Yuppie Flu – Fragile Forest (Homesleep, 2008)

Toh. Pensavo di essermi scampato la gag del 2007, il downloadabile disco dei Radiohead, ed ecco che, in un tripudio di fibrillazioni in sync di tutta la blogosfera italica, mi capita sotto il naso il fatto che gli Yuppie Flu si son dati via ad offerta il disco nuovo. Come resistere alla tentazione? Ho qualche euro residuo di transazioni su Paypal, faccio l'acquisto? Beninteso, si può anche prendere gratis, ma com'è, come non è, decido di versare 3€ e sentirmi se si meritano di più o di meno. Con 15€ ti arriva a casa il cd vero col booklet e con 25€ vinci pure la maglietta. L'operazione in se è peggio che sputtanata: alla fin fine, per quanto esclusivo e limitato possa essere il booklet disegnato dal bassista/skater/illustratore Gabbo, un disco italiano in italia dovrebbe rimanere al massimo sui 10€, spese di spedizione incluse.
Per carità delle divinità del pop obliquo trasversale e sinfonico, non sono qui a dire che sia una truffa bene o male orchestrata! Certo è che, avendo accorciato la filiera, e con dei guadagni secchi e diretti dagli introiti, i ragazzi hanno centrato un obbiettivo non da poco: quantomeno non disperdono più il seme senza alcun senso in giro. Suppongo che prima o poi uscirà una versione non limitata in cd distribuita in tutte le grandi catene di negozi, fnac e ricordi comprese. Non eravamo tutti qui a questionare qualche anno fa sulla svolta distributiva, affidata a Sony del disco dei Giardini Di Mirò? Su quanto bene potesse fare alla scena il fatto che il disco riuscisse ad arrivare ovunque, dai supermercati agli autogrill? E oggi siamo punto e a capo, con internet sulla schiena e qualche grattacapo in più. Per cui ben venga l'iniziativa di questi yuppies fuori tempo massimo. La domanda che però mi si pone ora è: ma quanto durerà tutto questo? Abbiamo ormai capito che stiamo vivendo un'epoca di transizione. Non sappiamo verso cosa o dove. Tutto è rimasticazione e riproposizione. Le trovate geniali, in cultura come in politica, sono sempre più volatili e vengono cancellate nel giro di pochi anni. Come i minidisc, come le porte pre usb, come i blog, come tutto quello che ci sta passando sopra e sotto nel giro di un minuto e ce lo siamo già bello e dimenticato. Sembra tanto tempo fa, cantavano gli Ustmamò. E sembra un secolo fa il momento in cui col Boat Ep entravamo nell'era Homesleep a tutti gli effetti e gli Yuppie Flu si pigliavano lo scettro di capi arrangiatori ufficiali della scena, dettando le linee per gli anni seguenti. Incredibilmente bravi nel riproporre il pastiche Flaming Lipsiano nell'era digitale, con evoluzioni varie hanno traghettato l'indie accordando le coordinate di Brand New sulle loro. Senza svendersi. Incredibilmente. Il songwriting si è evoluto, fino a portare Matteo Agostinelli a scrivere brani quali Make It Happen, sorta di punto di incontro tra i Beatles più intimisti e il Neil Young rurale, o la bella Eyes, con l'ukulele in primo piano. La solita cura dei suoni, cui ci hanno abituato negli ultimi episodi si fa sentire e mette a tacere le dicerie sulle loro presunte derivazioni. Figli di, certo, ma non ossessionati da complessi familiari: sempre meno Mercury Rev, sempre molto Grandaddy, soprattutto per la scelta dei tappeti synthetici. Se il tono della voce non fosse sempre un po' reminescente di quella metà degli anni novanta in cui molti di noi sono cresciuti, si direbbe che l'evoluzione naturale della specie li stia portando verso dimensioni indiepop, molto pop e poco indie: dalle parti degli ultimi Ladybug Transistor piuttosto che nel pop inglese meno di facciata. Bravi, ma ormai si sapeva, destinati a restare ancora e, fra un po' di anni, si riuscirà, forse a valutare obsolescenza e valore reale della loro carriera, ormai piuttosto importante. Epigoni forse se ne sono visti già in buon numero, magari coabitanti delle stesse lande più che pedissequi imitatori, ma, grazie al loro vissuto e all'esperienza già accumulata pare evidente la loro posizione di favore in una possibile scena popedelica locale. E quello che ancora più mi regala pensieri in merito a tutta l'operazione, come già per i Radiohead è: e se questa operazione fosse stata fatta da qualche ultimo della classe? Come sarebbe andata a finire? Avrebbe funzionato? O quei pochi interessati avrebbero scaricato a gratis e i reali introiti sarebbero stati ancora più bassi? Il mercato è davvero così collassato e allo sbando? Sicuramente ho fugato il dubbio che, per quanto riguarda i Radiohead non mi interessava dirimere, ma per questi italici si: il disco non è una raffazzonatura di cattiva fattura data via a quasi gratis perchè l'etichetta si rifiutava di metterlo fuori. Per cui un punto per loro e un piacere per noi nell'ascoltarlo. Detto questo, mi piacerebbe realmente un confronto aperto tra tutte le realtà italiane con numeri alla mano sulle vendite di dischi e simili operazioni di marketing web-based. Giusto per capire realmente dove stiamo andando a parare.
E se, dopo tutto questo, vi è rimasto ancora il dubbio… Beh si vale più di 3€ ma, magari, vado a vedermeli dal vivo e mi compro il cd.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Plakkaggio - C.D.G. 7'' (Hellnation, 2014)

Abbandonata l' HC  con cui li avevamo ascoltati fino a ieri ritorna il power trio di Colleferro: sempre combattivo, sempre…

03 Sep 2014 Reviews

Read more

Rosàrio - And The Storm Surges (In The Bottle Records…

Drammatico stoner fanta-apocalittico quello dei veneti Rosàrio capace di evocare volumi liquidi e mutaforma come in una vecchia pellicola sci-fi.…

23 Jan 2017 Reviews

Read more

Amen Ra - Mass V (Neurot, 2012)

La paura è quella di accendere una luce, di veder filtrare un raggio di sole, di imbattersi in un'incandescenza che…

18 Feb 2013 Reviews

Read more

Saffronkeira - A New Life (Denovali, 2012)

Saffronkeira è un disco che lambisce diversi territori sonori con gusto e ottime doti tecniche: questo A New Life è…

30 Nov 2012 Reviews

Read more

Empty Chalice - Ondine's Curse (Ho.Gravi.Malattie., 2018)

Carina l’idea dell’etichetta torinese Ho.Gravi.Malattie. di dedicare una collana di uscite in cassetta a tiratura limitata a una serie di…

11 Aug 2018 Reviews

Read more

Erdem Helvacıoğlu, Şirin Pancaroğlu - Resonating Universes (Sargasso, 2011)

Nuovo capitolo per Erdem Helvacıoğlu, inarrestabile compositore turco che si muove fra musica colta e colonne sonore. Per chi di…

20 Jan 2012 Reviews

Read more

Trax - Notterossa/Rednight (Smallvoices, 2008)

Oggi da parte di molti rockettari si è risvegliato un interesse per la musica elettronica più rumorosa ed estrema, portando…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Drieu – La Distruzione (Autoprodotto, 2019)

Strano a dirsi, ma mettendo insieme esponenti del miglior post-HC (Burning Defeat), dello storico HC italico (Crash Box), dell’oi! più…

31 Mar 2020 Reviews

Read more

Father Murphy - Brigadisco's Cave #6 (Brigadisco, 2011)

Date le derive che sta prendendo, non da oggi, la società, è plausibile pensare che certi ambiti verranno ad assumere…

29 Nov 2011 Reviews

Read more

Transition (Nils Gerold/Nicola Guazzaloca/Stefano Giust) - Arútam (Setola Di Maiale,…

Non è la prima volta che vediamo un "ingaggio" fra Nicola Guazzaloca e Stefano Giust, ma questa volta a rendere…

16 Oct 2012 Reviews

Read more

7 Training Days – In A Safe Place (Autoprodotto, 2011)

Arriva da Frosinone, stato di Washington, il disco d'esordio del quartetto 7 Training Days. Sebbene il gruppo sia di nuova…

19 Apr 2011 Reviews

Read more

Malagnino Marino Josè - 16-11-2008 (Produzioni Pezzente, 2008)

Altro lavoro che coinvolge Marino Josè Malagnino, deus ex machina dei Psss Psss Psss e boss della Produzioni Pezzente: si…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Kleistwahr - Music For Zeitgeist Fighters (Nashazphone, 2017)

Questo è il quarto disco dal ritorno sulle scene di Gary "Ramleh" Mundy con uscite a nome Kleistwahr e devo…

15 Sep 2017 Reviews

Read more

Solkyri - Sad Boys Club (Bird's Robe, 2015)

Non è bellissimo quando ti accorgi che non sapresti quale pezzo ti piace di più di un disco? Non capita…

10 Oct 2016 Reviews

Read more

Daniele Ciullini - Poisoning At Home (Luce Sia, 2020)

Nella migliore tradizione della urticante label svizzera ci avviciniamo al nuovo lavoro di Daniele Ciullini e immediatamente veniamo proiettati in…

01 Dec 2020 Reviews

Read more

Geronimo - S/T (ThreeOneG, 2007)

Ogni anno attorno a natale a Genova arrivano da chissà dove un paio di indiani che, vestiti con abiti tradizionali,…

22 Dec 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top