Anatre Supreme Vs Yokotobigeri – Split (Escape From Today, 2006)

Credo di aver già visto dal vivo entrambi i gruppi, di sicuro gli Yokotobigeri a Genova ma credo di aver visto anche le Anatre Supreme a Pavia quindi diciamo che prima di ascoltare il disco ero già “studiato”. Quando avevo tredici anni alla radio c’era un tizio che si chiamava Ronnie Hedson (o giù di lì) e che diceva “rock on!!!” e bene o male è la parola d’ordine che unisce entrambi i partecipanti a questo split.
Le Anatre Supreme non hanno nulla a che spartire con gli Anatrofobia se non il terrore del patè di fegato e tutto sommato certi riferimenti passati di quello che è stato il loro chitarrista negli ultimi due dischi. Infatti le Anatre Supreme si trovano in ambiti già costeggiati precedentemente dai Cardosanto, anche se chiaramente in modo meno complesso visto che a tratti i liguri erano persino più King Crimson dei Don Caballero stessi. Qualche ottimo spunto melodico per una struttura comunque sempre hard rock e strumentale. Il fatto che “lo” A Short Apnea per eccellenza sieda dietro al banco mixer uniforma molto il suono di questo split, le differenze ci sono, infatti gli Yokotobigeri sono molto più sincopati dei loro consoci ed anche più sporchi nell’approccio tecnico, qualcuno direbbe persino un abusatissimo “più punk”. Le melodie più cupe e lo sviluppo dei pezzi potrebbe quasi farmi azzardare che si tratti dei Gone (se ricordate il gruppo strumentale post Black Flag di Ginn) meno precisi e con una vena più giocosa. Il basso nel suono degli Yokotobigeri si fa più grosso rispetto alle Anatre tanto che finiscono potremmo quasi dire che stiano al rock tanto quanto i Pin Pin Sugar stavano al “free jazz core”. Due gruppi, sette strumentali e come diceva quel tizio che ho citato prima “rock on!”.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Three Trees (Fabio Sacconi/Andrea Bolzoni/Riccardo Marenghi) - S/T (Bunch, 2014)

I tre "alberi" che danno il nome al trio potrebbero forse essere il jazz, l'improvvisazione e la musica contemporanea, dato…

10 Sep 2014 Reviews

Read more

MSMiroslaw – Rebirth Invocations, Ritual Chants For The Vulture Goddess…

Sardegna pagana. Sembra essere questo il filo conduttore delle tante uscite provenienti da una regione che, dal punto di vista…

09 Jul 2013 Reviews

Read more

Il Guaio - S/T (Lingua, 2014)

Dalla Lingua Records, satellite dell' universo Minus Habes, arriva questa interessante deriva electro pop. Il Guaio è un piacevole incrocio…

17 Jul 2014 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Early Works (1979–1982) (Azoth, 2016)

Quello che vedete in copertina può sembrare un registratore a nastro ma non lo è: è una macchina del tempo…

06 Mar 2017 Reviews

Read more

Davide Maspero/Max Ribaric - Come Lupi Tra Le Pecore…

È un'opera monumentale quella messa insieme da Davide Maspero e Max Ribaric per i tipi della Tsunami, non solo per…

08 May 2013 Reviews

Read more

Daniele Ciullini - Poisoning At Home (Luce Sia, 2020)

Nella migliore tradizione della urticante label svizzera ci avviciniamo al nuovo lavoro di Daniele Ciullini e immediatamente veniamo proiettati in…

01 Dec 2020 Reviews

Read more

Molestia Auricularum – Dissolvi (Dokuro, 2017)

Avevo un ricordo lontano di Molestia Auricularum (nome dietro cui si nasconde Federico Trimeri, bassista degli Storm{o}) risalente a un…

28 Dec 2017 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Contemplations and other Instrumentals from the Valley…

Diciamocela tutta, basterebbe il titolo. Socchiudi gli occhi, un refolo di vento ed è tutto lì. Ma in realtà c’è molto…

09 May 2022 Reviews

Read more

The Lovely Savalas - Pornocracy (Above Ground, 2011)

Ho sempre pensato che già dalla cover si possa intuire molto del contenuto di un disco. Cristiano Carotti, l'artista umbro…

16 May 2011 Reviews

Read more

Luciano Caruso/Luigi Vitale - Tripterygion (Aut, 2011)

Seconda uscita per la Aut, dopo l'esordio Kongrosian/Sabatin con il secondo disco mi sembra evidente che l'etichetta sottolinei come si…

26 Mar 2011 Reviews

Read more

Yeti Lane - The Echo Show (Clapping Music, 2012)

Secondo giro di boa per il duo parigino che torna con quello che viene definito il loro capolavoro. Tra atmosfere…

30 May 2012 Reviews

Read more

Il Lungo Addio – Fuori Stagione (Wallace/Old Bicycle, 2016)

Nonostante gli illustri nomi che accompagnano il progetto, il lavoro del Lungo Addio risulta fiacchissimo e noioso fin dalle prime…

28 Oct 2016 Reviews

Read more

Almeno Sei Metri Da Terra - S/T (Lanterna Pirata, Taxi…

Furioso screamo senza fiato nella migliore tradizione italica (Storm(o), La Quiete) per questa band genovese di esordienti. Nove pezzi da…

06 Apr 2020 Reviews

Read more

Lebenswelt - Unspoken Words ( Under my Bed, OuZeL, 2022)

Giampaolo Loffredo, ancora. 6 dischi in 19 anni, praticamente una vita adulta. Unspoken World inizia con una nenia pianistica e…

18 Feb 2022 Reviews

Read more

Comaneci – 05/02/10 Morya (Cellatica - BS)

Finalmente i Comaneci. Dopo un album che nel mio personalissimo tabellino è nettamente superiore al precedete, ero ansioso di verificare…

10 Feb 2010 Live

Read more

Tetuan - Tela (Brigadisco/I Dischi Del Minollo/Onlyfuckingnoise et al. 2011)

Tela è il disco d'esordio del trio marchigiano Tetuan, ripescato dal cesto a inzio 2013. In realtà l'album era…

14 Mar 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top