dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS – 4 (Eclectic Polpo, 2012)

E’ una grande sorpresa l’ascolto di questo entusiasmante combo portoghese dall’impossibile nome di dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS (si, so cosa significa, qualche anima buona mi ha spiegato, in ogni caso non è difficile scoprirlo). 4 è un concentrato adrenalinico di jazz core, funk, free e art rock che difficilmente lascerà intatte le vostre orecchie. L’iniziale 33 Anos Sem Dormir è un buon inizio: contorsioni di sax, basso devoluto, chitarre acide, ma è dalla successiva Amargana che il gruppo preme veramente sull’acceleratore per non fermarsi più. E’ questo pezzo una sorta di score da b-movie guidato dai sax che divampa improvvisamente e si frantuma contro qualcosa che assomiglia ad un riff industrial-metal per poi crescere ancora, sempre con quel sax fantastico e un incrocio strumentale semplicemente perfetto tra chitarre acide e progressive, ritmiche possedute, tastiere da assenza di gravità: 4 minuti e 21 secondi di terremoto. Quindi Corta Unhas: chitarre dissonanti, tastiere ludiche, basso frantumato, vetri rotti, uno scherzo di un paio di minuti prima di passare a Encephalia Espongiforme, dove il suono torna alle coordinate di Amargana: un altro epocale crescendo di fiati, groove di basso e batteria assassino, strambe chitarre acide, stacchi free rotti da improvvisi break noise. E poi ancora le escrudescenze di Feng Chui, fiati e chitarre pesanti, stacchi matematici: forse il pezzo più rock e standard del lotto, che rimane comunque un gran sentire. Al contrario Nacho Vidal sembra essere invece il pezzo più free, tutto un gioco di distorsioni di sottofondo e ottoni e flauti che si incrociano psichedelici sopra un letto di rumore e all’improvviso, nel finale, un assurdo cambio demenziale in stile Skin Graft. A concludere il disco ci sono i 21 e passa minti di Movimento que Vai e Vem de um Ponto a Outro, praticamente una durata pari al resto del disco, dove la musica, più vicina alla forma dell’improvvisazione, ha le sembianze di una lunga jam dilatata tra scorie di rumore, ritmi che si rompono poco dopo essere stati accennati per poi trasformarsi in lunghe cavalcate percussive e quindi tornare a sfilacciarsi e frantumarsi, mentre le chitarre costruiscono muri di noise come mai nel resto del disco, per infine lasciare al sax l’onere di chiudere questo tour de force sonoro con uno spiazzante e malinconico solo free. Non so quanta visibilità possano avere questi dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS, certo è che 4 è un disco che varrebbe la pena cercare e fare proprio. Ascoltateli qui http://duassemicolcheiasinvertidas.bandcamp.com/ e passate parola!

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Rock And The City - La Storia Siamo Noi

Sosteneva Lukàcs che il compito del genio è mettere ordine tra le cose, che per deduzione equivale a dire che…

10 Feb 2007 Articles

Read more

Cagna Schiumante - S/T (Tannen, 2014)

Scorticare fino a raggiungere l'essenza stessa. Le tracce di questo lavoro sono canti di muezzin ubriachi e storti declamati sbavando…

26 Sep 2014 Reviews

Read more

Nicolas J. Roncea - Eight (Part One), (Autoprodotto, 2014)

Abbiamo già avuto modo di conoscere ed apprezzare Nicolas J. Roncea in quanto membro degli eccellenti Io Monade Stanca e…

29 Jul 2014 Reviews

Read more

Franz Rosati – Black Body Radiation (Manyfeetunder, 2015)

Franz Rosati riprende in discorso iniziato con l’album Ruins un paio di anni fa e con Black Body Radiation lo…

21 Mar 2016 Reviews

Read more

WK569 – Omaggio A Marino Zuccheri (Boring Machines, 2017)

Tempo, spazio e suono devono essere ben stranamente allineati in quel della Val Camonica (Brescia). Mesi fa vi parlammo dell’ottimo…

31 Jan 2018 Reviews

Read more

Monaci Del Surf - S/T (Inri, 2012)

Frizzantissimo terzetto perfetto per l'estate che non vuol decollare. In un mondo civile questi tre wrestler messicani (o di Mirafiori?!)…

06 Jun 2012 Reviews

Read more

Barnacles – One Single Sound (Boring Machines, 2017)

Salto i preamboli dato che di Barnacles, nome dietro cui si nasconde Matteo Uggeri (già Sparkle In Grey), vi abbiamo…

28 Jun 2017 Reviews

Read more

Makhno/HaveyousaidMakhno - Digital 7” (Neon Paralleli/Brigadisco/HYSM?/Wallace, 2013)

L'alias di Paolo Cantù torna a farsi sentire con un 7" digitale, presentato con grafica e immagini del vinile come…

02 Jul 2013 Reviews

Read more

Deison & Mingle – Everything Collapse(d) (Aagoo/Rev Laboratories, 2014)

Pochi mesi fa un interessante articolo di Antonio Ciarletta su Blow Up, intitolato New Millenarism, prendeva in esame alcuni album…

12 May 2014 Reviews

Read more

Don Vito/Bogong In Action – Split 7” (Lemming/Brigadisco et al.,…

Merita una segnalazione questo split in vinile diviso fra Don Vito, gruppo che, a discapito del nome, proviene dalla Germania …

20 Jan 2012 Reviews

Read more

Default Jamerson - Stable Government And Adequate Sanitation (Sabbatical, 2008)

Sabbatical è una etichetta di musica sperimentale portata avanti da Leith, Mark, autore di quasi tutte le grafiche e Marcus,…

07 Nov 2009 Reviews

Read more

Ultravixen – Avorio Erotic Movie (Wallace, 2008)

No, amici niente tettone all'orizzonte, anzi, banane au go-go, ma non quelle che lucidate guardandovi film di Meyer, bensì quelle…

04 Dec 2008 Reviews

Read more

RPWL - World Through My Eyes (SPV/InsideOut, 2005)

Pur continuando a turbinare nel girone progressivo scatologico, stavolta, ammetto di esser incappato in qualcosa di interessante ed anche prezioso.…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi/Luigi Turra - In Winter (Silentes, 2012)

Gianluca Becuzzi e Luigi Turra pubblicano per la prima volta un disco assieme, dopo aver collaborato sotto diverse forme per…

04 Dec 2012 Reviews

Read more

Rainer Maria - Catastrophe Keeps Us Together (Grunion, 2006)

Even if Rainer Maria are an emo band, Catastrophe Keeps Us Together is not an emo album. Con questa citazione…

24 Jul 2006 Reviews

Read more

Fabrizio Ottaviucci - Ragapiano (Odd Times, 2009)

Da pseudo-relativista (che grazie a Dio non sono) e da seguace della ricostruzione storica individuale, o forse solo da "rosicone"…

22 Dec 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top