Bachi Da Pietra – Tarlo Terzo (Wallace, 2008)

Nuovo Bachi Da Pietra, di cui immagino sentirete abbondantemente parlare visto che oltre a godere di una buona attenzione da parte della stampa contano su un folto numero di ammiratori, che in questi tempi non è mica una cosa da sottovalutare. Anche nuova produzione, visto che qualche tempo fa avevo anche conosciuto il fonico che l’ha prodotto (che per la cronaca è quello che segue dal vivo i Pooh e già solo per qusto si è guadagnato la mia stima sempiterna per essere a contatto con quello che ha generato Dj Francesco), ma nonostante il cambio della regia si tratta ancora di un buon disco e di una produzione che a dispetto del primo disco ed in linea con il secondo mette in luce le "delicatessen" del duo.
Dorella, come nel secondo disco, viene stemperato rispetto a come lo vedreste dal vivo e su disco è un bene (tanto come dal vivo è un bene che quando ci sia da andare decisi non si faccia certo problemi), ma a differenza del lavoro precedente che ricordo più vellutato, questo suona più roccioso quel tanto che basta per differenziarsi. Lo stile è quello loro, qualcuno ha sentenziato: "i Madrigali Magri ridotti ai minimi termini", cosa che ritengo vera solo parzialmente, l’atmosfera è sempre la stessa fra il malato ed il "Disneyland del dopo bomba", quasi dark o post-dark (cazzo!! Un po’ come i gruppi di San Diego pre Locust avevano riscoperto Joy Division e PIL… roba che i Get Hustle e Pleasure Forever ci si sarebbero fatti le pere commossi). Il disco contiene anche alcune hits da Bela Lugosi come I Suoi Brillanti Anni 80, Dal Nulla Nel Nulla o Andata, roba che mancano solo le tastiere per tornare agli Ottanta e che Steve Severin avrebbe potuto fare domanda in carta bollata per farli diventare un trio, ma tranquilli! Non sono diventati un gruppo new wave o almeno non solamente, blues da buio pesto Nick Cave e depressao meravigliao che fanno un po’ da impronta digitale. Per di più chi di voi è spaventato può sentirsi sollevato dato che verso la metà tornano alcuni di quei pezzi blues ossessivi che erano e sono tipici della loro vecchia produzione e delle parti più tranquille dei loro live. Detto questo, la cosa più strana l’ho lasciata per il finale, infatti mentre ascoltavo il disco mi domandavo che cosa mi ricordassero alcuni cantati di Succi e finalmente con un brainstorming fra me ed il mio amico immaginario (da non confondersi con Federica la mano amica) ho capito. In pochissimi episodi del disco sembra che Succi canti come un Giovannardi (dei La Crus) meno tronfio e meno enfatico ma pur sempre molto calato nella parte, il fatto è che per quanto involontario comunque un punto di contatto c’è dato che il La Crus prima cantava nei Carnival Of Fools che in Cave e soci ci si tuffavano di testa. Fatico ancora a capire se questo disco sia leggermente sotto o allo stesso livello del lavoro precedente (che fino ad ora era stato il mio preferito), ma senza benché minima ombra di dubbio è un bel disco: chi vivrà vedrà, chi non vivrà vedrà da sotto.

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Kitchen Door - Sodapop Edition n.7

Apriamo l'anno con un rapido sguardo a quello appena trascorso: un pugno di canzoni che ci sono sembrate significative…

09 Jan 2011 Podcasts

Read more

Drink To Me - Don’t Panic, Go Organic (Midfinger, 2008)

Esordio ufficiale per i canavesani Drink To Me, dopo una serie di cd-r per la personale etichetta Stuprobrucio. Meno naif…

27 Apr 2008 Reviews

Read more

The Eagle Twin Ascend the Iceburn: intervista a Gentry Densley

Dopo aver ripercorso la carriera di Gentry Densley dagli esordi (Iceburn) ai nostri giorni (Ascend e Eagle Twin) nell'articolo monografico,…

07 Mar 2012 Interviews

Read more

Quasiviri – Super Human (Wallace/Bloody Sound Fuctory/Fallo/HYSM?/Morte/Megaplomb/To Loose La Track,…

Il ritorno in pista, con una serie di nuove uscite, di un’etichetta storica (ma fortunatamente non ancora da storicizzare) come…

02 Apr 2014 Reviews

Read more

Lite - Illuminate (Transduction, 2010)

Il perché la Transduction sia così ossessionata dai gruppi post/math-rock giapponesi mi è oscuro, resta che il livello tecnico e…

13 Oct 2010 Reviews

Read more

La Furnasetta - La Prima Stella (AsbestosDigit, 2018)

La strada creativa aperta dai Boredoms di Soul Discharge ha provocato dei veri e propri cortocircuiti nel modo di intendere…

13 Nov 2018 Reviews

Read more

Valgrind - Blackest Horizon (Everlasting Spew, 2018)

Pur restando in ambito decisamente estremo, le coordinate dei Valgrind sono molto diverse da quelle dei compagni (di etichetta) Convocation.…

09 Jun 2018 Reviews

Read more

Compoundead – Cutting Your Certainty (Sincope, 2012)

Texture di grigi su nero sgranate, attraversate da linee e graffi, sporcate da macchie circolari. Cutting Your Certainty potremmo recensirlo…

22 Feb 2013 Reviews

Read more

The Mainliners - S/T (Crusher, 2007)

Ne abbiamo già parlato, di questi garage rocker nordici, in occasione dell'uscita di un loro singolo per la ottima…

02 May 2007 Reviews

Read more

Punk 'n' Rai (seconda parte)

Chi tra i lettori di Sodapop passa i quarant'anni potrebbe ricordare un servizio andato in onda nel novembre del…

20 Apr 2013 Articles

Read more

Keiji Haino, Merzbow, Balazs Pandi - Become The Discovered, Not…

Dopo An Untroeblesome Defencelessness, tornano a fare danno i maestri del rumore Keiji Haino e Merzbow assieme al sodale Balasz…

18 Oct 2019 Reviews

Read more

Dalila Kayros – Transmutations part [I] - The Yin Side…

Mancava da tempo il nome di Dalila Kayros sulla copertina di un disco, dal 2013 per la precisione, anno di…

21 Mar 2018 Reviews

Read more

Robert Turman – Three Parts (Cejero, 2014)

Farsi le ossa in compagnia di Boyd Rice e collaborare al primo 7” dei NON Mode Of Infection/Knife Ladder è…

25 Aug 2014 Reviews

Read more

Mombu – Zombi (Subsound, 2012)

Non si tratta del nuovo lavoro dei Mombu, bensì dell'edizione vinilica (con accluso CD) dell'album dello scorso anno, opportunamente rivisto…

15 Nov 2012 Reviews

Read more

Edgar Café - Alcuni Fattori Marginali (Arci Sana, 2008)

Sebbene al disco d'esordio, il cammino dei genovesi Edgar Cafè è lungo e denso di caratteri propri ed eterogenei. Difficile…

25 Oct 2009 Reviews

Read more

Gian Luigi Diana – Cristalli Sonori (Setola Di Maiale, 2011)

Se per alcune uscite del catalogo della Setola possiamo indubbiamente parlare di jazz, per dischi come quello di Gian Luigi…

10 Oct 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top