Exoterm – Exits Into A Corridor (Hubro, 2019)

Exoterm è il nuovo progetto del bassista norvegese Rune Nergaard, musicista di casa dalle parti della Hubro per la quale esce questo Exits Into A Corridor.
Una scrittura attenta e creativa che manipola i concetti del jazz rock trasformando la materia in un impasto attualizzante che pesca da molteplici tensioni, dal noise come dalla psichedelica, partendo da canovacci minimi da lasciare poi a briglia sciolta. Per fare questo vengono chiamati a raccolta musicisti di notevole personalità interpretativa che gestiscono la materia con estrema lucidità e misura: il sassofonista Kristoffer Berre Alberts, già in forze nella Large Unit di Paal Nilssen-Love, nei Cortex e negli Starlite Motel, e poi due nomi che sono una garanzia solo a pronunciarli, il chitarrista Nels Cline e Jim Black alla batteria e live electronics.
Un esordio che fulmina con l’apparentemente semplice connubio di jazz, rock e improvvisazione, rivelandosi molto più stimolante di quello che ci si potrebbe aspettare.
Tematiche che si sostanziano in raccordi e incipit di giusto lirismo ambientale fanno da contraltari poetici a cavalcate cariche di visceralità. Così le luci malinconiche di First Lights stendono il tappeto a improvvisazioni dal retrogusto sludge e a rarefazioni che preparano alla cavalcata elettrica di Forest Mist – Night, dove le splendide linee di sax stridono architettando un crescendo che collima con aperture rocciose ed eleganti stratificazioni elettroacustiche. Ma il suono per alcuni istanti resta appeso nell’aria, appena in tempo per l’assalto post punk di …Back Towards The Car – Night, ancora più veloce e avvincente. Risalta costantemente la raffinatezza di Cline nel gestire con umore perfetto ogni struttura, incidendo con tocchi di classe e tagli obliqui. La successiva Moves Away From The Door mischia le carte mettendo al centro l’improvvisazione, tra rock destrutturato, frenesie scheletriche, psichedelica dissonante e scuro rumorismo. Il livello definitivo lo si raggiunge con la finale Manufacturing A Smile (Exits Into A Corridor), un contrasto mirabile tra struttura e disgregazione: la chitarra che galleggia nell’instabilità tematica mentre la crosta si slabbra lentamente e il cuore frana sotto la foga dirompente di Black che non risparmia colpi. Un impasto che si risolve nel caos per un effetto struggente.
Un percorso che senza nessuna autoindulgenza misura le infinite potenzialità per essere cerebrale ma mai stucchevole riuscendo fortemente sentito. Tanto coinvolgente da meritarsi di stare tra le migliori cose dell’anno.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 18 (19/02/15)

Per la puntata numero diciotto della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano recuperano una lista di dischi…

23 Feb 2015 Podcasts

Read more

Philippe Petit - Oneiric Rings On Grey Velvet (The Extraordinary…

Rieccoci ad uno degli appuntamenti annuali con il signor Philippe Petit, che insieme a Fabio Orsi e Gianluca Becuzzi non…

22 Mar 2012 Reviews

Read more

Sakee Sed – Alle Basi Della Roncola (Mousemen, 2010)

Quelle contenute in Alle Basi Della Roncola, esordio dei Sakee Sed, sono canzoni da balera, o da saloon, suonate con "sentimento…

24 May 2010 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi/Fabio Orsi - Muddy Speaking Ghost Through My Machine…

Senza nulla togliere agli altri lavori del catalogo A Silent Place che ad onor del vero sono sempre a livelli…

02 Apr 2007 Reviews

Read more

Svart1 - Frozen Chants (Luce Sia, 2018)

Frozen Chants è un viatico ultraterreno diviso in dodici tracce, benché formalmente si abbia la percezione che sia sempre lo…

15 Jan 2019 Reviews

Read more

Sodastream - Reservations (Trifekta/ Homesleep, 2006)

Oramai mi sa che abbiamo speso tutti gli elogi possibili per questo gruppo australiano, così amato dalle nostre parti. Tanto…

27 Oct 2006 Reviews

Read more

Rainer Maria - Catastrophe Keeps Us Together (Grunion, 2006)

Even if Rainer Maria are an emo band, Catastrophe Keeps Us Together is not an emo album. Con questa citazione…

24 Jul 2006 Reviews

Read more

Ludmilla Spleen - Gennariello (Artista Anch'Io/Villa Inferno/Neon Paralleli, 2020)

Mi rendo conto siamo ad inizio anno e di cose ne potremo  ascoltare molte, ma ad oggi, senza indugio alcuno…

18 Feb 2020 Reviews

Read more

Fuck Buttons - Slow Focus (ATP, 2013)

Sono tornati i giganteschi droni dei Fuck Buttons quando proprio non potevamo più farne a meno. Il vero compromesso tra…

03 Jul 2013 Reviews

Read more

Larsen Lombriki - Free From Deceit Or Cunnings (Snowdonia, 2005)

Vivere nelle grotte, negli anfratti del terreno, in buie spelonche dove anche il più esile dei suoni viene amplificato. Il…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Orla Wren - Soil Steps (Oak, 2014)

Orla Wren è il progetto dello scozzese Tui, che per lunghi periodi vive in un furgone andando in giro per…

12 Jun 2014 Reviews

Read more

Susanna Gartmayer – AOUIE, Solos For Bass Clarinet (Chmafu/God, 2015)

New York’s Alright If You Like Saxophones, dicevano i Fear; se invece amate il clarinetto, la città che fa per…

22 Jan 2016 Reviews

Read more

Viridanse - Gallipoli 1915 E Le Altre Storie (Silentes, 2012)

Non suona affatto bizzarro il recupero della discografia completa dei Viridanse, in un'epoca in cui il suono new wave è…

10 Jan 2013 Reviews

Read more

Osaka Flu - The Revolution (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo garage 'n' roll dall'aretino. Tre pezzi stringati ed asciutti come un caffè cortissimo bevuto nel regno unito: non…

15 Dec 2011 Reviews

Read more

Naga - Hén (Shove, 2014)

Trio partenopeo ben lontano dal neo melodico o dalle atmosfere musicarelle popolari in quelle zone. I Naga sono pù neri…

18 Jun 2015 Reviews

Read more

Airportman - Rainy Days (Lizard, 2007)

Ritorna a far uscire dei dischi la Lizard che ha patrocinato delle produzioni interessanti e che rimane l’etichetta che ha stampato…

30 Sep 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top