano)

Una serata Luce Sia al sempre attento Ligera è una buona ragione per convergere su Milano, tanto più se il…

27 Dec 2017 Live

Read more

Unsolved Problems Of noise - L'Ombra Delle Formiche (Snowdonia/Tesladischi, 2012)

È un esordio, questo degli Unsolved Problems Of Noise, ma non si direbbe. Il terzetto, assetto da moderno jazz battagliero…

18 Feb 2013 Reviews

Read more

Riul Doamnei - Apocryphal (Dead Sun, 2007)

Ci sono alcune caratteristiche nella musica di oggi assolutamente sorprendenti. Perché fino all’inizio degli anni novanta le band italiane di…

01 Jun 2007 Reviews

Read more

The Ian Fays - The Damon Lessons (Homesleep / Audioglobe,…

Da un pò lo si pensava in giro, a torto o a ragione: in Homesleep c'era un'aria un pò pesante,…

11 Sep 2006 Reviews

Read more

Connect_icut - Small Town By The Sea (Aagoo, 2014)

Torna su Aagoo con un altro disco Connect_icut, dopo l'interessante Crows & Kittywakes & Come Again dell'anno scorso: e non…

23 May 2014 Reviews

Read more

Bluermutt - Decivilize After Consumption (Nexsound, 2008)

Bluermutt ha venticinque anni, vive a Barcellona, ed è la nuova uscita della Nexsound: arrivata alla numero quattro, l'etichetta di…

28 Feb 2009 Reviews

Read more

The Great Saunites & Attilio Novellino - Radicalisme Mècanique (Manza…

One side strikes back. Torna il formato vinilico più gettonato degli ultimi tempi, una volta tanto giustificato non da mere…

26 Feb 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top