ӔLMĀ – The Beings Of Mind Are Not Of Clay (MC Toten Schwan, 2022)

Elena M. Rosa Lavita e Marco Valenti, una citazione di Lord Byron, un nastro, due lati per due parti di un insieme.
Il dualismo crea una tensione, un attrito, un interesse. Elena si occupa di basso e di una melodica, Marco di samples ed elettronica.
Ogni viaggio sonoro, prerogativa di ogni registrazione, è un percorso. Con un’inizio ed una fine, dei quali non conosciamo però apici, difficoltà, stratificazioni ed ottiche.
Non conoscendo il testo del Barone da cui il titolo viene estrapolato ( Childe Harold’s Pilgrimage) mi limito a farmi suggestionare dalla citata argilla, immaginando l’energia scaturita nell’incrocio fra i due corpi, le due menti e le innumerevoli vibrazioni messe in atto nella sessione allo Stasi Studio nel gennaio di quest’anno. E, per essere onesti, scopro quanto questo passaggio mi sia vicino sia come produttore che come ascoltatore e scrittore di musica. Anche qui, come in diversi miei spunti passati torna il Nigredo e la Grande Opera. Già, la musica forse nulla è che la ricerca della pietra filosofale, rappresentata dalla pura essenza dei suoni che scaturiscono dagli attori in causa. L’annerimento di Rosa e Marco è lo scoperchiamento del pozzo, la viscera del suono che viene aperta e scarnificata. Ma poi, come qualsiasi essere ci abituiamo al buio dei suoni, ci uniamo al ritmo ed all’ambiente tramite la nostra parte più ad essi legata, di fatto distillandoci (l’Albedo) ed entrando nel suono. A questo punto (ed il nastro gira come un vento continuo che pulisce le ori e le impreziosisce legandoci soltanto ad esso) ci distacchiamo, prendiamo aria, cerchiamo un’idea ed una chiave di lettura, sintomo di maturità e di attenzione (Citrinas).
Che rimane? Fra i rimbombi, le frequenze, le vibrazioni, gli scambi? Rimane il corpo e l’effetto che il suono ha su di esso, il Rubedo, l’incontro ed il completamento dell’opera e dell’essere, che ascoltando l’opera ne rimarrà invariabilmente cambiato.
Non conosco Elena mentre conosco abbastanza bene Marco, con cui sento una vicinanza di intenti e di ideali. Penso però di potermi permettere un consiglio: dall’intensità del suono espresso credo che non sia stata una sessione leggera né probabilmente semplice da ipotizzare come regolare…beh, diventasse un’abitudine, una terapia di scontro annuale, potremmo goderne moltissimo e forse anche voi.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bachi Da Pietra – Necroide (La Tempesta/Wallace/Tannen, 2015)

Per il sesto album i Bachi Da Pietra abbandonano i giochi di parole numerici - che da Tarlo Terzo ci…

28 Sep 2015 Reviews

Read more

Dead Elephant + Zeus! + Spring Is Reverber – 27/12/09…

E si arriva così all'ultimo atto. Dopo due anni di attività, con molti dei migliori nomi del panorama italiano e…

12 Dec 2009 Live

Read more

Maria Jikuuuuuuuuu – Level 7 (Spettro, 2012)

Dietro al nome d'arte di Maria Jikuuuuuuuuu si nasconde, chi l'avrebbe mai detto, Maria Jiku, ma il numero della vocale…

30 Oct 2012 Reviews

Read more

Dad They Broke Me – Rot (We Empty Rooms, 2010)

Fine della corsa per uno dei gruppi preferiti dal nostro amabile Radu Kakarath: il batterista va a vivere in Giappone…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

Peter Piek - Cut Out The Dying Stuff (Solaris Empire/…

Che personaggio interessante Peter Piek: dipinge fin da bambino - e ne ha fatto un lavoro -, suona da quando…

23 Jun 2014 Reviews

Read more

Konstrukt & Keiji Haino - A Philosophy Warping, Little By…

L’ensemble free-impro turco Konstrukt, dopo aver condiviso dischi e performance con artisti importanti della scena improv internazionale, invita a collaborare…

01 Sep 2018 Reviews

Read more

Onq - Canzoni Tutte Uguali (Autistico, 2004)

Non so se Onq arriverà fin qui a leggere queste righe. Ha smesso di suonare. Persegue i suoi obiettivi, piace…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Marraffa/Giust/Vasi/Tabellini - Old Red City (Setola Di Maiale, 2010)

Ennesimo live che coinvolge Giust ed altri improvvisatori che negli ultimi anni sono comparsi parecchie volte in quello che Stefano…

10 Mar 2011 Reviews

Read more

Prehistoric Pigs - Wormhole Generator (Moonlight, 2012)

Ferroso e macilento sludge nostrano che a passo incartato e moribondo procede per tutta la durata di questo esordio. Ogni…

25 Feb 2013 Reviews

Read more

Matteo Uggeri/Luca Mauri/Francesco Giannico – Pagetos (Boring Machines/Grey Sparkle, 2012)

A concludere la quadrilogia iniziata nel 2007 da Maurizio Bianchi e Matteo Uggeri e dedicata ad alcuni aspetti della natura…

20 Jul 2012 Reviews

Read more

Bugo + Il Genio - 25/10/08 Mojotic @ MEP (Sestri…

Per la prima volta mi muovo verso i lidi rivieraschi alla ricerca del MEP, che mi dicono essere un capannone,…

26 Oct 2008 Live

Read more

Confuse The Cat - Keryky (Zeal, 2008)

Una volta in Belgio c’erano i Kosier D e poi furono i Reiziger, erano entrambi ottimi gruppi, i primi avevano…

18 Dec 2008 Reviews

Read more

Blake/e/e/e - Border Radio (Unhip, 2008)

Archiviati i Franklin Delano, Paolo Iocca, anche qui accompagnato da Marcella Riccardi, torna in pista con il nuovo progetto Blake/e/e/e.…

12 Nov 2008 Reviews

Read more

Pulseprogramming - Charade Is Gold (Audraglint, 2011)

Ci eravamo lasciati otto anni fa con i Pulseprogramming: e chi si sarebbe immaginato fossero mai tornati. Sodapop nel suo…

29 Sep 2011 Reviews

Read more

Exit Verse - S/T (Damnably/Ernest Jenning, 2014)

L'inglese Damnably continua a seguire le ormai vecchie glorie degli anni novanta e stavolta, dopo avere fatto uscire il suo…

27 Feb 2015 Reviews

Read more

Filtro – Materia (Dokuro, 2018)

Il ritorno di Filtro, progetto di Angelo Bignamini (The Great Saunites, Lucifer Big Band) e Luca De Biasi (Satantango, Vhd…

10 Apr 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top