Aetnea – S/T (Autoprodotto, 2012)

Gli Aetnea arrivano dal comune di Trecastagni, provincia di Catania, ma non immaginate le “solite” cose in stile Uzeda o Three Second Kiss che spesso sono giunte dal capoluogo e che tanto sono piaciute a noi, a voi e a un po’ a tutti. Quello degli Aetnea sembra piuttosto un tentativo (“estetico”, cit.) di immaginare una via attuale al progressive rock passando dal post rock e dal post metal: musicalmente potrebbero più o meno a grandi linee ricondursi a cose in stile Tool o Isis, come testimonia l’imponente riffone finale di Vartan Dub. Lo sforzo del trio per imbastire canzoni che suonino originali è palpabile, le idee infatti sembrano non mancargli (il clarinetto e il finale tribaloide di Odessus, il sitar di Béla Bartók ad esempio). Quello che manca è forse la capacità di sintetizzare le intuizioni migliori e concentrarsi su quelle, mentre spesso il gruppo sembra perdersi in soluzioni ad effetto che purtroppo sanno di già sentito lontano mille miglia. Vedi l’alternanza di vuoti e pieni tipica di tanto noiosissimo post rock o ancora il cantato alla Starfuckers / Massimo Volume di Atrabile che tutto dicono tranne che di qualcosa di “sperimentale” o alla “avanguardia” (cit.). Meglio quando giocano un po’ con l’elettronica, ma anche lì, sembrano non capire quando è il caso di fermarsi. Poi quando a metà disco piazzano un pezzo titolato John Cage costituito da 4 minuti e 33 secondi di silenzio (certo, non è silenzio: la composizione consiste dei suoni emessi dall’ambiente in cui viene eseguita, come dice Wikipedia) mi chiedo se mi stiano prendendo per i fondelli, se stiano giocando a “non te la saresti mai aspettata l’esecuzione paro paro di 4’33” eh? Dai ammettilo che siamo originali”. Boh. Disco che lascia aperte molte possibilità e molti interrogativi ma “la considerevole differenza tra questo lavoro e qualsiasi altro album” (cit.) è che questo non mi dice molto.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Taub - Bedtime Stories (Nonine, 2008)

Per quanto si tratti di un'etichetta nata da poco tempo la Nonine non è davvero niente male, fino ad ora…

05 Sep 2008 Reviews

Read more

Massimo Olla - Life In A Sonic Free Form Research…

Percussioni, suggestioni e striscianti fruscii introducono il raffinatissmo lavoro di Massimo Olla che, a onor del vero, sembra non abbia…

04 Oct 2020 Reviews

Read more

Roberto Dani - Lontano (Stella Nera, 2010)

Di recente un amico ha commentato che Stella Nera in un certo senso è un'etichetta musicale anarchica di estrazione ma…

01 Sep 2011 Reviews

Read more

Owen - Ghost Town (Polyvinyl, 2011)

L'anima sentimentale dei Kinsella, - non Sophie, quella del libro I Love Shopping e I Love Shopping…

14 Oct 2011 Reviews

Read more

Patrizia Oliva - Arberia (Setola Di Maiale, 2012)

Patrizia Oliva ha da qualche anno abbandonato il suo pseudonimo Madame P presentandosi con nome e cognome, continuando a pubblicare…

08 Jan 2013 Reviews

Read more

AA.VV. - Bonus Tracks (Mondadori, 2007)

E che cosa c'è da dire? In realtà poco, dato che questa è un'operazione puzzolente tipo quelle delle riviste che…

10 Jun 2007 Reviews

Read more

Ryoji Ikeda – 21/03/2015 Interzona (Verona)

Pochi eventi ma buoni, aveva annunciato l’Interzona per questa nuova stagione. Sul pochi avrei da ridire – semplicemente per il…

27 Mar 2015 Live

Read more

Delius/Pellegrino/Giust/Thomas/Heenan - Three Nights In Berlin (Setola Di Maiale, 2010)

Altro lavoro che coinvolge Stefano Giust oltre a ad una serie assortita di improvvisatori di livello, come al solito si…

02 Mar 2011 Reviews

Read more

Anatre Supreme Vs Yokotobigeri - Split (Escape From Today, 2006)

Credo di aver già visto dal vivo entrambi i gruppi, di sicuro gli Yokotobigeri a Genova ma credo di aver…

05 Dec 2006 Reviews

Read more

The Dillinger Escape Plan - One Of Us Is The…

Non è mai facile confrontarsi con un gruppo che una quindicina di anni fa era sulla bocca di tutti per…

19 Dec 2013 Reviews

Read more

Rock And The City - Death Is Not The End?

Quando queste righe saranno consegnate alla Rete delle reti, Pasqua sarà andata e venuta in un battibaleno, col suo significato…

23 Apr 2007 Articles

Read more

Harvestman - In A Dark Tongue (Neurot, 2009)

Continua, lontano dal pantano in cui si sono ormai arenate le carriere di Neurosis e Tribes Of Neurot, il percorso…

30 Jun 2009 Reviews

Read more

Morse Code – The Night An Artificial Light (Monster, 2010)

I redivivi (ex-)Caboto Alessandro Gallerani (chitarra), Alessio Crotti (basso) e Stefano Passini (batteria) mettono insieme un gustoso tritato misto (da…

27 Sep 2010 Reviews

Read more

AIPS Collective - 01/02/2014 Spazio O’ (Milano)

Dopo essersi svelato a Londra con un live al Cafè OTO e un’installazione audiovisiva alla galleria SoundFjord sul finire dello…

21 Feb 2014 Live

Read more

St.Ride - Volume 2 (Niente, 2009)

Ritornano gli St.Ride con il "solito" ottimo disco... e me l'hanno dovuto dire che il cd era il loro, visto…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

Prosperina - Faith In Sleep (Maybe, 2012)

Musica abbastanza lisa e consunta quella dei Prosperina, ma per chi ama chitarrismi elefantiaci in un magma psichedelico potrebbe esserci…

12 Dec 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top