Whiting Tennis – Three Leaf Clover (Tarnished, 2007)

Non so se c'è qualcuno tra di voi che sia come me. Nel caso mi capirete e capirete questa recensione. Per gli altri, cercate di capirci, siamo iperattivi. La necessità di vedere progetti in piedi belli e finiti, cosa fatta capo ha, spesso mi porta sbrigativamente a pressare per chiudere i discorsi e le azioni senza eccessivi indugi.
Forse è una sorta di malsano collezionismo, quello delle cose fatte. Forse è solo una forma di amatorialità e dilettantismo. Forse è solo la paura di essere o diventare un puntiglioso e metodico maniaco ossessivo, di quelli che cercano di progettare le viti dei cessi nei piani urbanistici. Sia come sia, se ci credete, pare che questo disco dell'artista contemporaneo Whiting Tennis sia un demo.
Immagino la vita di un artista come fatta da grandi momenti di libertà e tanto, tanto, tempo libero. Perchè non metter su un gruppo allora? Viste alcune delle opere, assai materiche, del soggetto in questione e ascoltato questo disco, mi rendo conto che il giovane ha delle potenzialità espresse, assai prossime ai campi e all'agricoltura, se non altro come immaginario. Mi si diceva che in America cantautori come questi crescono sugli alberi. Un'accorta e minimale produzione rurale, i barn sullo sfondo, l'odore del legno. Oh, che dire, il disco c'è, le canzoni pure. Il vocino da Neil Young educato è impostato e arriva al limite del plagio su The Golden Spike e in Louisiana Donut Counter Man. Steel guitar a manetta su chitarre acustiche. Probabilmente avrebbe potuto impiegare meglio il tempo e lavorare di più per discostarsi dalle sue tradizioni, visto anche il suo spessore artistico. Quanto meno avrebbe dovuto riprendere questi brani e provare a decostruirli un po' in studio, come fa con le sue opere. Così come sono hanno la sufficienza, ma solo per il materiale in sè, non certo per la forma, così scontata. Harvest ha più di trent'anni: spero ardentemente che il folk americano continui a muoversi oltre e non vi si arrocchi più come mera giustificazione di compiutezza.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gerstein – Live Radio Blackout 1999 (Luce Sia, 2016)

È uno dei nomi storici della musica di ricerca nostrana quello di Gerstein, sigla dietro cui si nasconde il torinese…

22 May 2017 Reviews

Read more

The Poison Arrows - First Class, And Forever (File Thirteen,…

Bastano pochi istanti per riconoscere la voce, per me inconfondibile, di Justin Sinkovich, a suo tempo frontman degli Atombombpocketknife, autori…

05 Oct 2009 Reviews

Read more

Non Voglio Che Clara - s/t (Aiuola, 2006)

Ad un certo punto della nostra vita, fin qui breve, ci si trova, nei propri vent'anni, a fare i conti…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Garaliya – Reforged (Morte, 2014)

Garaliya è un duo in cui uniscono le forze Lin dei Morkobot e il misterioso (e impronunciabile) Mzky. Generalmente dediti…

14 Oct 2014 Reviews

Read more

Anelli/Beauchamp/Cauduro - Sometimes Someone Watches (LTD CD, Chierichetti 2022)

Di primo acchitto sembra di sentire il suono di un serpente agitarsi, poi il suono si accartoccia al buio, matenendo…

14 Jun 2022 Reviews

Read more

The Machine – Redhead (Rekids, 2010)

Matt Edwards (già Radio Slave e Rekid – un album su Soul Jazz con questo secondo pseudonimo), esordisce con la…

21 Jan 2011 Reviews

Read more

oRSo - Ask Your Neighbor (Contraphonic, 2008)

"Molta della musica che ascolto oggi mi delude in maniera sorprendente perché è così dannatamente noiosa. Manca completamente di... bè,…

17 Sep 2008 Reviews

Read more

Alessandro Fiori - Mi sono perso nel bosco ( 42,…

Perdersi nel bosco può essere una cosa tremenda oppure bellissima. Scatenare il panico oppure aprire porte inaspettate. Alessandro Fiori mi…

12 May 2022 Reviews

Read more

Newdress - Newdress (Kandinsky, 2010)

Quando si infila nel lettore un cd che si presenta così ben confezionato (illustrazioni di Mirko Pellizzoli, packaging e grafica…

19 Jan 2011 Reviews

Read more

Video Diva - Inetticho (Autoprodotto, 2009)

Per quanto non sia bello identificare un gruppo con uno di quelli che ne fanno parte a volte è necessario…

11 Apr 2009 Reviews

Read more

L'Ultimo Disco Dei Mohicani, intervista a Maurizio Blatto

Una varia umanità che spazza via qualsiasi noiosa "pippa" da appassionati di musica. La negazione assoluta di qualsiasi nozionismo musicale fatto apposta…

22 Feb 2011 Interviews

Read more

Kinit Her - The Poet & The Blue Flower (Avant!,…

Una sorta di avvicinamento (super) uomo/natura, testa fra le nuvole, seduto su vette altissime e purissime: questa la copertina (opera…

18 Oct 2013 Reviews

Read more

Rock And The City - Freak è Davvero Così Chic?

Del baccano gonfiato a steroidi di carta e inchiostro chiamato new (weird) folk si comincia, complice lo scorrere impietoso delle…

01 Oct 2006 Articles

Read more

Erdem Helvacioglu - Wounded Breath (Ancourant, 2009)

Altro gradito ritorno, infatti come qualcuno di voi si ricorderà avevamo recensito questo compositore turco in occasione del suo lavoro…

06 Sep 2009 Reviews

Read more

Picastro - Become Secret (Block Recording Club/Monotreme, 2010)

La voce di Liz Hysen non si dimentica facilmente e anche se non ho seguito più i Picastro dal loro…

04 Mar 2010 Reviews

Read more

Intervista ai Giuda

Street rock and roll al fulmicotone antemico e ballabilissimo. Come già suggerito in sede di recensione l'esordio a trentatré…

28 Nov 2011 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top