The Bowerbirds – Hymns For A Dark Horse (Dead Oceans, 2008)

Che, da qualche parte, la quadratura del cerchio dovesse arrivare, era ovvio. Pacifico era che, per qualche folkster impazzito che si trasferisce prima a Parigi poi a Budapest (A Hawk And A Hacksaw) per impadronirsi delle tradizioni locali, o per qualche giovane virgulto blandamente interessato alle dinamiche mediterranee (Beirut) colte nella loro pura essenza melodica, ci sarebbe stata una rilettura del proprio canzoniere folk: proprio inteso come puramente Americano, scritto in quelle capanne di legno, a balloon frame, tra Appalachi e Blue Ridge Mountains, tra Mount Shasta e Mount Eerie. L'indie-pop-folk, in maniera dissimile dai recuperi hippie del giro dei Vetiver e dell'ormai inseritissimo outsider Devendra Banhart, sta trovando nuova linfa proprio nello spurgare le influenze balcanico-francesizzanti dalle composizioni degli sdoganatissimi campioni, citati in apertura, per ritrovare delle sonorità, forse non pure, ma, sicuramente, sincere. Lontani dai clamori della blogosfera che circondano i "californiani" Fleet Foxes, ma ben schierati in apertura nel tour europeo del caso dell'anno Bon Iver, i Bowerbirds, da Raleigh nella Carolina del Nord, mettono insieme un disco di canzoni decisamente importanti. Bozzetti acustici, certo, che sono classificabili da qualche parte tra le varie filiazioni del Will Oldham più rurale, toccasana per gli orfani della saga dei Palace, eco splendidamente rinverdita dalla conclusiva Olive Hearts. Piccole storie dove la presente voce maschile di Phil Moore viene armonizzata dagli altri due membri del gruppo, Beth Tacular e Mark Paulson. Di base la chitarra classica arpeggiata in maniera più che tradizionale viene arricchita dalla fisarmonica, da occasionali percussioni (grancassa, bordo del rullante e tamburelli i più usati) e un violino che rifugge sempre ogni richiamo ai cugini tzigani. C'è da dire che la deriva etnica sfugge al controllo solo nel coro della seconda traccia, In Our Talons, che tradisce una vaga reminescenza di certe sonorità nordafricane. L'epicità della title track, con delle percussioni vicine agli altri paladini della rinascita del folk, made in 2008, i Dodos, è garantita ancora una volta dai cori splendidamente arrangiati. Il già citato Mount Eerie, nell'accezione del più recente monicker del prolifico Phil Elvrum aka Microphones, Mt.Eerie, rimane come riferimento per gli equilibri vocali mai incerti di canzoni come Human Hands e My Oldest Memory.
La chiusura del cerchio, dicevamo in apertura: una sorta di ideale ritorno a quel folk americano, libero da influenze eccessivamente blues del Delta o tribal-finto-indiano; figlio illegittimo del Pre-war senza scimmiottarne, in chiave hippie, movenze e storie, ancorchè magari sulla scelta degli strumenti si potrebbe discutere: una formazione tradizionalmente classica che si evolve da sola, ripulendosi, nel passaggio dell'oceano Atlantico, dagli integralismi etnici. Questi inni per un Dark Horse, accompagnano bene l'incipiente autunno: odorano di tavole di legno e strumenti tangibili, schegge sotto pelle e bevande che scaldano il cuore. Racconti intorno al fuoco di animali da salvare, crepitii e profumi rurali che i nostri lettori di mp3 ancora non riescono a sintetizzare. Cosa aspettate ancora a farvi invitare nella capanna?

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Camillocromo - Musica Per Ciarlatani Ballerine E Tabarin (Autoprodotto, 2010)

Ancora comunicazione tra cuore e stomaco. Le funamboliche (mai termine fu più appropriato) contaminazioni dei fiorentini Camillocromo volteggia tra la Banda…

12 Feb 2010 Reviews

Read more

Hheva/Shiver - Troubled Sleep (Diazepam, 2012)

Cassetta split tra il combo maltese Hheva e Shiver aka Mauro Sciaccaluga, che lascia il lato A agli ospiti facendo…

30 May 2013 Reviews

Read more

Get Help - The End Of The New Country (Midriff,…

Esiste un abbattimento intelligente. Di fronte al futuro e alle possibilità che ci si aprono davanti agli occhi, mentre i…

28 Dec 2008 Reviews

Read more

Paolo L. Bandera - Registrazioni Di Campi Tellurici E…

Ritorna il decano se non addirittura lo storico ed ideologo per antonomasia dell'area grigia italiana, con un proprio prodotto programmmatico…

13 Nov 2020 Reviews

Read more

Gabriele Gasparotti - Istantanee Vol.1 (Diodrone, 2019)

Il presupposto fondamentale con cui avvicinarsi a queste istantanee non è immediato benchè sia incastonato nella copertina medesima, autentica dichiarazione…

21 Apr 2020 Reviews

Read more

La Batterie - He Ate A Lamp Now He's A…

"Una versione spongebob dei Sonic Youth", e stavolta chiunque abbia inventato questa definizione per il terzetto berlinese un po' c'ha…

17 Feb 2008 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto – Cielo Inchiostro (Bosco, 2012)

Daniele Brusaschetto è purtroppo uno dei segreti meglio custoditi della musica italiana. Non solo della musica underground, indie, indipendente o…

28 Jan 2013 Reviews

Read more

Hong Chulki & Will Guthrie - Mosquitoes and Crabs (Erstwhile,…

Il rischio che corre un lavoro costruito su concetti frammentari e irrisolti come questo Mosquitoes and Crabs è quello di…

12 Jun 2018 Reviews

Read more

Damo Suzuki’s Network – 23/01/11 Vinile 45 (Brescia)

Torna a Brescia il vecchio kamikaze Damo Suzuki dopo l'estemporanea esibizione col duo locale dei Don Turbolento della scorsa primavera,…

23 Jan 2011 Live

Read more

Red Stars Over Tokio - Helen In The Mirror (Hot…

Quale potrebbe essere l'hobby di un ex hardcore kid (in passato bassista nei belgi Nations On Fire e tenutario dell'etichetta…

23 Mar 2010 Reviews

Read more

Slobber Pup – Black Aces (Rare Noise, 2013)

È ancora tempo di supergruppi? Se quella di associare grossi nomi è pratica mai invalsa (e anzi vitale) in ambito…

10 Jan 2014 Reviews

Read more

NOfest! 2012 - 24/06/12 Spazio 211 (Torino) Terza parte

E si arriva così all'ultimo giorno, carichi della fatica di quelli passati, soprattutto della tirata del sabato, ma determinati a…

04 Jul 2012 Live

Read more

Penelope Sulla Luna - My Little Empire (Nagual, 2008)

I Penelope Sulla Luna fanno quello che quasi tutti intendono come post-rock strumentale anche se questi "tutti" tendono a dimetnicarsi…

18 Dec 2008 Reviews

Read more

Richard Hell - Spurts: The Richard Hell Story (Rhino, 2005)

Riccardo Inferno. Personaggio cult o semplicemente grandissimo sfigato? Genio o re dell’aurea mediocritas del punk statunitense? Meglio non rispondere a…

19 Aug 2006 Reviews

Read more

Vakki Plakkula - Babirussa Capibara (Le Arti Malandrine, 2009)

Altro cd ed altro supergruppo e porca troia piccoli musicofili del cazzo, non uso supergruppo a casaccio, mentre vi tenete…

06 Jun 2009 Reviews

Read more

Jealousy Party - Live (Fratto9 Under The Sky/Barlamuerte/Megaplom/Burp/etc., 2010)

In questo caso si tratta di un buon live con cui si auto-celebra un gruppo storico della musica free di…

21 May 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top