Geronimo – S/T (ThreeOneG, 2007)

Ogni anno attorno a natale a Genova arrivano da chissà dove un paio di indiani che, vestiti con abiti tradizionali, mettono su un umile concertino in mezzo alla strada in cui suonano un triste flautino e cantano su una base registrata degna dei peggiori Enigma. Il mio vicino di casa ha comperato uno di questi terribili CD e lo mette su tutto l'anno per la mia gioia… ma da un po' anche io ho un disco "indiano" da fargli ascoltare: in realtà questa uscita per ThreeOneG di indiano non credo abbia nulla tranne il nome della band, ma è un'ottimo metodo per mettere alla prova la resistenza psichica vostra e del vicinato, infatti contiene materiale urticante per le vostre orecchie, da maneggiare con cura. Tanto per darvi un'idea i tre Geronimo sono: alle percussioni marziali e ossessive Ruiz (musicista con Beck prima della notorietà e negli Slowrider, band elettronica-hiphop con ex Brujeria), alle elettroniche lancinanti (autocostruite, trogotronic.com) e alle urla disperate Nelson (l'uomo dietro a Man Is The Bastard e Bastard Noise) e al basso Francoso (già con gli altri due negli Sleestak, hardcore-noise); ospiti alle urla in un paio di pezzi due ex Harassor e David Yow di Jesus Lizard e ora Qui. I brani del disco sono lunghi ed estenuanti, le parti frenetiche e urlate (più alla Locust) in realtà sono brevi e liberatorie se confrontate con i lunghi minuti di lenta e marziale tensione che le precedono e le seguono: l'esempio migliore é il primo brano, che con i suoi diciotto minuti quasi totalmente composti da suoni di un'esasperante synth analogico accompagnato da una ritmica ossessiva é una ghost track perfetta… messa all'inizio del disco però scoraggia completamente l'ascolto! Questa idea geniale di assoluta non fruibilità del disco viene fortunatamente contraddetta dalla splendida cover finale, un pezzo di Bobby Hutcherson (jazzista suonatore di vibrafono) con cui i Geronimo mostrano il loro volto umano e anche una cultura musicale "open-minded", senza cui non avrebbero senz'altro costruito questo affascinante e pesantissimo monolite (che è tra i pochi dischi di quest'anno che mi ricorderò). Buona digestione.

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Luther Blissett – Bloody Sound (Bloody Sound Fucktory/Eclectic Polpo/Brigadisco et…

Secondo lavoro per la interessante formazione bolognese dei Luther Blissett che ritorna dopo qualche rimaneggiamento tra le sue fila: perso…

18 Oct 2011 Reviews

Read more

Dead Boomers – Family Money (Sabbatical, 2010)

Ultimo disco della partita australiana in mio possesso, quello dei Dead Boomers era fra i più attesi dopo aver letto…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 34 (18/06/15)

Puntata numero trentaquattro della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo in un episodio con le ultime novità…

21 Jun 2015 Podcasts

Read more

AA. VV. - Italian Resonances -Dronegazers? (Oak, 2014)

Fare il punto sulla stato dell’elettronica italiana maggiormente orientata alla ricerca non è facile, soprattutto per via delle molte uscite…

09 Jul 2014 Reviews

Read more

Three Trees (Fabio Sacconi/Andrea Bolzoni/Riccardo Marenghi) - S/T (Bunch, 2014)

I tre "alberi" che danno il nome al trio potrebbero forse essere il jazz, l'improvvisazione e la musica contemporanea, dato…

10 Sep 2014 Reviews

Read more

Enzo Rocco/Pablo Ledesma - Seis Episodios En Busca De Autor…

Enzo Rocco lo avevamo già visto qualche tempo fa in duo con Coxhill e l'impressione era che il chitarrista italiano…

11 Jan 2011 Reviews

Read more

Grey History - All Dead Stars (Radical Matters, 2010)

E' ritornato Gianluca Becuzzi e si vede, infatti nel giro di poco tempo il toscano si è sparato uno split…

15 Feb 2011 Reviews

Read more

Extra Life – Made Flesh (Africantape, 2010)

Sorprende trovare, in un catalogo così stilisticamente orientato come quello dell'Africantape, il disco di quello che alla fin fine è…

19 Feb 2010 Reviews

Read more

Power – Turned On (In The Red, 2018)

Cercando dentro la pancia della In the Red non si resta quasi mai delusi, una volta inquadrato bene lo spirito…

23 Oct 2018 Reviews

Read more

Makhno – Silo Thinking (Wallace/Neon Paralleli/Hysm?/Brigadisco, 2012)

Makhno (nome di un anarchico ucraino già usato per una collaborazione fra Nicola Guazzaloca e Francesco Guerri) è il moniker…

12 Oct 2012 Reviews

Read more

Hheva – Drench In The Mist Of Sleep (Diazepam, 2013)

A memoria, non ricordo mi sia mai capitato di recensire una band proveniente dall’isola di Malta e nemmeno mi ero…

04 Mar 2014 Reviews

Read more

Lydia Lunch’s Big Sexy Noise – 18/12/10 Latteria Artigianale Molloy…

Mi ero messo nell'ordine di idee di sottopormi a una lunga fila a cinque gradi sotto zero per assistere al…

04 Jan 2011 Live

Read more

37500 Yens - Astero (Distile, 2007)

Mi scuso per la banalità e per la noia che provoco nel continuare a ripeterlo, se rock dev'essere e proprio "post rock"…

16 Sep 2007 Reviews

Read more

Pietro Riparbelli - Vacuum (Dirter Promotions, 2015)

Pietro Riparbelli torna con un disco solista a suo nome, facendo tesoro delle pubblicazioni in duo a nome Zone Démersale…

13 Jan 2016 Reviews

Read more

Bored Spies - Summer 720/Gerbils E (Damnably, 2013)

Ebbene sì, diciamolo: per alcuni come il sottoscritto il ritorno di Sooyoung Park (ex Seam, Bitch Magnet, EE, Team Xiaoping)…

10 Jun 2013 Reviews

Read more

Putiferio: no fun no core no mosh no trend!

In un mondo ideale non dovrebbe essere necessario spiegare chi sono i Putiferio. In un mondo ideale chi scrive, inoltre,…

05 Jul 2010 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top