Zeno Gabaglio/Andrea Manzoni – Gadamer (Altrisuoni/Radiosvizzera, 2008)

Per fortuna invecchiando oltre a rincoglionirmi sono diventato due righe (non tanto, ma giusto due righe) meno affrettato, quel tanto che basta per superare l’opening track di questo disco, che sinceramente tutt’ora mi sembra la traccia meno riuscita di tutto il lotto. Zeno Gabaglio e Andrea Manzoni sono due jazzisti e oltre che dal curriculum lo si capisce dal disco stesso, non che ci voglia un genio per realizzare questa cosa, ma lo dico solo perché nonostante batterie elettroniche, i suoni più o meno sintetici e tempi dritti che a volte sfiorano la disco, il background esce fuori come in quasi tutti i casi.
Non è una cosa per nulla negativa infatti per quanto non si tratti di un disco particolarmente sperimentale e per quanto la produzione sia fin troppo laccata (e non è sempre un bene), proprio le tracce più fusion e con più groove jazz fusion “fredde” sono quelle che scorrono meglio e che da un lato fanno scivolare al meglio il pianismo jazzy di Manzoni e dall’altra stemperano un po’ alcune folate para-ambient che per quanto piacevoli a volte suonano un po’ fuori fuoco, quanto meno nei suoni retrò (ambient periodo 80-90). Al di là dei tecnicismi che tutto sommato è lecito aspettarsi da due ottimi musicisti, il disco è molto piacevole, ma vive di momenti altalenanti fra groove molto piacevoli oltre che ascoltabili e sonorizzazioni di filmati in un certo senso tradizionali nonostante qualche uscita dai ranghi. Post-rock sì, meno “free-improvisation” (cito il portfolio del disco), certo dei bei divertissment in cui si lasciano andare, ma un po’ pochi per essere free, sia in senso di free-jazz sia in quello di impro-radicale…anzi il canovaccio in un certo modo c’è e viene rispettato, tant’è che è un disco per lo più dritto anche nel modo in cui si sviluppa e non è negativo infatti si fa ascoltare con facilità da parte di chiunque. Assecondano il mio gusto personale dovrei dire che le tracce più riuscite siano quelle come la scarna les piano norges, ma credo che invece Gabaglio e Manzoni vadano più a segno quando lasciano fluire più naturalmente la loro estrazione musicale. Ribadisco, a dispetto del titolo non si trova traccia alcuna di mattonata filosofico-ebraica-post-heddeggeriana, ma bensì una sonorizzazione estemporanea con chiari richiami di musica jazz, elettronica da club, colonne sonore, fusion e ambient nel senso più classico del termine. Non sempre a segno ma molto piacevole.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Luminance Ratio / Steve Roden - Split 7" EP (Fratto9…

Mini in coproduzione tra la Fratto9 Under The Sky di Gianmaria Aprile e la Kinky Gabber di Luca Sigurtà (qui…

17 May 2012 Reviews

Read more

Drink To Me – Brazil (Unhip, 2010)

Brazil, secondo album del trio eporediese, segna un’evoluzione netta rispetto al precedente Don’t Panic Go Organic. Abbandonate quasi completamente le…

10 Mar 2010 Reviews

Read more

Stefano De Ponti - Like Lamps On By Day (Old…

Under My Bed e Old Bicycle uniscono le forze per dare alle stampe, su cassetta e CD-R con diversa grafica…

11 Mar 2014 Reviews

Read more

Miss Massive Snowflake - Queen's Headache (Northpole, 2008)

Proprio di recente ho avuto il grande piacere di ascoltarmi in anteprima l'ultimo Rollerball e per l'ennesima volta mi sono…

20 Mar 2008 Reviews

Read more

Alberto Boccardi – Fingers (Important/Cat|Sun, 2015)

Alberto Boccardi si dà al rock? A chi ricorda le sue prime esibizioni, dove armeggiava con le macchine imbracciando l’inseparabile…

10 Sep 2015 Reviews

Read more

L'Inverno Della Civetta - S/T (DreaminGorilla/Greenfog/Taxi Driver, 2014)

L'Inverno Della Civetta è il primo documento che testimonia la collaborazione tra tutti quegli artisti che da anni orbitano intorno…

28 Apr 2014 Reviews

Read more

Swedish Mobilia/Luca Aquino – Did You Hear Something? (Leo, 2013)

Tornano i tre Swedish Mobilia per la seconda uscita sulla mitica etichetta di Leo Fegin, e il combo nostrano non…

29 Nov 2013 Reviews

Read more

Father Murphy - Anyway, Your Children Will Deny It (Aagoo,…

Dimenticare tutto quello che si sa, affrontare un disco senza tener conto di nome e storia dell'autore, sarebbe talvolta (se…

23 Apr 2012 Reviews

Read more

Di Domenico/Henriksen/Yamamoto - Clinamen (Off/Rat, 2011)

Ecco un gran bel disco alla faccia del jazz che non si muove, di quello che resta statico e legato…

08 Jun 2011 Reviews

Read more

Paal Nilssen-Love - New Brazilian Funk / New Japanese Noise…

Spesso è difficile seguire con attenzione scene tanto produttive come quella improvvisativa, fatta di infinite occasioni di confronto e innumerevoli…

14 May 2019 Reviews

Read more

You Are Here - As When The Fall Leaves Trees…

Ispirato dai suoni di band a mente unica quali M83 e Apparat, il trio romano You Are Here cerca…

27 Mar 2012 Reviews

Read more

Herba Mate - The Jellyfish Is Dead And The Hurricane…

La grafica e le note biografiche mi facevano ben sperare per questi Herba Mate. Le radici emiliane accompagnate da un…

28 Oct 2010 Reviews

Read more

Plaster – Platforms (Kvitnu, 2011)

Vi ricordate di Kaeba? Io sì, si trattava di un esordio in ambito elettronico di un ragazzo piuttosto giovane, l'avevo…

09 Feb 2012 Reviews

Read more

Jealousy Party - Live (Fratto9 Under The Sky/Barlamuerte/Megaplom/Burp/etc., 2010)

In questo caso si tratta di un buon live con cui si auto-celebra un gruppo storico della musica free di…

21 May 2010 Reviews

Read more

Kleistwahr - Music For Zeitgeist Fighters (Nashazphone, 2017)

Questo è il quarto disco dal ritorno sulle scene di Gary "Ramleh" Mundy con uscite a nome Kleistwahr e devo…

15 Sep 2017 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top