The Child Of A Creek – The Earth Cries Blood (Seahorse, 2013)

Era atteso da tempo il nuovo disco del toscano The Child Of A Creek; ora, a oltre due anni dal lavoro precedente, ecco The Earth Cries Blood, disco che ha avuto una gestazione lunga e sofferta che, oltre ad aver influito sui tempi d’uscita, sembra aver marchiato a fuoco le atmosfere dell’album. Stilisticamente non siamo distanti dal solco tracciato dai predecessori, moderno psych-folk di matrice inglese, con qualche strizzatina d’occhio al drone in sottofondo; nemmeno la maggior varietà di strumenti (pianoforti, arrangiamenti d’archi, flauti) sembra influire sul risultato finale: la scrittura sapiente mette ogni strumento al servizio della misurata poetica dell’autore. Quello che semmai lo distingue è l’umore, nettamente più meditativo e cupo, a tratti verrebbe da dire quasi rassegnato. Se le vecchie composizioni parevano avvolte in una nebbia luminosa, qua i toni sono più opachi che fanno percepire la pesantezza del mondo. La chitarra elettrica lamentosa che ci accoglie nell’iniziale Morning Comes ci fa subito intuire tutto: la incontreremo ancora nel corso di un disco che trasuda quella sofferenza cosmica ben esplicata dal titolo. Ci è di conforto trovare gli elementi che già apprezzavamo: la bella voce quasi sussurrata (con Pantaleimon ospite in Dont Cry To The Moon), le melodie suadenti, i suoni cristallini, ma quello che manca è il trasporto: The Earth Cries Blood nega ogni possibilità di trascendenza, sostituita da una discesa nella materia che può essere interpretata come un’annullarsi nella terra. Anche se le belle canzoni non mancano (Leaving This Place, Terrestre, Birds On The Way Home), più dei predecessori è questo un album da ascoltare nel suo fluire, contemplando la sua poetica sofferenza possibilmente da una certa distanza: anche se la materia sonora non è ostica, la sofferenza che The Earth Cries Blood porta con sé non è delle più facili da accettare.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

U.S.O. Project - Inharmonicity (Synesthesia, 2008)

A volte ci sono cd che ci impiegano un po' più tempo di altri per essere fruiti e per quanto…

23 Nov 2008 Reviews

Read more

AA.VV. - Tra(x)cce Su Eicool Sat. (Eicool Sat., 2007)

Per quanto sia rimasto relativamente perplesso nel leggere le note interne di questa compilation, tanto da pensare che Burroughs in botta…

24 Sep 2007 Reviews

Read more

Chris Forsyth & Shawn Edward Hansen - Dirty Pool (Ultramarine,…

Di recente mi è capitato di guardare di sfuggita un articolo che riguardava esattamente questi due musicisti, ammetto di…

15 Nov 2009 Reviews

Read more

Newdress - Newdress (Kandinsky, 2010)

Quando si infila nel lettore un cd che si presenta così ben confezionato (illustrazioni di Mirko Pellizzoli, packaging e grafica…

19 Jan 2011 Reviews

Read more

Nicola Ratti - Prontuario Per Giovani Foglie (Megaplomb, 2006)

Con colpevole ritardo recensiamo questo CD di Nicola Ratti. L'impressione è buona ed è rimasta la stessa che avevo avuto…

11 Jun 2007 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – Knife, Fork And Spoon (Leo, 2012)

Un trio all'americana, chitarra, basso e batteria, ma con un sound quasi nordeuropeo, stampati da un'etichetta Inglese, ma provenienti dal…

18 Jan 2013 Reviews

Read more

Shinkei - Binaural Beats (Koyuki, 2007)

Anno nuovo, vita nuova e nuove etichette, diciamo pure che questa copre un campo stranamente poco calcato nel Bel Paese.…

03 Jan 2008 Reviews

Read more

Vs. Rome - The End Is Important In All Things…

Chissà che età hanno i Vs. Rome...farà ridere, ma è la prima cosa che mi sono chiesta mentre ascoltavo il…

05 May 2011 Reviews

Read more

Mombu - Niger (Subsound, 2013)

Sempre a metà strada tra il divertissement e il "safari senza fucile", proseguono le sperimentazioni etno (?) industriali del duo…

17 Dec 2013 Reviews

Read more

Pikelet - Pre-Flight Jitter (Sabbatical, 2007)

Avevo sentito questo disco dei Pikelet con un po’ di fretta e non mi ero neanche accorto di come fosse…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Matteo Uggeri/Luca Mauri/Francesco Giannico – Pagetos (Boring Machines/Grey Sparkle, 2012)

A concludere la quadrilogia iniziata nel 2007 da Maurizio Bianchi e Matteo Uggeri e dedicata ad alcuni aspetti della natura…

20 Jul 2012 Reviews

Read more

Bob Corn - Songs From The Spiders House (Fooltribe, 2006)

Tiziano Sgarbi (Tizio per chi gli è amico, l'uomo dietro la label Fooltribe) è un nome che da anni…

17 Jul 2006 Reviews

Read more

X Congresso Post Industriale – 31/10/2015 Kindergarten (Bologna)

Non si poteva mancare quest’anno Al Congresso Post Industriale che la Old Europa Cafè organizza per al decima volta e…

11 Nov 2015 Live

Read more

Barzin - My Life In Rooms (Weewerk/Monotreme, 2006)

Dall'iniziale, perfetta, Let's Go Driving sembra arrivato il momento di fare i conti con uno dei dischi del 2006. Poi…

19 Aug 2006 Reviews

Read more

Silvia Cignoli - The Wharmerall (Pitch The Noise, 2020)

Raffinata elettronica ascensionale per il debutto solista di questo enfant prodige milanese. A nostro insindacabile giudizio siamo al cospetto di…

05 May 2020 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi ‎– We Can Be Everywhere (Final Muzik, 2014)

Altra uscita per Gianluca Becuzzi dopo lo split con Simon Balestrazzi sul singles club Final Muzik, ancora una volta non…

20 Nov 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top