Dream Weapon Ritual – Like A Tree Growing Out Of A Sidewalk (TiconZero, 2009)

Per quel che mi concerne associavo Simon Balestrazzi alla produzione dell’ultimo Bron Y Aur e del disco d’esordio dei Plasma Expander ma in più a quanto pare in curriculum annovera la militanza nei T.A.C., un nome storico dell’elettronica industriale italiana degli anni Ottanta. Non sono molto aggiornato su quali siano stati o no i progetti che l’hanno coinvolto direttamente, resta che in questo nuovo lavoro Balestrazzi torna più freak che mai ed in questi quasi cinquanta minuti ci dà modo di sciogliere il cervello a botte di kraut-psichedel-freakketume con le radici ben piantata nei Settanta.
Credo che la maggioranza dei suoni dei Dream Weapon Ritual non siano campionati ma bensì siano stati registrati live, la resa dell’amalgama mette in luce le migliori qualità di Balestrazzi dietro al bancone del mixer. Le voci fatesche (prevalentemente femminili), i piatti/cymbals e gli strumenti a corde entrano ed escono dallo scenario in modo molto paziente e riprendono sfondi molto vicini a quelli di altri nomi più o meno conosciuti come Jackie O’Motherfuckers diminuiti nella loro componente folk e Xabier Iriondo nei suoi lavori più melodici, con questo non voglio certo dire che si assomiglino ma semplicemente che attraversano gli stessi campi di gioco. Altro referente potrebbero essere certe tracce degli Swans, che visto l’età anagrafica tutto sommato è facile che abbiano influenzato anche il musicista parmigiano e parlando della ditta Gira & Jarboe mi riferisco alle loro cose più acide e rarefatte, quindi non alle tracce ultracicliche, non a quelle depresso-folk e nemmeno al loro periodo “siamo più pesanti di Dio”. Melodie che vanno e vengono in modo posato, suoni e rumori di diversa natura che si alternano all’interno del panorama acustico, riverberi ed ancora riverberi soprattutto nell’ambientazione delle voci e qualche ritmica molto squadrata come in Zero Growth (in realtà solo l’attacco è un po’ quadrato, e per altro potrei anche dire che si tratta dell’unica scoria che può richiamare il psato dei T.A.C.). Like A Tree Growing Out Of A Sidewalk è acido, a tratti cupo e con una buona dose di senso di mistero, ottima produzione e pieno di richiami al passato più sperimentale di gente come Faust e Popol Vuh. Se non vi serve cercare a Portland o a Colonia quello che avete anche sotto al vostro naso potrebbe essere un disco da provare.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Tupolev - Tower Of Sparks (Valeot, 2010)

Nome russo come pure uno dei componenti, ma equipaggio in prevalenza austriaco, tanto che si tratta di un disco fatto…

19 Jan 2011 Reviews

Read more

Paul Beauchamp - Grey Mornings (Boring Machines, 2017)

Temperatura controllata sui 25° per accompagnare il sonno indotto di un viaggio nello spazio. Anni luce sicuramente. Il delicato album…

03 Jul 2017 Reviews

Read more

Fuzz Orchestra – 09/09/10 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

Riparte la stagione concertistica della Locanda (stasera è il terzo appuntamento) e arrivano i Fuzz Orchestra, che già qualche volta…

14 Jul 2010 Live

Read more

Nedry - In A Dim Light (Monotreme, 2012)

Si dice che nel Regno Unito si stia evolvendo una nuova scena musicale tutta dedita a sonorità che, fino a…

12 Apr 2012 Reviews

Read more

Chaos Physique – The Science Of Chaotic Solutions (Jestrai, 2009)

Il nuovo progetto di Amaury Cambuzat, a suo tempo negli Ulan Bator, condiviso con Diego Vinciarelli e Pier Mecca, si…

21 Oct 2009 Reviews

Read more

Mingle & The Land Of The Snow -Vuoto/Leere (Luce Sia,…

C’è in rete un video di Giovanni Lindo Ferretti girato sulle sue montagne, pochi secondi di ripresa e una breve…

20 Jan 2017 Reviews

Read more

Clock DVA – 18/10/2014 Interzona (Verona)

Dopo la data saltata all’ultimo momento la scorsa primavera, finalmente si concretizza la possibilità di vedere i Clock DVA all’Interzona,…

24 Oct 2014 Live

Read more

Lola's Dead – Those Who Read Between The Lines (Autoprodotto,…

Diciamo che, solitamente, quando chi suona decide di cambiare genere, cambia persone con cui suonare. Diciamo anche che ci sono…

24 Mar 2011 Reviews

Read more

Rock And The City - Sex, Drugs & (Fake) Rock…

Perché Chris Robinson è di nuovo single? Che c'entra col punk di New York? Che ruolo ha mai Kate Moss…

02 Sep 2006 Articles

Read more

Quasi per caso... in Islanda

Lassù è un po' come trovarsi ai confini del mondo: te ne accorgi dal paesaggio, lo senti dal vento artico,…

27 Sep 2006 Articles

Read more

Comaneci - You A Lie (Madcap Collective/Fooltribe/Here I Stay, 2009)

I Comaneci riducono l'organico, sono ora solo Francesca Amati e Glauco Salvo ed escono dalla cura dimagrante più in forma…

30 Oct 2009 Reviews

Read more

Fukjo - La Musica, Il Mare E La Deriva Occidentale…

Raffinato shoegaze nineties per questo inaspettato duo pugliese (Cerignola) che seppur dedito ad un cantato italiano nulla ha da invidiare…

02 Mar 2020 Reviews

Read more

Autoblastingdog - HermesLyre (Autoprodrodotto, 2010)

Non male davvero l'esordio di questi quattro giovanotti sperduti nei monti amiatini. La forza d'urto è notevole e, nonostante…

28 Aug 2010 Reviews

Read more

Aucan + Cheap Orchestra - 27/03/10 Interzona (Verona)

Non è molto che abbiamo avuto occasione di parlare degli Aucan dal vivo: circa otto mesi, solitamente insufficienti a registrare cambiamenti…

28 Mar 2010 Live

Read more

The White Mega Giant - TWMG (Shyrec, 2014)

Tornano i The White Mega Giant dopo l'ottimo biglietto da visita di Antimacchina, una sorta di fotografia di ciò che…

22 Sep 2014 Reviews

Read more

Chupaconcha - Mmxi Annus Conchae (Tan, 2010)

Non so se nel caso di questo duo parlerei di "fuga dei cervelli", semmai essendo un duo batteria-tromba parlerei di…

23 Apr 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top