Hermann Kopp + Lorenzo Abattoir – Psicopompo (4iB, 2015)

Hermann Kopp e Lorenzo Abattoir non si sono mai incontrati, magari non lo faranno neppure mai. Si incontra però la loro musica, nel segno della sperimentazione (non solo sonora), di Carl Jung (attraverso la teoria della sincronicità) e del viaggio nell’oltretomba, a cui fa riferimento il titolo.
Per Jung la sincronicità è la connessione fra due eventi che avvengono contemporaneamente, non legati da una relazione causa-effetto ma da un’evidente comunanza di significati, evento che suggerisce l’esistenza di un altro ordine di realtà. Da questa idea parte l’anomalo duo, anomalo perché predisposto per suonare, nel medesimo momento ma in luoghi diversi (Kopp a Barcellona, Abattoir a Cuneo), segmenti musicali di otto minuti, per poi ricreare l’unità di spazio attraverso il mixaggio. Ne nasce un lavoro dalle tinte fosche, ascrivibile al mare magnum della classica contemporanea, fatto di duetti fra violino, percussioni, voci, elettronica e significativi silenzi e dove l’apparato teorico – illustrato esaurientemente nelle note – non appesantisce l’ascolto, che rimane un’esperienza assolutamente autonoma e significativa. Se volessimo rappresentare graficamente Psicopompo, disegneremmo due linee che viaggiano parallele o divergono, a seconda che si abbiano sintonie, davvero sorprendenti considerato il modus operandi, o più prevedibili dissonanze. Ma il discorso non si esaurisce qui, perché se alcune parti sono oggettivamente riuscite, altre, “sbagliate” secondo le comuni regole musicali, potrebbero comunque parlare alla sensibilità dell’ascoltatore, che saprà cogliere sintonie prima sfuggite e a loro volta destinate a sparire negli ascolti successivi. A ben vedere l’idea forte che anima questo lavoro, ancor più dell’apparato teorico, è quella di usare la musica come mezzo privilegiato per indagare gli aspetti più oscuri e liminali della realtà: Psicopompo non è un disco perfetto -non avrebbe potuto esserlo senza tradire l’idea di partenza- ma pone alla portata di tutti un’esperienza davvero unica e speciale.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Heroin In Tahiti – Death Surf (Boring Machines, 2012)

Il lato oscuro di Tahiti su Boring Machines: non musica da spiaggia o surf rock come lo intendiamo noi, al…

19 Jan 2012 Reviews

Read more

Kleinkief - Fukushima (Shyrec/Dischi Soviet Studio, 2016)

Delicato art rock italiano dalle pretese e dalla presunzione fuori dal tempo. Sonorità pompose e gonfiate dalle ispirazioni anni novanta…

07 Aug 2016 Reviews

Read more

Psychofagist - Il Secondo Tragico (Subordinate, 2009)

Se anche avessi avuto dei dubbi sulla statura di questo disco e ripeto "SE" li avessi avuti, il commento che…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Turner Schimana – Dope Beat Rosengarten (Chmafu Nocords, 2012)

Già un'altra volta, per il disco del Pivot Quartet, la Chmafu aveva dato alle stampe il lavoro di musicisti incontratisi…

04 Mar 2013 Reviews

Read more

Yonatan Gat - Universalists (Glitterbeat/Tak:Til, 2018)

Al suo secondo disco solista Yonatan Gat si distanzia sempre più dal garage rock che lo ha fatto conoscere con…

30 Apr 2018 Reviews

Read more

Black Mountain - Wilderness Heart (Jagjaguar, 2010)

Spinto da un grande sforzo pubblicitario arriva il terzo disco dei rcanadesi Black Mountain, ormai consolidati come uno dei più…

14 Oct 2010 Reviews

Read more

Green Fog Festival - 16/09/06 Festa dell'Unità (Genova)

"Genova crescerà, crescerà, crescerà". Iniziamo citando le parole di Davide dei Meganoidi alla fine della serata per testimoniare che, per…

17 Sep 2006 Live

Read more

Joe Petrosino - Rockammorra (Essonamò Rec, 2009)

Se negli ultimi anni abbiamo un po' patito l'assenza di un nuovo rappresentante della musica partenopea più contaminata, credo…

17 Dec 2009 Reviews

Read more

True Widow - True Widow (End Sounds, 2008)

Widow. Vedova. Una parola forte. Una parola che richiama ai nostri occhi un’immagine precisa. C’è chi la vede una donna…

05 Mar 2009 Reviews

Read more

Beasts of Bourbon - the low road (Red Eye/Polydor, 1991)

Le Bestie del Bourbon erano abituate a vedere canguri e koala che gli attraversavano la strada mentre vagavano in mezzo…

20 Jul 2006 Reviews

Read more

Gastr Del Sol - Twenty Songs Less 7" (Minority, 2006)

Ebbene sì. Finalmente Jim O'Rourke ha capito che per lui non c'era davvero niente da fare di utile all'interno dei…

22 Jan 2007 Reviews

Read more

Lleroy - Soma (Blinde Proteus/Bloody Sound Fucktory et al., …

Beh. Per farla breve: uno degli Io Monade Stanca mi contatta per sapere se si può parlare dell'ultimo disco dei…

17 Jun 2013 Reviews

Read more

Kern/Batia Hasan – The Commercial Tape (Kaczynski, 2020)

Il secondo volume della serie Tape Session della Kaczynski conferma la felice idea di associare artisti in qualche modo complementari…

09 Jun 2020 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 11 (18/12/14)

Undicesima puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano con graditissimo ospite Mirko Spino con novità e…

22 Dec 2014 Podcasts

Read more

Agamotto - S/T (Cosmic Swamp, 2012)

Esordio per il duo italico Agamotto (dal nome di un personaggio Marvel) sulla nostrana Cosmic Swamp, etichetta dedita a stoner,…

13 Feb 2013 Reviews

Read more

Barbara De Dominicis: lady sings the blues, ma non solo

Ho conosciuto Barbara De Dominicis grazie ad Anti-Gone, il suo debutto in solo, un lavoro a-melodico ma al tempo stesso…

06 Oct 2012 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top