Bachi Da Pietra – Tarlo Terzo (Wallace, 2008)

Nuovo Bachi Da Pietra, di cui immagino sentirete abbondantemente parlare visto che oltre a godere di una buona attenzione da parte della stampa contano su un folto numero di ammiratori, che in questi tempi non è mica una cosa da sottovalutare. Anche nuova produzione, visto che qualche tempo fa avevo anche conosciuto il fonico che l’ha prodotto (che per la cronaca è quello che segue dal vivo i Pooh e già solo per qusto si è guadagnato la mia stima sempiterna per essere a contatto con quello che ha generato Dj Francesco), ma nonostante il cambio della regia si tratta ancora di un buon disco e di una produzione che a dispetto del primo disco ed in linea con il secondo mette in luce le "delicatessen" del duo.
Dorella, come nel secondo disco, viene stemperato rispetto a come lo vedreste dal vivo e su disco è un bene (tanto come dal vivo è un bene che quando ci sia da andare decisi non si faccia certo problemi), ma a differenza del lavoro precedente che ricordo più vellutato, questo suona più roccioso quel tanto che basta per differenziarsi. Lo stile è quello loro, qualcuno ha sentenziato: "i Madrigali Magri ridotti ai minimi termini", cosa che ritengo vera solo parzialmente, l’atmosfera è sempre la stessa fra il malato ed il "Disneyland del dopo bomba", quasi dark o post-dark (cazzo!! Un po’ come i gruppi di San Diego pre Locust avevano riscoperto Joy Division e PIL… roba che i Get Hustle e Pleasure Forever ci si sarebbero fatti le pere commossi). Il disco contiene anche alcune hits da Bela Lugosi come I Suoi Brillanti Anni 80, Dal Nulla Nel Nulla o Andata, roba che mancano solo le tastiere per tornare agli Ottanta e che Steve Severin avrebbe potuto fare domanda in carta bollata per farli diventare un trio, ma tranquilli! Non sono diventati un gruppo new wave o almeno non solamente, blues da buio pesto Nick Cave e depressao meravigliao che fanno un po’ da impronta digitale. Per di più chi di voi è spaventato può sentirsi sollevato dato che verso la metà tornano alcuni di quei pezzi blues ossessivi che erano e sono tipici della loro vecchia produzione e delle parti più tranquille dei loro live. Detto questo, la cosa più strana l’ho lasciata per il finale, infatti mentre ascoltavo il disco mi domandavo che cosa mi ricordassero alcuni cantati di Succi e finalmente con un brainstorming fra me ed il mio amico immaginario (da non confondersi con Federica la mano amica) ho capito. In pochissimi episodi del disco sembra che Succi canti come un Giovannardi (dei La Crus) meno tronfio e meno enfatico ma pur sempre molto calato nella parte, il fatto è che per quanto involontario comunque un punto di contatto c’è dato che il La Crus prima cantava nei Carnival Of Fools che in Cave e soci ci si tuffavano di testa. Fatico ancora a capire se questo disco sia leggermente sotto o allo stesso livello del lavoro precedente (che fino ad ora era stato il mio preferito), ma senza benché minima ombra di dubbio è un bel disco: chi vivrà vedrà, chi non vivrà vedrà da sotto.

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Cepi Nomads + Hic - Cepi meets Hic (Torto,…

Questo lavoro nasce dall'improvvisazione tra due nutriti ensemble di professionisti. I Cep Nomads sono francesi e nascono dalla volontà di…

13 Jul 2020 Reviews

Read more

The Great Saunites – Green (Hypershape/Toten Schwan, 2016)

Il duo The Great Saunites è simile a un elettrone che orbita intorno al nucleo che rappresenta la loro idea…

09 Jan 2017 Reviews

Read more

L'Inverno Della Civetta - S/T (DreaminGorilla/Greenfog/Taxi Driver, 2014)

L'Inverno Della Civetta è il primo documento che testimonia la collaborazione tra tutti quegli artisti che da anni orbitano intorno…

28 Apr 2014 Reviews

Read more

Tristan Da Cunha – Soçobrar (Taverna/Delphic/Cruel Bones, 2017)

Italianissimo nonostante l’uso del portoghese nella ragione sociale e nei titoli, Tristan Da Cunha è un duo formato da Francesco…

26 Jul 2017 Reviews

Read more

Einsturzende Neubauten + Deus + Blond Redhead - 01/09/2018 Piazza…

Tre headliner di tutto rispetto per una serata dal sapore quasi antico. E’ innegabile osservare come sia Deus che Blond…

09 Sep 2018 Live

Read more

Buffalo Grillz - Manzo Criminale (Subsound, 2012)

Grind ad alzo zero, una linearità di esecuzione ed una fantasia negli arrangiamenti pari a quella di un gibbone chiuso…

20 Feb 2013 Reviews

Read more

La Decima Vittima - Storie Strane Al Buio (Zona, 2011)

 Ognuno ha lo chansonnier che si merita. Evidentemente, e i fatti mi danno ragione, oggi Bobby Soul è quanto di…

07 Jun 2011 Reviews

Read more

Ur - Triadic Memories (Afe, 2005)

Edizione limitatissima per questo nuovo progetto di Federico Esposito (già Den LXV e Heartside) che, come suo costume, ancora una…

28 Sep 2006 Reviews

Read more

Fabio Battistetti - Into The Wood (Creative Sources, 2014)

Risultato di un lavoro iniziato già anni fa come una performance dal vivo e poi raffinato via via, questo Into…

24 Dec 2014 Reviews

Read more

Svart1 - Frozen Chants (Luce Sia, 2018)

Frozen Chants è un viatico ultraterreno diviso in dodici tracce, benché formalmente si abbia la percezione che sia sempre lo…

15 Jan 2019 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 18 (19/02/15)

Per la puntata numero diciotto della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano recuperano una lista di dischi…

23 Feb 2015 Podcasts

Read more

Robert Turman – Three Parts (Cejero, 2014)

Farsi le ossa in compagnia di Boyd Rice e collaborare al primo 7” dei NON Mode Of Infection/Knife Ladder è…

25 Aug 2014 Reviews

Read more

Napalm Death - Smear Campaign (Century Media/EMI, 2006)

Ancora veterani. Suppongo che suonare Grind/Death sulla soglia dei quaranta ti faccia vivere una quotidianità piuttosto normale, forse più o…

29 Nov 2006 Reviews

Read more

The Wisdom - Hypothalamus (Heavy Psych Sounds, 2014)

Misticismo, oriente, terzo occhio e quanto altro potrebbe venire in mente ad un americano che tratta di argomenti che non…

09 Jun 2014 Reviews

Read more

Titor - S/T (Smartz, 2009)

Nostalgici della "sei corde senza fronzoli", i Titor inalberano un progetto pseudo concettuale che partendo dall'hardcore californiano dei primi…

01 Apr 2010 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Pest Exterminator (Ticonzero, 2011)

Come s'intitolava quel film con Mickey Rourke "L'anno del dragone" o qualcosa del genere? ...beh, se proprio dovessimo sfruttare il…

30 Sep 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top