Xabier Iriondo – Irrintzi (Brigadisco/Wallace/Phonometak/Santeria e altre, 2012)

Il primo album solista di una delle figure più presenti, in molteplici vesti, nel giro indipendente italiano è certamente un evento, che viene onorato con un insolito doppio vinile in cui ogni disco presenta un lato inciso e uno serigrafato: sul primo troviamo pezzi originali, sul secondo cover. Ad accompagnare il musicista sono, di volta in volta, i compagni di tante passate (e future) avventure. L’operazione è ad alto rischio autocelebrazione, e in effetti la cosa non viene del tutto elusa, ma l’album riserva comunque qualche sorpresa. Irrintzi è concepito come un autoritratto che mostri le molteplici facce di Xabier Iriondo, così come le sue fonti d’ispirazione, sacrificando la scorrevolezza dell’ascolto a favore di un percorso a zig-zag che contribuisce a integrarne la discografia e la biografia, andando a colmare alcuni vuoti.
Diversi dei pezzi presenti ci dicono cose risapute, ma che fa piacere risentire; è il caso dell’ottimo avant-blues de Il Cielo Sfondato (con Paolo Tofani alla chitarra sinth e Gianni Mimmo al sax), che evoca i Polvere, di una distortissima Irrintzi, in quota Uncode Duello e della motorheadiana The Hammer, resa weird con l’aiuto di Stefania Pedretti, ormai assidua collaboratrice del nostro, alla voce e Bruno Dorella alle percussioni. Nota è anche la sua passione per Springsteen, tributato in una Reason To Belive (cantata da Paolo Saporiti) che pare un fuzz remix e non sarebbe dispiaciuta ai Suicide (e quindi nemmeno all’autore di Nebraska), ma che richiama inevitabilmente anche gli Afterhours di Milano Circonvallazione Esterna. Sempre alla band milanese, ma al periodo anglofono e più veemente, rimanda la non irresistibile versione di Cold Turkey del Lennon solista e non è un caso che ci troviamo dentro Manuel Agnelli, Giorgio Prette e Roberto Dell’Era. Discorso diverso per la medley fra la Preferirei Piuttosto del geniale e misconosciuto Francesco Currà e Gente Per Bene, Gente Per Male di Lucio Battisti, che rappresenta uno dei picchi della raccolta: ripresa pari pari la prima (fino a far pensare si tratti di un campionamento), il brano battistiano è invece reso in puro stile Shipwreck Bag Show, rivelando il punto di partenza e di ipotetico arrivo di questo progetto, un paradossale pop autoriale, al contempo melodico e ostico; stavolta ad accompagnare Iriondo sono Cristiano Calcagnile alla batteria e Roberto Bertacchini alla voce. Note sono anche le origini basche di Iriondo, ma non si erano mai manifestate in maniera così evidente; qui invece i titoli in lingua euskara contraddistinguono i momenti meno risaputi e più toccanti. Oltre al già citato brano eponimo, ne portano i segni il raga di Elektraren Aurreskua, tutto ritmi acustici (ad opera di Gaizka Sarrasola), field recording ed elettronica e la narrazione ad opera del padre del musicista, accompaganta dal Mahai Metak, di Gernika Eta Bermeo, che fissa per la prima volta su disco le atmosfere che conosciamo dalle esibizioni in solo. Infine, l’inno di lotta dell’indipendentismo basco Itziar En Semea è rivisto ancora una volta a colpi di chitarrismo fuzzoso e slabbrato, con tutta evidenza il suono più presente dell’album, elemento in qualche modo unificante, che non a caso contraddistingue i due migliori progetti di Iriondo, i già citati Uncode Duello e Shipwreck Bag Show. Tirando le somme, Irrintzi è un disco che non ci dice nulla di nuovo, ma lo fa benissimo, annoverando tra l’altro alcuni dei migliori brani mai composti e/o eseguiti (nel caso delle cover) di tutta la carriera di Iriondo.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Roncea & The Money Tree - S/T ep (Electric Cave/Canalese…

Nicholas Roncea ha pubblicato un paio di anni fa Eight Part One, un album molto bello che, in teoria doveva…

14 Sep 2016 Reviews

Read more

Golem Mecanique - Nona, Decima et Morta (Ideologic Organ, 2020)

Golem Mecanique è il monicker della francese Karen Jebane che approda sulla Ideologic Organ della Editions Mego con il nuovo…

08 Apr 2020 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi/Pharmakustik - Metaplasie (Naked Lunch, 2014)

Continuano ad uscire con ritmi indiavolati dischi di Maurizio Bianchi, principalmente collaborazioni: questa con Pharmakustik/Siegmar Fricke ha il sapore della…

13 May 2015 Reviews

Read more

Offlaga Disco Pax + Apash 2012 - 18/01/13 Circolone (Legnano…

E quindi si inaugura l'anno nuovo con un live dal sapore un pò - almeno per me - antico. Offlaga…

08 Feb 2013 Live

Read more

Patton – Hellénique Chevaleresque Récital (Matamore/Prohibited, 2009)

Mi ricordavo dei belgi Patton dai tempi di JR For Jaune Rouge, del 2000, spigoloso disco noise decisamente interessante, per…

23 Oct 2009 Reviews

Read more

Above The Tree – Into The Nature EP (Musica Per…

Ho già incontrato Above The Tree, nome dietro il quale si nasconde Marco Bernacchia, un paio di volte in passato,…

19 Sep 2011 Reviews

Read more

Words And Actions - Time Can't Be Turned Back (Final…

Dopo tre anni i vita i Words And Actions si arrendono all'ormai vetusto formato CD: Final Muzik pubblica infatti una…

24 Jul 2013 Reviews

Read more

Hobocombo – Moondog Mask (Trovarobato/Tannen, 2013)

La maschera di Moondog si intitola la seconda fatica degli Hobocombo, ma quello che si sente nelle nove tracce di…

13 Nov 2013 Reviews

Read more

Sparkle In Grey - Thursday Evening (Grey Sparkle/Old Bycicle/Lizard/Show Me…

Buffo che mi accinga a scrivere del nuovo disco degli Sparkle In Grey proprio un giovedì sera, proprio quando "le…

07 Jan 2014 Reviews

Read more

Il buio ai margini di Drive-In: il ritorno degli '80s…

"Siamo arrivati così ai tanto vituperati Eighties, per l'inevitabile "revival" dei quali bisognerà forse attendere il giro di boa del…

07 Aug 2006 Articles

Read more

Necrophonix – Necrosick (Luce Sia, 2016)

Prima di scoprire chi fossero i titolari della sigla Necrophonix pensavo, vista la grafica in puro stile patologico - di…

08 May 2017 Reviews

Read more

Ovo – Creatura (Dio Drone, 2016)

Gli Ovo se ne escono dall’antro della Supernatural Cat lasciandosi alle spalle quel processo di relativa normalizzazione metal a cui…

11 Jan 2017 Reviews

Read more

Kinetix - Absolute Grey (Koyuki, 2009)

Dopo aver recensito negli ultimi tempi una serie di dischi in cui Gianluca Becuzzi compare in collaborazioni con altri musicisti,…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

AA.VV. - The Toysound Of Earsugar (Earsugar Jukebox, 2005)

Come si evince da alcuni miei scritti, che sicuramente non passeranno alla storia, sono un drogato di 7". Ma, nella…

10 Jan 2007 Reviews

Read more

Blood Axis + Rosa Rubea + Roma Amor – 23/06/2013…

Era evento assai atteso la calata degli americani Blood Axis, illustri portabandiera del folk pagano e capitanati da quel Michael…

12 Jul 2013 Live

Read more

Liars – 28/05/13 Interzona (Verona)

Torna in Italia in gruppo newyorkese, per presentare l'ormai non recentissino WIXIW e immancabilmente fa tappa a Interzona, con cui…

21 Jun 2013 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top