Johnny Mox – Lord Only Knows How Many Times I Cursed These Walls (Mother Ship, 2012)

The other side of Johnny Mox è sorprendente solo per chi ha conosciuto il musicista di recente: gli altri ricorderanno, al termine delle sue prime esibizioni, un outro di sola chitarra acustica, suonata con veemenza, quasi percossa. D’altra parte, la recente forma del progetto, perfettamente incarnata nell’album We=Trouble, pesca riferimenti talmente ad ampio raggio che quasi ogni progetto collaterale può essere visto come proveniente da una sua costola. Nella fattispecie, qui non siamo lontanissimi da un brano come Benghazi.
Sarebbe tuttavia sciocco negare che i brani di Lord Only Knows… non siano, nel complesso, parecchio distanti dal suono e soprattutto dalle atmosfere di We=Trouble: è folk acustico e strumentale, con reminescenze psych e un’aria solitaria e riflessiva che lo rende complementare al più festaiolo fratello. Paradossalmente, è proprio questa complementarietà a conferirgli senso e totale autonomia. Il rischio, in operazioni di questo tipo, è quello di incorrere in un eclettismo un po’ gratuito, ma non è questo il caso: qui tutto è sentito e ben realizzato, a sorprendere semmai è la perizia da consumato folkster con cui Johnny compone e suona questi quattro pezzi, bilanciando le atmosfere, ora più dense, con cascate di note che rasentano il fingerpicking, ora più dilatate e sognanti, con un leggero riverbero a spandere il suono delle sei corde, supportate solo da qualche battito discreto, puro trasporto acid folk. Poco più di dieci minuti di musica, ma un dischetto che è una piccola perla. Attendiamo con trepidazione l’EP heavy metal e quello reggae.

Youtube

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Kitchen Door - Sodapop Edition n.7

Apriamo l'anno con un rapido sguardo a quello appena trascorso: un pugno di canzoni che ci sono sembrate significative…

09 Jan 2011 Podcasts

Read more

Drink To Me - Don’t Panic, Go Organic (Midfinger, 2008)

Esordio ufficiale per i canavesani Drink To Me, dopo una serie di cd-r per la personale etichetta Stuprobrucio. Meno naif…

27 Apr 2008 Reviews

Read more

The Eagle Twin Ascend the Iceburn: intervista a Gentry Densley

Dopo aver ripercorso la carriera di Gentry Densley dagli esordi (Iceburn) ai nostri giorni (Ascend e Eagle Twin) nell'articolo monografico,…

07 Mar 2012 Interviews

Read more

Quasiviri – Super Human (Wallace/Bloody Sound Fuctory/Fallo/HYSM?/Morte/Megaplomb/To Loose La Track,…

Il ritorno in pista, con una serie di nuove uscite, di un’etichetta storica (ma fortunatamente non ancora da storicizzare) come…

02 Apr 2014 Reviews

Read more

Lite - Illuminate (Transduction, 2010)

Il perché la Transduction sia così ossessionata dai gruppi post/math-rock giapponesi mi è oscuro, resta che il livello tecnico e…

13 Oct 2010 Reviews

Read more

La Furnasetta - La Prima Stella (AsbestosDigit, 2018)

La strada creativa aperta dai Boredoms di Soul Discharge ha provocato dei veri e propri cortocircuiti nel modo di intendere…

13 Nov 2018 Reviews

Read more

Valgrind - Blackest Horizon (Everlasting Spew, 2018)

Pur restando in ambito decisamente estremo, le coordinate dei Valgrind sono molto diverse da quelle dei compagni (di etichetta) Convocation.…

09 Jun 2018 Reviews

Read more

Compoundead – Cutting Your Certainty (Sincope, 2012)

Texture di grigi su nero sgranate, attraversate da linee e graffi, sporcate da macchie circolari. Cutting Your Certainty potremmo recensirlo…

22 Feb 2013 Reviews

Read more

The Mainliners - S/T (Crusher, 2007)

Ne abbiamo già parlato, di questi garage rocker nordici, in occasione dell'uscita di un loro singolo per la ottima…

02 May 2007 Reviews

Read more

Punk 'n' Rai (seconda parte)

Chi tra i lettori di Sodapop passa i quarant'anni potrebbe ricordare un servizio andato in onda nel novembre del…

20 Apr 2013 Articles

Read more

Keiji Haino, Merzbow, Balazs Pandi - Become The Discovered, Not…

Dopo An Untroeblesome Defencelessness, tornano a fare danno i maestri del rumore Keiji Haino e Merzbow assieme al sodale Balasz…

18 Oct 2019 Reviews

Read more

Dalila Kayros – Transmutations part [I] - The Yin Side…

Mancava da tempo il nome di Dalila Kayros sulla copertina di un disco, dal 2013 per la precisione, anno di…

21 Mar 2018 Reviews

Read more

Robert Turman – Three Parts (Cejero, 2014)

Farsi le ossa in compagnia di Boyd Rice e collaborare al primo 7” dei NON Mode Of Infection/Knife Ladder è…

25 Aug 2014 Reviews

Read more

Mombu – Zombi (Subsound, 2012)

Non si tratta del nuovo lavoro dei Mombu, bensì dell'edizione vinilica (con accluso CD) dell'album dello scorso anno, opportunamente rivisto…

15 Nov 2012 Reviews

Read more

Edgar Café - Alcuni Fattori Marginali (Arci Sana, 2008)

Sebbene al disco d'esordio, il cammino dei genovesi Edgar Cafè è lungo e denso di caratteri propri ed eterogenei. Difficile…

25 Oct 2009 Reviews

Read more

Gian Luigi Diana – Cristalli Sonori (Setola Di Maiale, 2011)

Se per alcune uscite del catalogo della Setola possiamo indubbiamente parlare di jazz, per dischi come quello di Gian Luigi…

10 Oct 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top