Kollaps – Until The Day I Die (Cold Spring, 2022)

Il disco inizia con i suoni di quella che pare una sofferente suppurazione. C’è del tormento, dello scarto ed una cancrena che sta avanzando. Sembra che Wade Black, frontman e nome principale dietro il progetto Kollaps, voglia saggiare quanto vicino al punto di non ritorno riesca ad andare, con quelli che sembrano evidenti suoni di scarto e tensione. Questa sensazione, tra il digitale, l’industriale e lo sfacelo rimane anche avanzando con il lavoro, con la malcelata soddisfazione personale di sapere il nostro operare a Lugano, a pochi km da dove sto scrivendo, in evidente stato di brutale distruzione del paesaggio da cartolina imperante. Kollaps crea fastidio, una sorta di sottrazione di romanticismo alla musica bruta, che la rende paradossalmente molto fascinosa. Il disegno sartoriale è quello industriale, dai Nine Inch Nails di Closer al gotico, all’erotismo di un corpo sonoro che perdendo brandelli lascia scoperte le parti migliori di sé. È un disco che può far male, così come farebbe male dell’aceto e della corrente elettrica su una ferita aperta, oppure come una performance di un un dentista senza anestesia. Non è un male necessario, certo, ma come allontanarsene? Gli stessi Andrea Collaro e Giorgio Salmoiraghi, sodali a questo giro di Wade (oltre a James Plotkin e Trepaneringsritualen rispettivamente a master e grafica) sembrano agire in una condizione di costrizione o di abbandono verso un signore oscuro, affascinante e malefico. Macchine in abbandono, frese, corpi malati e bianchicci, stati di agitazione. Percussioni, scosse, urla. L’incessante suono della corrente elettrica ad uscire da fili recisi. Poi, ad un tratto, la title track, voce, chitarra e malessere, coltre anni ’80 della più debosciata e spenta, rivoli di vomito nero agli angoli della bocca. È solo un attimo, prima della fine di un’opera che non potrebbe essere più onesta: il disfacimento del corpo e della psiche, prima della morte. Poi, soltanto vetri rotti, boati, trapani e corrente a sbalzi. Una strana fanfara, che sembra uscire da una TV amplificata, martoriata da quella che sembra una fresa mentre delle percussioni danno un immagine marziale della fine. Una catarsi? Il disfacimento? La morte? Non saprei raccontarvelo ma so che da questo solchi esce una brutale onestà, che li lascia disarmati, affranti e spogli.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Empire! Empire! (I Was A Lonely Estate) - You Will…

Che un disco di mero revival possa accendere l'interesse degli ascoltatori è una questione a lungo dibattuta. A maggior ragione…

11 Oct 2014 Reviews

Read more

Sorrentino/Telandro/Sigurtà - Immersus Emergo (Setola Di Maiale, 2012)

Ci troviamo di fronte ad un trio a suo modo anomalo, poichè vediamo Luca Sigurtà affiancato a due musicisti provenienti…

13 Jun 2012 Reviews

Read more

Enrico Ruggeri – As If (Autoprodotto, 2017)

Parte da un’idea folle questo disco di Enrico Ruggeri, anzi, di quell’idea è in qualche modo il punto d’arrivo, anche…

12 Apr 2018 Reviews

Read more

The Orange Man Theory - Satan Told Me I’m Right…

Trovo estremamente irritante che su Metal Archives (la Treccani metal on line) non ci sia traccia della band capitolina…

24 Jun 2010 Reviews

Read more

Giardini Di Mirò - Good Luck (Santeria, 2012)

I Giardini Di Mirò - come, sono convinta, per moltissima gente più o meno della mia età - sono stati…

17 Apr 2012 Reviews

Read more

Riul Doamnei - Apocryphal (Dead Sun, 2007)

Ci sono alcune caratteristiche nella musica di oggi assolutamente sorprendenti. Perché fino all’inizio degli anni novanta le band italiane di…

01 Jun 2007 Reviews

Read more

Converge - Live At The BBC (Deathwish, 2014)

Nuovo 7 pollici per i paladini dell'hardcore più furioso e metallizzato: i Converge tornano a distanza di un anno e…

14 May 2014 Reviews

Read more

Katharina Klement - Jalousie (Chmafu Nocords, 2012)

Katharina Klement è una compositrice austriaca che nella sua lunga e corposa carriera si è dedicata sia all'improvvisazione che alla…

07 Feb 2013 Reviews

Read more

The Cubical - Arise Conglomerate (Halfpenny/Cargo, 2012)

Gustosa terza uscita per questo quintetto di Liverpool sempre pù scollato dalle asperità punx 'n' roll degli esordi in favore…

04 Apr 2013 Reviews

Read more

Paperback Freud - All In A Day’s Work (Longfellow Deeds,…

In ogni caso fanno simpatia quegli artisti che propongono quanto di più fuori moda e dimenticato sia possibile farsi…

03 Jun 2010 Reviews

Read more

Sparkle In Grey - Thursday Evening (Grey Sparkle/Old Bycicle/Lizard/Show Me…

Buffo che mi accinga a scrivere del nuovo disco degli Sparkle In Grey proprio un giovedì sera, proprio quando "le…

07 Jan 2014 Reviews

Read more

Adorno - Year Two (Shove, 2012)

Per quanto creda che gli Adorno non aggiungano nulla di particolarmente nuovo alla storia dell'hardcore, ed in questo senso potremmo…

22 Jun 2012 Reviews

Read more

Ocean Music

O del perdersi e ritrovarsi quando passano le glaciazioni e le ere si consumano come noccioline al circo. Era il…

13 Jun 2010 Articles

Read more

Barn Burning - Werner Ghost Truck (Tarnished, 2007)

Barn Burning è il titolo di un racconto di Faulkner: se conoscete questo scrittore e date una occhiata al campo…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Comaneci – 05/02/10 Morya (Cellatica - BS)

Finalmente i Comaneci. Dopo un album che nel mio personalissimo tabellino è nettamente superiore al precedete, ero ansioso di verificare…

10 Feb 2010 Live

Read more

Made In Mexico - Guerrilaton (Skin Graft, 2008)

C'è qualcuno, nel folto e preparato pubblico di Sodapop, che creda ancora in Babbo Natale? Poche mani vedo, bene. Alla…

23 Jan 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top