Hum Of Gnats – Purge The Weevil From Yer Midst (Strungaphone, 2011)

Cerca in tutti i modi, il pescarese Ezio Piermattei, di occultare le proprie tracce, presentandosi ad ogni appuntamento discografico con uno pseudonimo diverso: dopo Poisucevamachenille e Levis Hostel è la volta di Hum Of Gnats, progetto apparentemente privo di centro che mette insieme una gran varietà di suoni, rumori e field recording fino a realizzare un pastiche sonoro affascinante.
Purge The Weevil From Yer Midst non è una banale supercazzola musicale che assembla elementi a caso, ma un viaggio all’insegna della scoperta di suoni e rumori, trovati e combinati fra di loro con curiosità e gusto. Sarà una mia ossessione del momento, ma mi pare che anche questo disco sia da annoverare fra quelli che battono una via mediterranea al free-folk, dove strumenti acustici (a fiato, corde e percussivi) che sembrano provenire via mare da sud e da est, sposano i rumori di un’elettronica analogica e primordiale, ponendosi, rispetto a progetti spiritualmente vicini (sto pensando nella fattispecie a Eternal Zio e Orfanado, di cui diremo prossimamente) in ambito più prossimo all’elettroacustica e al jazz irregolare degli Jooklo. Anche se il disco è stato registrato in splendida solitudine, fatto salvo l’intervento in un brano del sassofonista Napo Camassa (all’opera sia come solista che con gli Almamegretta), l’aria che si respira è quella di una lunga jam session editata poi con piglio Faustiano (ma per coerenza con quello scritto sopra dovrei forse citare il Battiato freak di Clic), in cui momenti decisamente ostici, fra stridere di clarinetti e viole, fanno da preludio a piacevoli aperture melodiche, con sax che giocano a rimpiattino coi synth e voci campionate che guadagnano il palcoscenico. Piermattei rifugge comunque le facili giustapposizioni fra melodia e rumore, così come non esagera mai coi volumi, restituendo un’atmosfera tutto sommato rilassata, che aiuta a destreggiarsi nell’intricata struttura dei brani. Data l’eterogeneità dei quattro lunghi pezzi, è inutile segnalarne uno piuttosto che l’altro: meglio far notare quelli che mi sembrano i momenti migliori, come i battimani, le corde nervose e le cantilene che chiudono Ex-ercises In Stalinism (gran titolo), i fiati drammatici e malinconici di Hey, Rube! o la melodia vocale che anima Hat, Infundibuliform Hat, su un tappeto di fiati grassi e percussioni. Chissà se un’alchimia del genere è riproponibile anche dal vivo. Sarebbe davvero un’esperienza esaltante.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Low - 3/4/2019, Auditorium Parco della Musica (Roma)

I Low e la trasfigurazione come soglia necessaria Non sapevo cosa aspettarmi dal nuovo live dei Low alla luce del…

12 May 2019 Live

Read more

J Mascis - Several Shades Of Why (Sub Pop, 2011)

Finalmente J Mascis si mette a nudo, non solo col nome, e quindi ci fermiamo un attimino prima di liquidare…

01 Mar 2011 Reviews

Read more

Om - Decapitalismo (Malintenti/Jestrai, 2010)

Leggero abbassamento del tiro questa volta, pur proveniendo anche loro dalla nostra Tucson (Palermo), per gli Om. I cinque…

21 Jun 2010 Reviews

Read more

Nightstick - Death To Music (Relapse, 1999)

Ad oggi l'ultimo lavoro dato alle stampe di una tra le più misconosciute, ma soprattutto sottovalutate heavy band americane…

23 Jan 2008 Reviews

Read more

The Sword - Warp Riders (Kemado, 2010)

Il revival è una questione delicata e, molto spesso,spinosa da trattare. Da qualsiasi parte lo prendi o lo rigiri, prima…

21 Jul 2010 Reviews

Read more

Airportman & Tommaso Cerasuolo – 23/04/10 Tipo 00 (Brescia)

Una tribute band, seppur sui generis, questo è quel che è il progetto messo insieme dai cuneesi Airportman con Tommaso…

28 Apr 2010 Live

Read more

Kirameki - A Fit Of The Jerks (Bearsuit, 2008)

Cosa chiedete ad un disco? Coerenza? Chiarezza? Intensità? Continuità? Oppure cercate di farvi stupire il più possibile? Sperate sempre, ad…

22 Jan 2009 Reviews

Read more

Renata Zeiguer - Old Ghost (Northern Spy, 2018)

L’attenta Northern Spy ci fa conoscere la nuova e interessante voce di Renata Zeiguer. Studi musicali classici, “imbucata” con autorevolezza…

06 Dec 2018 Reviews

Read more

Toshimaru Nakamura - Re-Verbed (No-Input Mixing Board 9) (Room40, 2018)

Toshimaru Nakamura è uno dei pionieri del no imput mixing, accanito nel sondare ed esplorare questa pratica facendola avanzare di…

06 Jul 2018 Reviews

Read more

Albert Mudrian – Choosing Death (Tsunami, 2009)

Lentamente anche da noi le case editrici vanno colmando le lacune in materia di musica estrema, o comunque non legata…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

VV.AA. – III° Tagofest (Coproduzione, 2009)

Fa un po' tristezza pensare che questa, che doveva essere la celebrazione di uno dei festival indipendenti più rinomati della…

22 Nov 2009 Reviews

Read more

Vitas Guerulaitis – S/T (Cheap Satanism, 2011)

Tempo fa (quando? boh!) l'avrebbero chiamato art-rock, per dare un nome a certi ritmi sghembi e a voci storte e…

16 Dec 2011 Reviews

Read more

Sparkle In Grey & Tex La Homa – Whale Heart,…

Questo disco è uno split tra Sparkle In Grey e Tex La Homa, italiani i primi, inglesi i secondi, due…

07 Mar 2011 Reviews

Read more

Jello Biafra/Guantanamo School Of Medecine + Panico - 27/08/09 Festa…

Serata punk revival alla festa di Radio Onda d'Urto, vecchie glorie in nuove forme per la gioia di grandi e…

27 Sep 2009 Live

Read more

KK Null/Israel Martinez/Lumen Lab – Incognita (Aagoo, 2013)

La Terra Incognita è al centro di un triangolo con Tokio, Berlino e la città messicana di Zapopan come vertici;…

20 Jan 2014 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - Love Of Cartography (Bird's Robe Records, 2014)

Un imperdonabile ritardo è quello che caratterizza principalmente queste recensione. Mi spiace. Ho fatto cose, visto gente, non ho ascoltato…

13 Mar 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top