Anatre Supreme Vs Yokotobigeri – Split (Escape From Today, 2006)

Credo di aver già visto dal vivo entrambi i gruppi, di sicuro gli Yokotobigeri a Genova ma credo di aver visto anche le Anatre Supreme a Pavia quindi diciamo che prima di ascoltare il disco ero già “studiato”. Quando avevo tredici anni alla radio c’era un tizio che si chiamava Ronnie Hedson (o giù di lì) e che diceva “rock on!!!” e bene o male è la parola d’ordine che unisce entrambi i partecipanti a questo split.
Le Anatre Supreme non hanno nulla a che spartire con gli Anatrofobia se non il terrore del patè di fegato e tutto sommato certi riferimenti passati di quello che è stato il loro chitarrista negli ultimi due dischi. Infatti le Anatre Supreme si trovano in ambiti già costeggiati precedentemente dai Cardosanto, anche se chiaramente in modo meno complesso visto che a tratti i liguri erano persino più King Crimson dei Don Caballero stessi. Qualche ottimo spunto melodico per una struttura comunque sempre hard rock e strumentale. Il fatto che “lo” A Short Apnea per eccellenza sieda dietro al banco mixer uniforma molto il suono di questo split, le differenze ci sono, infatti gli Yokotobigeri sono molto più sincopati dei loro consoci ed anche più sporchi nell’approccio tecnico, qualcuno direbbe persino un abusatissimo “più punk”. Le melodie più cupe e lo sviluppo dei pezzi potrebbe quasi farmi azzardare che si tratti dei Gone (se ricordate il gruppo strumentale post Black Flag di Ginn) meno precisi e con una vena più giocosa. Il basso nel suono degli Yokotobigeri si fa più grosso rispetto alle Anatre tanto che finiscono potremmo quasi dire che stiano al rock tanto quanto i Pin Pin Sugar stavano al “free jazz core”. Due gruppi, sette strumentali e come diceva quel tizio che ho citato prima “rock on!”.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Skullflower - Werecat Powers Of The Crossroads At Midnight (Nashazphone,…

Torna con un nuovo disco Mattew Bower e ci da conferma che è sempre lui, infatti anche in questa millesima…

16 Mar 2018 Reviews

Read more

Orko Trio – S/T (Dobialabel, 2011)

Disco dalle complesse architetture progressive rock questo esordio dell'Orko Trio, composto da Michele Cuzziol, Enrico Giletti e Giorgio Pacorig, gode…

22 Feb 2012 Reviews

Read more

Lo Dev Alm - It Is Later Than You Think…

Era da un po' che non sentivo parlare di Pagliero e  poi in poco tempo mi capitato di vederlo impegnato…

26 Jun 2007 Reviews

Read more

Putiferio: no fun no core no mosh no trend!

In un mondo ideale non dovrebbe essere necessario spiegare chi sono i Putiferio. In un mondo ideale chi scrive, inoltre,…

05 Jul 2010 Interviews

Read more

Hyperwulff - Volume 1: Erion Speaks (Martire / Death Crush…

Implacabile bordata post-hardcore per l'iperlupo che, a dispetto dell' impatto frontale, rivela non poche gemme "insospettabili" all' interno dei propri…

27 Jul 2015 Reviews

Read more

Crayon Mortel - Piel (51Beats, 2015)

L'etichetta nostrana 51Beats ci ha abituato ormai alle scoperte dal sottobosco italiano e pubblica un altro esordio di musica elettronica…

10 Apr 2015 Reviews

Read more

Philippe Petit - Oneiric Rings On Grey Velvet (The Extraordinary…

Rieccoci ad uno degli appuntamenti annuali con il signor Philippe Petit, che insieme a Fabio Orsi e Gianluca Becuzzi non…

22 Mar 2012 Reviews

Read more

Cup - Hiccup (Aagoo, 2017)

A fine anno Aagoo decide di concludere le uscite con qualcosa di classico ma fresco: Cup è il nome dietro…

16 Feb 2018 Reviews

Read more

Maninkari - Le Diable Avec Ses Chevaux (Conspiracy, 2008)

Nella mia personale campagna per la promozione degli sfigati (…sarà che m’identifico, che vuoi farci) questa recensione riveste un interesse…

10 Feb 2009 Reviews

Read more

Art Of Flying - Though The Light Seem Small (Discobolus,…

A noi di sodapop i fricchettoni piacciono, non quelli finti e poseur naturalmente, ma la coppia formata da David Costanza…

29 May 2010 Reviews

Read more

Rotadefero – Discodefero 7” (Zen Hex, 2017)

Cristiano D’innocenti e Tommaso Garavini erano, un eone fa, batteria e voce dei romani Concrete, un gruppo che definire hardcore…

28 Apr 2017 Reviews

Read more

Kinetix - Final Archives (Silentes, 2010)

Pare che questo disco sarà l'ultimo a nome Kinetix per Gianluca Becuzzi: Final Archives è composto da tre mini album…

26 Jan 2011 Reviews

Read more

Ryan Powers Boyle - S/T (Far And Away, 2010)

Indeciso se suonare in una band o fare tutto da solo, questo cantautore, originario di St. Petersburg Florida, alla fine…

05 Sep 2010 Reviews

Read more

Stalker - S/T (Produzionisante, 2008)

"Felicità per tutti, libertà, nessuno se ne andrà insoddisfatto!" Sardonicamente si chiude così il capolavoro assoluto dei fratelli Strugatsky…

14 Jun 2008 Reviews

Read more

Andrew Bird - 18/05/09 Musicdrome (Milano)

Un'ora e dieci per arrivare in città e tre quarti d'ora per trovare il posto, locale ex Transilvania (fortunatamente rinnovato…

03 Jun 2009 Live

Read more

Small Thing - S/T (Flamingo, 2019)

"La cosetta" è un gagliardo punk stop and go di chiara matrice NOFX (nel senso buono) interpretato da un giovane…

08 Feb 2021 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top