Ascanio Borga – Xenomorphic (Afe, 2009)

È proprio quando do le cose per scontate che mi capita di venire smentito, ma ho finalmente capito che sono gli alieni che mi mandano messaggi come a Perry Farrel, se la qual cosa accade in occasione di un disco, beh, c’è sia da stupirsene che da esserne felici, forse non sono ancora inchiodato ai mie preconcetti (o almeno non del tutto). Ennesima riprova di quanto detto è il nuovo lavoro di Ascanio Borga su Afe, avevo delle buone aspettative dato che i primi due dischi erano molto ben fatti, ma direi che seguendo una progressione dal primo lavoro all’ultimo questo rappresenti un gran salto di qualità. Borga era partito facendo dark-ambient ed in un certo senso è rimasto coerente all'idea, ma l'estetica è cambiata parecchio, innanzitutto direi che ha finito per introdurre gradualmente sempre più suoni di chitarra riconoscibili e in questo caso ha assemblato un disco di fronte a cui ci si può togliere il cappello senza indugi. In un certo senso il musicista romano per cercare la propria identità si è guardato alle spalle e non di fianco, quindi niente drone-ambient di quart'ordine alla Sunn o))) o black metal dei poveri e cazzate del genere, a tratti ci si ritrovano scorie di Robert Rich, ambient e isolazionismo del periodo d'oro di etichette e di circuiti che partorivano Muslimegauze, Extreme, Amplexus, Fripp, Measure for Measure, Hic Sunt Leones, Alio Die, Amon, Murizio Bianchi e giù di lì. Verrebbe naturale pensare che questo quindi sia un disco "vecchio" ed invece no, ha semplicemente un gusto retrò, quello di sicuro, ma è un disco parecchio maturo tanto che basterebbero le prime due tracce per giustificarne l’acquisto. Percussioni tenute sul fondo, droni morbidi e micro melodie, tappeti cupi e ambientazioni semplicemente intime ma non necessariamente cupe. Un album molto ben prodotto e ricco di suoni che vanno dalle chitarre trattate ai bassi, ai sintetizzatori, carillon, campioni, oggetti e tutto nei termini in cui sia necessario per il disco. Un lavoro che per quel che mi riguarda ha tutto quello che si può ancora trovare di bello in un disco ambientale/ambientoso nonostante si tratti di un circuito tanto per cambiare saturo di mateirale (di cui molto scadente). Proprio di recente mi era capitato di sentire un gran bel lavoro di Markus Reuter insieme a Robert Rich e di pensare che per quanto certi suoni o certe melodie (o più che altro certi percorsi) siano stati molto battuti, la differenza di livello c'è e si sente ancora e anche nel caso di Borga direi che ci sia poco da commentare in merito visto la fattura del disco salta subito all’orecchio. Drone ambient a tratti cupa, a tratti depressa ma sempre profonda come la gola di Linda Lovelace "…una vita per il cinema".

Tagged under: , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Filtro – Riflesso (Upside Down, 2017)

Filtro nasce dall’incontro fra Angelo Bignamini (Lucifer Big Band, The Great Saunites) e Luca De Biasi (Satantango, Vhd Vhd) e…

10 Jul 2017 Reviews

Read more

Plunkett - 14 Days (Autoprodotto, 2006)

Lascia perdere le tue “10 ragazze per me”. Piuttosto, 14 giorni ti posson bastare? Ne mancano proprio 14 alla fine…

16 Dec 2006 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – It's Not Jazz, It’s Worse (Auand, 2016)

Se non apprezzassimo da tempo gli Swedish Mobilia – il trio composto da Andrea Bolzoni alla chitarra ed elettronica, Dario…

21 Mar 2017 Reviews

Read more

Anders Vestergaard & Finn Loxbo - Saint Erme (Gikt, 2019)

Continua la collaborazione tra il chitarrista svedese Finn Loxbo e il batterista danese Anders Vestergaard, che già con il precedente…

23 Aug 2019 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 4 (30/10/14)

Quarta puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con l'ospite speciale Andrea Ics Ferraris che…

03 Nov 2014 Podcasts

Read more

Trapcoustic - Rugiada (Tape, Union Editions 2022)

Registrare la prima parte di una trilogia dei fenomeni il giorno di natale, nel 2020, dà un tono al proprio…

06 Mar 2022 Reviews

Read more

Chevreuil - Fils Unique 7" (Collectif Effervescence, 2007)

Math rock strumentale, un duo chitarra e batteria, per di più registrato al solito in modo impeccabile in presa diretta…

23 Jan 2007 Reviews

Read more

Skull Defekts - Skull Defekts (Thrill Jockey, 2018)

Non saprei sinceramente rispondere alla domanda se questo sia o meno l’album più bello degli Skull Defekts e credo che…

07 Jun 2018 Reviews

Read more

VV. AA. - Éxotic Ésoterique Vol. 2…

Mi allineo totalmente ai Bloody Riot (e ai Colonna Infame Skinhead, Pinta Facile, Tear Me Down): odio i freakkettoni e…

26 Apr 2017 Reviews

Read more

Luca Formentini - Intra (Subcontinental, 2022)

È impossibile isolarci dal mondo che ci circonda. È però molto semplice immergerci, in un contesto, in una situazione, in…

01 May 2022 Reviews

Read more

This Will Destroy You - Tunnel Blanket (Monotreme, 2011)

"Post-rock will never die...but you will" giusto per menzionare il titolo dell'ultimo Mogwai ed anche per iniziare a mettere le…

31 Mar 2011 Reviews

Read more

Lite - Filmlets (Transduction, 2007)

I giapponesi hanno una cultura che non sono mai riuscito a capire bene: riescono a inglobare elementi dall'esterno in modo…

26 Jan 2007 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Embracing the Unknown (Torto, Marsiglia 2021)

Un sonaglino, la chitarra che si fa sentire, limpida, agra…poi parte la voce di Davide Cedolin e 70 anni di…

08 Feb 2022 Reviews

Read more

St.Ride - Tutto Va Bene (Niente, 2011)

Con Tutto Va Bene a nome St.Ride si chiude il trittico di dischi Niente del 2011, sempre ad opera del…

30 Jan 2012 Reviews

Read more

Jon Rune Strøm Quintet - Fragments (Clean Feed, 2018)

Molto particolare la scelta del norvegese Jon Rune Strøm, già attivo negli interessanti Friends And Neighbors e Universal Indians, nonché…

19 May 2018 Reviews

Read more

Kleistwahr - Music For Zeitgeist Fighters (Nashazphone, 2017)

Questo è il quarto disco dal ritorno sulle scene di Gary "Ramleh" Mundy con uscite a nome Kleistwahr e devo…

15 Sep 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top