Eagle Twin – The Thundering Heard (Songs Of Hoof And Horn) (Southern Lord, 2018)

È un vero peccato (mi verrebbe da dire un crimine) che gli Eagle Twin, che della linea evolutiva che parte dai Black Sabbath e passa per gli Sleep rappresentano attualmente la punta più avanzata, rimangano tutto sommato un gruppo per pochi appassionati, la maggior parte dei quali, immagino, memori delle gesta del cantante/chitarrista Gentry Densley con gli Iceburn, un paio di eoni fa. È un peccato perché ciò che da tre album questi due (è della partita anche il batterista Tyler Smith) stanno elaborando è qualcosa di unico, con radici piantate in tradizioni ben più lontane dei possibili riferimenti musicali e rami (o corna?) protesi verso cieli scurissimi con traiettorie non sempre facilmente prevedibili. Se infatti il quartetto di Birmingham aveva posto le basi di un suono lento e pesante di derivazione blues e il terzetto di San Josè aveva ampliato la formula dilatandola fin quasi all’infinito, il duo di Salt Lake City (la prossima evoluzione sarà appannaggio di una one man band?) sta ridefinendo le coordinate dissolvendo la forma-canzone in una jam sciamanica senza perdere pesantezza e distorsione, spostandone anzi ancora più in là i confini (grazie anche a strumenti, amplificatori e pedalini prodotti dalla loro HEX Electrics). Succede dal primo album, nessuna sorpresa, ma ad ogni nuovo capitolo il vortice di chitarre e percussioni si allarga, nuovi animali archetipici sono evocati (dopo corvi e serpenti questa è la volta di alci e lupi), nuovi/antichi miti vengono trasmessi: quello che gli Eagle Twin vogliono fare è creare un culto che faccia fluire le forze della natura attraverso la parola e il suono e ci stanno riuscendo. Lo capiamo ascoltando la maestosa e terribile carica dei cervidi resa in forma di blues granitico con qualche spigolo post-hardcore di Quanah Un Rama, assaporando il folk notturno – degno di un Lanegan  ancor più catacombale – di Elk Wolfv Hymn, che dal metà cresce fino a diventare veramente un inno, rabbrividendo agli ululati di chitarra di Heavy Hoof, mai titolo fu più adatto, soccombendo alla cavalcata elettrica e massimalista della conclusiva Antlers Of Lightning. Quella degli Eagle Twin non è musica: usano l’elettricità dei fulmini, il suono del tuono, la pesantezza delle montagne e il ritmo degli zoccoli che percuotono la terra. La loro non è musica, per questo sono un gruppo tanto grande.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Primal Scream - Beautiful Future (B-Unique , 2008)

Arrivarci, a vedere il futuro rosa! E forse qualcuno la personale quadratura del presente l'ha trovata, tanto da cantarla a…

25 Sep 2008 Reviews

Read more

AA. VV. - Burnt Circuits Kept Under My Bed (Under…

Ah, le vecchie C-90, stipate di musica al limite della capienza, il massimo minutaggio nel minor spazio: quanti ricordi... A…

10 Dec 2014 Reviews

Read more

Marraffa/Giust/Vasi/Tabellini - Old Red City (Setola Di Maiale, 2010)

Ennesimo live che coinvolge Giust ed altri improvvisatori che negli ultimi anni sono comparsi parecchie volte in quello che Stefano…

10 Mar 2011 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi – Annulled By Inertia (Diazepam, 2014)

È arduo seguire la copiosa discografia di Simon Balestrazzi che si divide fra diversi nomi (Kirlian Camera, TAC, Dream Weapon…

17 Feb 2015 Reviews

Read more

Zolle - Porkestra (Bloody Sound Fucktory, 2015)

Essenziali e diretti. Essenziali perchè è così che si definiscono: chitarra e batteria, semplici nella costruzione, naturali con il senso…

12 May 2015 Reviews

Read more

FERC – The Trial Of Monologue (Silta, 2012)

Si legge sul sito dell’etichetta che “La missione di Silta Records è di pubblicare e divulgare registrazioni di musica creativa…

17 Oct 2012 Reviews

Read more

Paolo Petralia Aka SOA Records

Chi è Paolo Petralia? Per chi non lo conosce un po' per età, un po' per fortuna, un po' perché…

21 Dec 2007 Interviews

Read more

The Wisdom - Hypothalamus (Heavy Psych Sounds, 2014)

Misticismo, oriente, terzo occhio e quanto altro potrebbe venire in mente ad un americano che tratta di argomenti che non…

09 Jun 2014 Reviews

Read more

Dashboard Confessional - Dusk And Summer (Vagrant, 2006)

Dopo lo sconfortante Sound The Alarm dei Saves The Day, anche Chris Carabba (già nei Further Seems Forever) getta alle…

25 Aug 2006 Reviews

Read more

The Sinai Divers - Elders (A Lot Of Brians, 2012)

Philippe Henchoz, cantante e chitarrista dei Ventura, negli anni ha registrato canzoni in solitudine tenendole per sé, salvo poi decidere…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

Dufus – 4/12/09 Morya (Cellatica - BS)

La primavera scorsa mi ero perso la loro esibizione bresciana, guadagnandomi il biasimo di tutti i presenti di mia conoscenza e…

08 Dec 2009 Live

Read more

Black Pus – 05/10/13 Interzona (Verona)

La stagione dell'Interzona, che si annuncia ricca di bei nomi, si apre con quel Brian Chippendale che, a cinque anni…

11 Oct 2013 Live

Read more

Ranter’s Bay & Pablo Orza - ειμαρμενη (Kaczynski, 2020)

Fra le infinite collaborazioni che costellano il catalogo della Kaczynski quella fra Ranter’s Bay e Pablo Orza non l’avevamo ancora…

07 Aug 2020 Reviews

Read more

Savage Republic – 27/01/10 Kroen (Villafranca – VR)

Non era vero niente, avevamo scherzato: il Kroen c'è ancora, gode di ottima salute e continua a proporre ottima musica.…

01 Feb 2010 Live

Read more

Alessandro Calbucci, Matteo Uggeri - The Distance (Why Not Ltd,…

Partiamo subito dicendo che di Matteo Uggeri abbiamo già un'intervista su questa stessa webzine, mentre per onore della cronaca va…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

The Soul - Hardfunkinvasion (Autoprodotto, 2009)

Lo avevamo incontrato sulla doppia compilation di funk italiano assemblata sotto la supervisione di Bobby Soul ed ecco qui il…

01 Nov 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top