Dream Weapon Ritual – Like A Tree Growing Out Of A Sidewalk (TiconZero, 2009)

Per quel che mi concerne associavo Simon Balestrazzi alla produzione dell’ultimo Bron Y Aur e del disco d’esordio dei Plasma Expander ma in più a quanto pare in curriculum annovera la militanza nei T.A.C., un nome storico dell’elettronica industriale italiana degli anni Ottanta. Non sono molto aggiornato su quali siano stati o no i progetti che l’hanno coinvolto direttamente, resta che in questo nuovo lavoro Balestrazzi torna più freak che mai ed in questi quasi cinquanta minuti ci dà modo di sciogliere il cervello a botte di kraut-psichedel-freakketume con le radici ben piantata nei Settanta.
Credo che la maggioranza dei suoni dei Dream Weapon Ritual non siano campionati ma bensì siano stati registrati live, la resa dell’amalgama mette in luce le migliori qualità di Balestrazzi dietro al bancone del mixer. Le voci fatesche (prevalentemente femminili), i piatti/cymbals e gli strumenti a corde entrano ed escono dallo scenario in modo molto paziente e riprendono sfondi molto vicini a quelli di altri nomi più o meno conosciuti come Jackie O’Motherfuckers diminuiti nella loro componente folk e Xabier Iriondo nei suoi lavori più melodici, con questo non voglio certo dire che si assomiglino ma semplicemente che attraversano gli stessi campi di gioco. Altro referente potrebbero essere certe tracce degli Swans, che visto l’età anagrafica tutto sommato è facile che abbiano influenzato anche il musicista parmigiano e parlando della ditta Gira & Jarboe mi riferisco alle loro cose più acide e rarefatte, quindi non alle tracce ultracicliche, non a quelle depresso-folk e nemmeno al loro periodo “siamo più pesanti di Dio”. Melodie che vanno e vengono in modo posato, suoni e rumori di diversa natura che si alternano all’interno del panorama acustico, riverberi ed ancora riverberi soprattutto nell’ambientazione delle voci e qualche ritmica molto squadrata come in Zero Growth (in realtà solo l’attacco è un po’ quadrato, e per altro potrei anche dire che si tratta dell’unica scoria che può richiamare il psato dei T.A.C.). Like A Tree Growing Out Of A Sidewalk è acido, a tratti cupo e con una buona dose di senso di mistero, ottima produzione e pieno di richiami al passato più sperimentale di gente come Faust e Popol Vuh. Se non vi serve cercare a Portland o a Colonia quello che avete anche sotto al vostro naso potrebbe essere un disco da provare.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gianni Mimmo/Harri Sjostrom - Live At Bauchhund, Berlin 2010 (Amirani,…

Ennesimo ritorno di Gianni Mimmo, non che se ne fosse mai andato, anzi, se ci fosse anche solo una qualità…

13 Sep 2011 Reviews

Read more

H!U/Stelvio – Pulsatilla (Casetta/Subincision/Light Item, 2018)

Il percorso artistico di H!U – giunto alla quinta tappa - si fa stavolta meno solitario grazie a Stelvio, che…

09 Jul 2018 Reviews

Read more

Golden Gurls - Typo Magic (Damnably, 2013)

Non saprei dire se il nome è una storpiatura di una vecchia serie televisiva statunitense ma certo è che il…

08 Jul 2013 Reviews

Read more

Messa In Piaga - S/T (Autoprodotto, 2013)

Ennesima sbrodolatura scatologica per Hugo Bandannas ed Alessandro Scotti arrivati qui finalmente dopo mille sforzi ai minimi storici. Del…

14 Jan 2014 Reviews

Read more

Victor Bockris - Keith Richards (Omnibus Press, 2006)

Provvidenziale, questo ristampone in paperback piuttosto economico che la Omnibus sforna a 14 anni dalla prima uscita del volume originale.…

10 Dec 2006 Reviews

Read more

Le Carogne - S/T (Autoprodotto, 2011)

Un terzo di beat, uno demenziale e uno rocchenrol. Certamente il vecchio Pierpaolo De Iulis li farebbe entrare…

21 Sep 2011 Reviews

Read more

Il Buio - L'Oceano Quieto (Autunno Dischi/To Lose La Track,…

Dopo un esordio fulminante con il 12" del 2012 e il notevole 7" dell'anno scorso a conferma ulteriore dei numeri…

27 Mar 2013 Reviews

Read more

Six Organs Of Admittance - Ascent (Drag City, 2012)

Avevamo già scritto di Ben Chasny, mente dei prolifici (anche troppo dalla quantità di album in uscita: 13, disco…

18 Sep 2012 Reviews

Read more

Lady Vallens – Phemur (Second Family, 2012)

Tornano i Lady Vallens, stavolta con un disco intero, dopo l'EP che recensimmo un paio di anni orsono. Se là…

25 Jan 2013 Reviews

Read more

Merzbow – MONOAkuma (Room40, 2018)

Se un amico neofita mi chiedesse 10 dischi fondamentali per comprendere il genere noise, tra quei dieci ce ne sarebbero…

13 Dec 2018 Reviews

Read more

Compoundead – Cutting Your Certainty (Sincope, 2012)

Texture di grigi su nero sgranate, attraversate da linee e graffi, sporcate da macchie circolari. Cutting Your Certainty potremmo recensirlo…

22 Feb 2013 Reviews

Read more

Bilk - This Bilk Is Radioactive (Moonlee, 2006)

Un gruppo croato il cui disco è uscito nel 2006 su sodapop? Sono in effetti due anni che mi zampetto…

20 Feb 2008 Reviews

Read more

Bobby Soul - Draghi Rossi & Buchi Neri (Autoprodotto, 2007)

Strana compilation questa, nel senso che di solito i remix seguono gli album veri e propri, ma raramente, come in…

21 Feb 2008 Reviews

Read more

Ventura - Ultima Necat (Africantape/Vitesse, 2013)

Ennesimo mattoncino Africantape sul già alto e forte muro. A questo giro, trattasi di trio svizzero - di Losanna per…

06 May 2013 Reviews

Read more

Bill Dolan / JBe Split 7" (Sixgunlover, 2010)

Che se c'è un gruppo che non ho mai capito perchè non è capostipite di una filiazione di dei in…

20 May 2010 Reviews

Read more

Billy Torello – Ultime Notize Dalla Tartaruga, Chitarra Vol. 2…

Il fingerpicking non è una cosa nuova, tutt'altro, ma dalle nostre parti, contrariamente a quanto accade altrove, è un genere…

11 Dec 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top