since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Terrapin – Killing HF Harlow (Fratto9 Under The Sky, 2012)

Devo ammettere che all’inizio avevo sottovalutato questo disco, infatti si tratta di un lavoro molto calibrato e subito mi ero perso nella parte tecnica, notando che Giovanni Lami e Shaun McAlpine hanno fatto un gran lavoro di processo dei suoni, ma quello che è più notevole è che sono riusciti a creare delle atmosfere molto calde per un genere di musica che dovrebbe essere tutt’altro che caldo. Lami e McAlpine lavorano con suoni digitali ed analogici, distorsioni leggere, sibili digitali e piccoli pulse di basso che puntellano lo spazio sonoro. Questa branca della Fratto9, che ha già dato alle stampe gli ottimi lavori di Alberto Boccardi e di Luca Sigurtà, si dedica a musiche “altre” più vicine a gente come Ben Frost, Oren Ambarchi, alla Touch e a generi che spesso si adattano maggiormente ad una galleria d’arte contemporanea invece che ad una sala da concerto. Non si tratta eslcusivamente di un disco drone e neppure di un lavoro ambientale, infatti, al di là dei tappeti sonori che crea, Killing HF Harlow talvolta trova spazio per micro beat elettronici e per ritmiche appena accennate. E’ un peccato che non avessi sentito parlare di Terrapin prima d’ora, il disco è un ottimo lavoro, a tenere fede alla qualità sonora un mastering di Giuseppe Ielasi che suona quasi come una benedizione, soprattutto se si pensa a dischi come Tools o altri lavori per la 12K in cui Ielasi ha attraversato campi non troppo distanti da questi. Le field-recording non sono mai riconoscibili in quanto tali, quindi non aspettatevi un lavoro a metà fra la sonorizzazione di un documentario o qualcosa in cui il suono sia sovrastato da registrazioni ambientali. Le basse e le frequenze medio acute (molto tenui) la fanno da padrone, ma tutto in modo molto discreto, quindi niente effetto “lasagna” con una sovrabbondanza di strati e neppure un lavoro estremamente freddo. Brani senza troppa fretta di arrivare al climax del pezzo, per un disco con poche melodie che comunque riescono ad essere efficaci.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top