Zero Centigrade – Unknown Distance (Audio Tong, 2010)

Credo che non mi stancherò mai di ripetere quanti dischi rimangano sommersi nel mare di uscite che saturano un mercato in cui tralaltro a volte non si vende davvero nulla: entrambe le cose sono un peccato, tanto di più quando si tratta di lavori come questo. Gli Zero Centigrade per di più sono i napoletanissimi Tonino Taiuti alla chitarra elettrica e Vincenzo De Luce alla tromba, il che mi porta a diverse considerazioni: innanzitutto sullo splendido stato del giro impro partenopeo ed in secondo luogo sul fatto che per quanto le riviste non diano spazio (o quanto meno non quello meritato) alla gente che opera in quest'ambito in Italia, molti si stanno sparando delle collaborazioni di tutto rispetto o uscite per etichette di serie A come la Audio Tong di Krakovia che fra gli altri annovera anche dei dischi dei Faust… se vi sembra poco.
Passando al disco e a quello che contiene, per quanto mi aspettassi un lavoro interessante si tratta di materiali che sono andati ampiamente oltre alle mie più rosee aspettative e questo è dovuto al fatto che Taiuti e De Luce non si sono nascosti fra le dissonanze e i fraseggi zoppi, i suoni appena accennati, le strozzature e le storpiature che fanno tutti e che spesso riducono più di metà dei lavori improvvisativi e di elettro-acutica ad una fotocopia carta carbone. In un certo senso i due partenopei hanno dimostrato di avere quello che un loro concittadino illustre chiamava " 'o bblues". Certo, non immaginiate si tratti di un disco facile facile che potrebbe essere accessibile a tutti e men che meno roba veramente blues, resta che sentendo le frammentazioni e le dissonanze di Taiuti e De Luce ho avuto la stesa impressione che ebbi quando ascoltai Play di Derek Bailey: uno ad improvvisare in questo modo non ci arriva di colpo, ma per gradi e scusate se è poco. La chitarra acustica di Taiuti del buon Derek porta qualche traccia ma lavora in modo molto più morbido, anzi, il napoletano non ha paura di indugiare su quelle che sono realmente delle melodie, cosa che in quest'ambito è simile al fegato che ci vuole per bestemmiare in una moschea. De Luce pur soffiando nel suo strumento in modo molto radicale è degno compare del suo socio e crea ambientazioni quasi suggestive, il che ripeto non è per nulla scontato in un ambito del genere. Un disco bellissimo, tanto di più se molti dischi del genere vi avevano frantumato i coglioni. "Napule è nu sole amaro" diceva sempre quel tizio menzionato prima.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Noise Of Trouble – Distopia (Brigadisco, 2012)

La recensione dell'ultimo album dei Mombu sul fondamentale blog Il Teatrino Degli Errori, recitava "Fra le tante, citiamo tre piaghe…

31 Jan 2013 Reviews

Read more

Caligine - II 3” (Monstre Par Exces, 2009)

Ho tardato tanto a fare la recensione del debutto dei Caligine che hanno fatto in tempo a mandarci il secondo…

30 Apr 2009 Reviews

Read more

Skull Defekts - Skull Defekts (Thrill Jockey, 2018)

Non saprei sinceramente rispondere alla domanda se questo sia o meno l’album più bello degli Skull Defekts e credo che…

07 Jun 2018 Reviews

Read more

Hypershape Records. Una chiacchiera..

Hypershape è un’etichetta discografica italiana, gestita al momento da Michele Basso e Giorgio Salmoiraghi. I due (ovviamente) loschi figuri non…

20 Mar 2022 Interviews

Read more

Drink To Me - Don’t Panic, Go Organic (Midfinger, 2008)

Esordio ufficiale per i canavesani Drink To Me, dopo una serie di cd-r per la personale etichetta Stuprobrucio. Meno naif…

27 Apr 2008 Reviews

Read more

The Fresh & Onlys - S/T (Castle Face, 2008)

Ultimamente sono ossessionato dalla teoria dell'estinzione del rock entro e non oltre i prossimi trent'anni. E visti i prodromi…

17 May 2009 Reviews

Read more

MDF - Horvs (Farmacia901/MidiD'unFaune, 2010)

Insieme alla splendida uscita di Kaeba, Farmacia901 insieme a MidiD'unFaune licenzia questo disco degli MDF che esce con grafica corredata di blocchetto…

16 Jan 2011 Reviews

Read more

R.U.G.H.E. - S/T (Niente, 2009)

Non amo molto il radical minimalismo delle edizioni Niente, però non c'è dubbio alcuno che l'etichetta fondata dagli St.ride fornisca…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Polite Sleeper - Lake Effect (Expect Candy, 2009)

Già di spalla a Parenthetical Girls e Wavves (con cui condividono poco come sonorità) e con un passato hc-punk…

24 Oct 2009 Reviews

Read more

Balmorhea - All Is Wild, All Is Silent Remixes (Western…

É la seconda volta che mi trovo a recensire un disco di questo gruppo americano per Sodapop, nel primo caso…

01 Sep 2009 Reviews

Read more

The Swans + Xiu Xiu – 23/03/13 Interzona (Verona)

E venne il giorno, anzi, la notte degli Swans, inevitabilmente fredda e piovosa nonostante la primavera già ufficialmente iniziata da…

29 Mar 2013 Live

Read more

Salomè Lego Playset - So Much Was Lost In The…

La Spettro Rec. di Bologna è una giovane e attivissima net-label che nel giro di un anno ha già messo…

03 Feb 2012 Reviews

Read more

2000 - 2010: non è successo niente?

Ultimamente imperversa l'irritante campagna mediatica che accompagna l'uscita dell'ultimo libercolo del signor Simon Reynolds. Un critico, che nella musica di…

08 Oct 2011 Articles

Read more

Levis Hostel - Star Bell Jar (Persian Surgery, 2009)

"Lo spirito del Natale ci ammorberà fino alla prossima estate", questo sottotitolo accompagna l'esordio dei pescaresi Levis Hostel dopo il…

20 Dec 2009 Reviews

Read more

Nora Prentiss - They Made Mistakes Too (Lizard, 2017)

Magmatico esordio per questi fiorentini ammaliati tanto dai King Crimson quanto dall'evoluzione della specie. I Nora Prentiss hanno talmente tante cose da…

12 Apr 2017 Reviews

Read more

Climat - Iccopoc Papillon (Autoprodotto, 2016)

Suonare post - math - rock nel 2016? Completamente fuori tempo massimo mi direte! Ma i Climat, con due axeman…

05 Oct 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top