Vonneumann – Switch Parmenide (Homemade Avantgarde, 2006)

Ci avviciniamo con colpevole ritardo a questo disco dei Vonneumann uscito ormai due anni fa, tanto che, da quanto apprendo visitando il sito della band, un nuovo album è ormai pronto, ma, come dicono qui in campagna, non è mai troppo tardi. Tralasciando tutta una serie di considerazioni filosofiche in qualche modo legate al disco ma che trovo abbastanza gratuite e slegate dalla musica, o perlomeno, che a me interessano molto meno rispetto alla musica, Switch Parmenide si rivela essere un disco con più di una personalità, forse testimonianza dell'evoluzione del gruppo nel tempo.

Se l'incipit, Half Cab Segmento, con tanto di violoncello e tromba, è decisamente vicino ad un sentire post rock abbastanza classico, appena sporcato di elettronica, un po' Tortoise e un po' Radian, a partire dal secondo pezzo, Late Achille Wheelie, Tartaruga Out, la musica tende a frantumarsi, l'approccio diventa sempre più libero e l'impressione è di trovarsi di fronte ad una serie di improvvisazioni rimontate e/o successivamente rilavorate in fase di mixaggio, o, in ogni caso, di fronte ad una serie di composizioni in cui l’improvvisazione sembra essere una delle caratteristiche fondanti. I suoni sono quelli di chitarra, basso e batteria arricchiti da un'elettronica molto presente e decisamente importante nell'economia finale del disco. Il lavoro sulle ritmiche mi ricorda a tratti qualcosa dei Kapital Band 1 anche se poi i brani conservano una certa melodia di fondo e un approccio, strano a dirsi, rock (sotto forma di scorie, residui di riff, polveri sottili). L'ascolto, malgrado la materia sotto certi aspetti possa sembrare complessa, non è per niente ostico, e mi sembra di notare anche una certa malinconia brumosa, come se il disco nascondesse, sotto le interferenze elettroniche e questi ritmi rotti, un residuo di anima blues conservato chissà dove. Album veramente interessante e di ottima fattura. Per chi come me se l'era perso ai tempi dell'uscita vale davvero la pena di recuperarlo, nell'attesa del nuovo.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Orval Carlos Sibelius – Super Forma (Clapping Music, 2013)

Si dice che dei dischi non bisognerebbe mai parlarne in forma personale, ma quando in qualche modo si rimane coinvolti,…

14 Apr 2014 Reviews

Read more

Qui With Trevor Dunn – S/T (Macinadischi, 2018)

Bel colpo quello della Macina Dischi che fa uscire in CD l’album dei Qui in compagnia di Trevor Dunn (Mr.…

14 Aug 2018 Reviews

Read more

Beats Me! - Out Of The Box (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo trio romano dedito sia stilisticamente che propositivamente al punk rock settantasette americano con una strizzatina di Buzzcocks. Considerdando…

12 Dec 2011 Reviews

Read more

Marcilo Agro e il Duo Maravilha - Tra L'Altro (Room…

Momenti di amarcord. Sono cresciuto ascoltando musica prevalentemente cantata in inglese e, tuttora, fatico a relazionarmi all'italiano. Negli anni ci…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Impact - Realtà Mutabili (Linea BN, 2011)

Se si dovesse definire questo libro con sole due parole, sarebbero certamente "non mediato". Non mediato è il linguaggio usato,…

02 May 2011 Reviews

Read more

At The Gates - At War With Reality (Century Media,…

Non faccia storcere il naso il ritorno degli svedesi At The Gates, perché trai solchi del nuovissimo At War With…

19 Nov 2014 Reviews

Read more

Renato Cantini - Neverwhere (Even, 2010)

Krishna sia lodato, non solo per i dolcetti gratis ai concerti degli Shelter di tanti anni fa ma anche perché…

27 Apr 2010 Reviews

Read more

Climat - Iccopoc Papillon (Autoprodotto, 2016)

Suonare post - math - rock nel 2016? Completamente fuori tempo massimo mi direte! Ma i Climat, con due axeman…

05 Oct 2016 Reviews

Read more

Elisabeth Schimana - Sternenstaub (Chmafu Nocords, 2013)

Chamfu Nocords pubblica il primo lavoro completamente in solitaria per Elisabeth Schimana, tutto dedicato alla creazione dell'universo, tema di sicuro…

02 May 2014 Reviews

Read more

Pablo Montagne/Giacomo Mongelli - Crudités (Setola Di Maiale, 2011)

Nuovo disco per Pablo Montagne e Giacomo Mongelli, nuovamente su Setola Di Maiale e nuovamente gran bel lavoro anche se…

28 May 2011 Reviews

Read more

Tender Trap - Ten Songs About Girls (Fortuna POP!, 2012)

Parte la prima traccia - che, manco a farlo apposta si intitola Train From King's Cross Station- ed è subito…

19 Feb 2013 Reviews

Read more

The Bowerbirds - Hymns For A Dark Horse (Dead Oceans,…

Che, da qualche parte, la quadratura del cerchio dovesse arrivare, era ovvio. Pacifico era che, per qualche folkster impazzito che…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Laghima (Gian Luigi Diana, Frederika Krier) – S/T (Setola Di…

Laghima, in antico sanscrito, significa "levitazione", il diventare più leggeri di una piuma, andare oltre il proprio corpo. A tale…

12 Dec 2012 Reviews

Read more

Globoscuro - Integer (Farfromshowbiz, 2008)

Tornano i livornesi Globoscuro, usciti dal 2007 con un bel po' di dischi sparsi qua e là, ma in realtà…

08 Nov 2009 Reviews

Read more

Cristopher Walken - I Have A Drink (Taxi Driver, 2012)

Granitico heavy rock tutto genovese per l'etichetta di Maso Perasso che ancora una volta si conferma come uomo che non…

24 Oct 2012 Reviews

Read more

Daniel Menche - Melting Gravity (Sige, 2019)

Il ritorno di Daniel Menche con Melting Gravity continua a mostrare il costante avanzamento linguistico dello sperimentatore di Portland, uno…

29 Nov 2019 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top